Guerra in Ucraina: gli Stati Uniti devono dichiarare un embargo sulle importazioni di petrolio russo

L’Europa ha una “soluzione per diventare indipendente dal gas russo”, ha affermato martedì il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire, aggiungendo di voler “accelerare” i paesi per poter “accettare le sfide dell’inverno 2022-2023”.

Confermando che i prezzi del gas saranno “congelati” fino alla fine del 2022 per i consumatori in Francia, il ministro ha parlato durante un viaggio in Normandia di una serie di soluzioni europee per far fronte allo “shock gas” legato al conflitto russo. conseguenze per l’economia del continente.

“L’indipendenza non è affatto la stessa in tutti i paesi europei, la Francia dipende per il 20% dalle forniture di gas russe, l’Europa è in media per il 40%, la Germania è per il 55% e alcuni paesi sono completamente dipendenti (…), ad esempio la Finlandia , il 100% del gas proviene dalla Russia”, ha ricordato il ministro che è intervenuto a margine di una visita al sito di produzione di idrogeno di Air Liquide.

LEGGI ANCHEGuerra in Ucraina: l’Ue sarebbe riuscita a fare a meno di un terzo del gas russo, a scapito di uno sforzo enorme

Ha sottolineato la necessità di una “soluzione europea collettiva” sulla questione.

Tra le soluzioni citate, Le Maire stima che sia necessario “accelerare lo stoccaggio del gas da questa estate”, “al 90% il riempimento e lo stoccaggio per l’inverno 2022”.

“Ora non è la sfida, la sfida è l’inverno 2022-23”, ha detto.

“Seconda possibilità: acquisto di gruppo, terreno comune per unificare e ottenere prezzi più bassi”, ha affermato. “La terza cosa, cercare di diversificare l’offerta” di altri produttori.

Viene menzionato il quarto percorso: migliorare il funzionamento del terminal GNL, “ce ne sono sette in Spagna, ce ne sono quattro in Francia e purtroppo nessuno in Germania, possiamo migliorare il funzionamento del terminal in modo che ‘abbiano risultati migliori’, ha affermato Le Maire, il quale ha precisato di aver “visto” con i vertici del gruppo Engie come “migliorare il funzionamento” del terminal.

Di fronte a uno “shock gas”, Le Maire cita l’ultimo percorso, ovvero biomassa e biogas, “soluzioni alternative prodotte in Francia che consentiranno di diventare indipendenti dal gas russo”.

Ha confermato che il suo ministero stava conducendo una “revisione” dei consumatori di gas, industriali e non. “Proporrei una serie di misure di sostegno” per i grandi consumatori, ha affermato, riferendosi in particolare al caso dei produttori di zucchero che utilizzano il gas.

LEGGI ANCHE – Guerra in Ucraina: Algeria, alternativa limitata al gas russo

Jacqueline Andrus

"Unable to type with boxing gloves on. Total alcohol enthusiast. Unapologetic thinker. Certified zombie junkie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.