Griffintown attira nuovi affari come una calamita

Dalla ristorazione italiana al “bubble tea”, passando per la cucina indiana, sempre più nuovi brand decidono di insediarsi nel distretto di Griffintown, situato nel sud-ovest.

“Dinamico” e “fiorente” erano gli aggettivi che venivano fuori più spesso quando chiedevamo ai manager di tre aziende perché avevano deciso di stabilirsi a Griffintown, un ex quartiere operaio nel sud-ovest di Montreal che ha trasformato magazzini, condomini e condomini.

Quattro uomini dalla sola Italia Pronto pronto da mangiare. L’attività di cibo da asporto di qualità è stata aperta il 18 febbraio al 1169, rue Ottawa, e il primo cartello è in circolazione da un anno a Dollard-des-Ormeaux. “Quando abbiamo aperto 1ripetere negozio nel bel mezzo di una pandemia, avevamo così paura che i clienti non sarebbero stati in giro”, spiega lo chef e co-proprietario di Pronto Prt mangiatoia, Marco Galleria. “Ma poiché la nostra promessa è di offrire cibo di fascia alta al 50% in meno rispetto ai ristoranti, con la chiusura del ristorante, volta perfetto”, ha aggiunto Alex Morselli, anche lui uno dei titolari.

Incoraggiati dal loro successo iniziale, i quattro partner hanno accettato la sfida di aprire un secondo spazio di 1.500 piedi quadrati a Griffintown.

squadra da Pronto pronto da mangiare de Griffintown.
Credito: Alicia Casteras.

“Ci sono condomini che spuntano ovunque e costruzioni che spuntano come funghi”, ha detto Alex Morselli. “Molte persone verranno e rimarranno qui, sappiamo che lo sarà in futuro”, ha aggiunto Marco Galerio, che ha garantito che la sua offerta è rimasta la stessa. “Grazie ai nostri oltre 20 anni di esperienza nella ristorazione e al lavoro con i nostri fornitori, siamo convenienti, senza mai rinunciare alla qualità”, definiscono i partner, il cui menu mediterraneo comprende in particolare ossobuco la milanaise e budino di vitello per $ 24.

Dalla sua apertura, la mangiatoia Pronto Prêt a Griffintown ha avuto tra i 50 ei 70 clienti al giorno. I servizi di catering a domicilio per ricevimenti, matrimoni o feste rappresentano il 20% delle vendite totali del marchio.

Pronto pronto da mangiare de Griffintown, 1169 rue Ottawa.
Credito: Alicia Casteras

Un pubblico che “non ha paura di provare cose nuove”

Canale di Taiwan tè alle bolle Presotea ha aperto la sua prima filiale di Montreal nel 2018 a Chinatown. “Riconosciamo che i nostri clienti non sono solo asiatici”, spiega May Giang, manager di Presotea in Quebec. “Griffintown ha una popolazione giovane e dinamica che non ha paura di provare cose nuove come tè alle bolle. E inoltre, ci siamo resi conto che non era ancora nel quartiere”, ha detto.

Pertanto, Presotea Griffintown apre il 25 febbraio al 1080 di Wellington Street.

Presotea Griffintown a 1080 Wellington Street.
Credito: Alicia Casteras.

“Penso che sia un bellissimo quartiere, con tutto ciò che lo circonda, sia Ville-Marie che il Lachine Canal”, afferma Nicholas Quach-Diep, franchisee e co-proprietario di Presotea Griffintown, che parla anche di Griffintown come di un quartiere “nello spirito e sviluppo”.

“Preso” come “espresso”, e “tè” come “tè”, definiscono il manager, che ricorda il concept del marchio. “Ciò che ci distingue è che utilizziamo una macchina per caffè espresso che abbiamo convertito per preparare il tè, su ordinazione, ad alta pressione e ad alta temperatura, per avere un gusto ricco e un aroma forte, in qualsiasi momento della giornata.

Nicholas Quach-Diep e So Nary Thou, co-proprietari del franchise di Presotea Griffintown.
Credito: Alicia Casteras

Presotea sta lavorando anche il suo menu di stagione, con frutta fresca, e la pesca, ad esempio, sarà un momento clou in estate.

Rispondi alle richieste

A pochi metri da Presotea sta per aprire a Griffintown un ristorante dal nome noto sull’Altopiano. IO’Rosa indiana La famiglia Sandhu si stabilirà al 1040, rue Wellington, in uno spazio di 6000 piedi quadrati che offrirà 145 posti a sedere e un’area bar per regalare cocktail in più.

India Rosa Griffintown si trasferirà al 1040 di Wellington Street.
Credito: Alicia Casteras

“Tra i nostri clienti di Mount Royal, abbiamo notato che ci sono molte persone provenienti da Griffintown. È un buon ambiente, che prospera molto, ed è un’opportunità per costruire sulla nostra cucina indiana in un settore che ancora non ce l’ha”, spiega il proprietario di Rosa India Goppy Sandhu, a cui piace creare posti di lavoro per una sessantina di persone.

“Il menu sarà lo stesso di Mount Royal, ma l’arredamento e l’atmosfera seguiranno l’ambiente in modo che assomigli ai residenti di Griffintown”, ha detto.

L’apertura di Rosa Griffintown India, la cui costruzione è stata ritardata a causa delle consegne di materiale al momento della pandemia, dovrebbe avvenire entro giugno o luglio, auspica la direzione.

Famiglia Sandhu, proprietaria di Rosa India.
Credito: Alicia Casteras

Parola della DSC Les Quartiers du Canal

“Dall’anno scorso sono sorte nuove attività a Griffintown”, afferma Manon Dubreuil, project manager di Griffintown nell’annuncio della Société de développement (SDC). Distretto dei Canali.

“Con la costruzione di nuovi condomini emergono nuovi spazi commerciali, come ad esempio il Bouclair, e altri spazi sono stati modificati o rinnovati, come Le Petit Dep nell’edificio Kander”, spiega il project manager.

Nel 2021, SDC Les Quaartiers du Canal e Raymond Chabot Grant Thornton hanno condotto uno studio di posizionamento e caratterizzazione del potenziale economico di Griffintown, che ha rivelato diverse fughe di notizie commerciali, in particolare per ristoranti, negozi di vino, birra e liquori o negozi di arredamento per la casa.

“La recente apertura di molti ristoranti è una buona notizia per stare al passo con la domanda. Tuttavia, l’attività di “cultura e intrattenimento” dovrebbe essere sviluppata come priorità per migliorare mescolare affari”, ha continuato Manon Dubreuil.

Per quanto riguarda la chiusura dell’azienda, la DSC ha affermato di “non disporre di dati precisi”, ma “prevede di identificare tutti i locali commerciali liberi a Griffintown, La Petite-Bourgogne e Saint-Henri entro il 2022”.

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i riepiloghi settimanali delle novità Sud-Ouest.

Jacqueline Andrus

"Unable to type with boxing gloves on. Total alcohol enthusiast. Unapologetic thinker. Certified zombie junkie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.