Guerra Russia – Ucraina: Esodo nella squadra dell’esercito russo | sport

Tornike Shengelia, difeso da Nicolò Melli nel match CSKA-Armani Milan una settimana fa.Epsilon (Getty Images)

Quando Tornike Shengelia dalla Georgia (Tbilisi, 30 anni) ha lasciato Vitoria nel 2020 per unirsi al CSKA Mosca, il presidente del suo paese, Salomé Zurabishvili, l’ha vista come una questione di stato. Ha reagito con rabbia alla decisione della star del basket di unirsi alla squadra russa. “Per me, come presidente della Georgia, è triste e inaccettabile”. Russia e Georgia hanno interrotto i rapporti nel 2008 per il sostegno di Putin ai separatisti in Abkhazia e Ossezia meridionale. Questo è successo dopo un blitz di cinque giorni, in cui la Russia ha invaso aree del territorio georgiano e ha riconosciuto i due territori come stati indipendenti.

Un anno e mezzo dopo aver lasciato Baskonia, Shengelia, che ha giocato anche al Valencia, è tornato in Spagna. Ufficialmente si reca a Vitoria, dove ha un posto dove vivere, per prendersi cura di un parente malato. Almeno questa è la spiegazione del suo agente, ma dal CSKA è considerato normale che il georgiano abbia violato i suoi impegni con il club. “Ho preso questa decisione per protestare contro l’invasione russa dell’Ucraina e non ho ritenuto possibile continuare a giocare per il club dell’esercito russo”, ha spiegato Shengelia, che ha decorato il suo account Facebook con una bandiera ucraina.

Il potere in avanti non è l’unica cosa in corso. “Per motivi personali riguardanti l’attuale situazione tra Russia e Ucraina, così come le sue possibili conseguenze, Tornike Shengelia, Iffe Lundberg, Marius Grigonis, Johannes Voigtmann e Joel Bolomboy hanno lasciato il CSKA”, ha riferito la squadra di Mosca in una nota. “Le azioni dei giocatori costituiscono una violazione dei termini del contratto e dei regolamenti, ma il club tratta la situazione personale di ogni giocatore con comprensione. Lo stato dell’accordo con i giocatori sarà finalizzato quando la situazione politica e sportiva in Europa tornerà alla normalità”, ha aggiunto il CSKA.

Uno di quelli che hanno lasciato la squadra, Joel Bolomboy, si è trovato in una strana situazione. Nacque a Donetsk, nella regione del Donbas, una delle origini del conflitto russo-ucraino. Suo padre congolese ha studiato all’Università di Mosca e ha sposato una donna russa. Entrambi si sono trasferiti in Ucraina. Joel è nato lì prima che la sua famiglia si stabilisse in Francia e infine negli Stati Uniti. Indipendentemente dal suo luogo di nascita, Bolomboy ha acquisito la cittadinanza russa in un’operazione che ha coinvolto lo stesso presidente del Paese. “Putin, presidente della Federazione Russa, ha firmato un decreto che concede la cittadinanza ai giocatori della nostra squadra”, ha annunciato il CSKA nel novembre 2018. In precedenza si era preparato con la squadra ucraina per la Coppa del Mondo 2014, ma era basso a causa di un infortunio. Nel 2017 è stato convocato per Eurobasket, ma ha deciso di non partire.

Il caso di Xavi Pascual

Il CSKA ha effettivamente accettato la partenza del suo straniero. Lundberg ha pubblicato poche ore prima una foto, con moglie e figlio, di passaggio a Stoccolma. “A causa dell’attuale complessa situazione, sono tornato nel mio paese, la Danimarca, per mantenere la mia famiglia al sicuro”, ha scritto su Twitter. Successivamente, Daniel Hacket dall’Italia e Kevin Pangos dall’America si unirono all’esodo.

Tuttavia, questa decisione di lasciare, che si estendeva anche ai giocatori stranieri di Zenit San Pietroburgo e Unics Kazan, e che potrebbe interessare anche l’allenatore greco del CSKA Dimitris Itoudis, è stata seguita da una risoluzione di Eurolega per la rimozione temporanea del giocatore. tre squadre russe della competizione. “Non incolpiamo la nostra squadra russa o la loro leadership per questo incidente. Purtroppo la gravità della situazione non ci lascia altra scelta”, ha giustificato Jordi Bertomeu, direttore esecutivo di Eurolega.

Lo Zenit ha espressamente consentito la partenza di giocatori stranieri. Il primo a partire è stato Nappier, seguito da Kuzminskas e Gudaitis dalla Lituania. Hanno ricevuto i cenni anche Tyson Carter, Jordan Loyd, Billy Barron, Conner Frankamp, ​​Alex Poythress, Mateusz Ponitka e Jordan Mickey.

Inoltre, su raccomandazione dell’ambasciata spagnola, l’allenatore Xavi Pascual e il suo assistente, Iñigo Zorzano, torneranno in Spagna nelle prossime ore. Resta da vedere quale sarà la situazione legale per i giocatori che hanno lasciato le loro squadre fino ad ora.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES all’indirizzo Facebook e Indonesiaoppure registrati qui per ricevere la nostra newsletter settimanale.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.