Ha combattuto contro un pericoloso cancro ai linfonodi per un anno. La tecnologia moderna aiuta anche in combattimento

“Inizialmente ho sentito una pressione sotto le ascelle. Ad esempio, quando guido o dormo su un fianco, lo sento. Non mi sento gonfio, il dottore l’ha trovato durante una visita ginecologica. All’epoca aveva già 2 anni centimetri”, ha detto a News Barbora Strymplová.

Alla fine è stata curata per il linfoma di Hodgkin per un anno, ma Barbora ha dovuto sottoporsi a una lunga serie di esami prima che fosse fatta la diagnosi corretta. Nel suo caso, la visita iniziale al centro senologico non indicava che potesse trattarsi di una malattia grave.

Sito del cancro

Tuttavia, Barbora è tornato al centro dei giganti prima dell’ispezione programmata. “Ho sentito io stesso il nodulo e sento che cambia la sua struttura. A quel tempo, un altro dottore ha anche esaminato il mio torace e ha usato gli ultrasuoni per trovare altri risultati. Poi è stata fatta una biopsia, ha detto.

Bara è stata curata per un linfoma per un anno.

Foto: archivio di Barbora Strymplová

“All’inizio non avevo paura, il dottore disse da cinquanta a cinquanta. Quando ho cercato i risultati, credevo ancora che fosse solo un’infiammazione. Ma il dottore ha invitato me e mia madre, quindi sospetto che qualcosa stia succedendo”, ha spiegato, aggiungendo che ha anche avuto difficoltà con il modo in cui la famiglia ha affrontato la malattia. “La malattia colpirà tutta la famiglia, non solo i malati ,” Ha aggiunto.

Barbora è stata quindi sottoposta a un altro esame, che ha confermato che la sua malattia era progredita fino al quarto stadio più avanzato e si era diffusa ulteriormente in tutto il corpo. È stata la volta della chemioterapia, che ha subito all’ospedale Vinohrady di Praga in sei cicli di tre settimane.

“Per le prime due settimane una persona è come la birra, non vuole fare niente, il suo corpo è stanco, non so nemmeno leggere. Non sono nemmeno venuto al lavoro per via del trattamento”, un giovane disse una donna a Novinka.

La terapia protonica come delicata alternativa alle radiazioni

Anche dopo la chemioterapia, non ha vinto e il riesame ha mostrato che il trattamento ha causato una reazione metabolica, che potrebbe indicare un’infiammazione nel corpo o un altro linfoma. Questo di solito è aiutato dall’irradiazione di fotoni, che è più gravosa per il paziente rispetto alla chemioterapia, perché le cosiddette radiazioni ionizzanti possono causare effetti collaterali più avanti nella vita.

Un’alternativa è la terapia protonica, che distrugge in modo specifico le cellule tumorali con irradiazione protonica ed è l’unica nella Repubblica Ceca dedicata al Centro protonico di Praga. Secondo il direttore del dipartimento sanitario, Jiří Kubeš, questo trattamento è particolarmente adatto per i giovani pazienti, come Barbora, che è stata curata qui nel giugno di quest’anno.

“I giovanissimi hanno un’alta probabilità di guarigione, maggiore è il timore di possibili effetti collaterali delle radiazioni ionizzanti, che a volte compaiono entro venti o trent’anni”, spiega Jiří Kubeš.

La tecnologia protonica all’avanguardia, chiamata metodo di scansione della matita, consente loro di prevenire questo effetto collaterale, mediante il quale possono mirare e irradiare le aree tumorali con una precisione millimetrica con danni minimi ai tessuti e agli organi sani circostanti.

La giovane donna ha perso i capelli a causa del trattamento.

Foto: linfoma di Hodgkin – esperienza di vita

“La radiazione protonica è molto efficace nell’eradicare il cancro residuo, ma soprattutto riduce il rischio di possibili complicazioni più avanti nella vita. Per una percentuale significativa di pazienti, il trattamento è adatto e porta all’esame di alcuni tessuti sani per gli effetti negativi delle radiazioni ionizzanti”, spiega Kubeš.

Il centro si concentra anche sul trattamento dei tumori del polmone, del sistema nervoso centrale, della testa e del collo, nonché dei tumori della prostata e della mammella. Dalla loro fondazione nel 2012, hanno curato quasi 8.000 pazienti provenienti da 50 paesi in tutto il mondo.

Inoltre, la protonterapia è attualmente in fase di sostituzione e, secondo Kubeš, hanno un’ottima collaborazione con le compagnie di assicurazione sanitaria.

La malattia gli ha aperto gli occhi

La radioterapia protonica ha finalmente aiutato Barbora. “Quando mi hanno detto che ero in buona salute, è stata una sensazione incredibile. Non si può nemmeno descrivere. Sono stato molto felice di potermi sottoporre a radiazioni dopo il trattamento, perché era certo che la malattia non si sarebbe più ripresentata “, ha detto, aggiungendo grazie alla malattia che sembra essere riuscito a superare. che, essendo la priorità della sua vita, è anche cambiata.

“Si inizia a dare più valore alla vita. Ad esempio, comincio a viaggiare di più. Penso anche di più ora che il riposo dopo il lavoro fa bene e a volte dico che invece di cucinare, ordinerò del cibo quando le mie finanze lo permetteranno”, aggiunge con un Sorridi.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.