Gioco pericoloso da entrambe le parti, Lajcak ha perso la vita

Dusan Janjic del Forum delle relazioni etniche ha dichiarato all’evento N1 Studio Live che l’attuale situazione al confine amministrativo con il Kosovo è una conseguenza del “gioco pericoloso” a cui stanno “giocando” Belgrado e Pristina, e che pagheranno uomini d’affari e comuni cittadini il prezzo più alto. Ha affermato che entrambe le parti non hanno onorato l’accordo e Kurti ha risposto con un’azione reciproca che avrebbe ulteriormente approfondito il conflitto. Promise ha valutato che il rappresentante speciale dell’UE per il dialogo tra Belgrado e Pristina, Miroslav Lajcak, non è stato in grado di prevenire l’ultima escalation del conflitto.

“Ricorda il 2011, 2012 e 2013. Il luogo in cui è successo era uno dei valichi amministrativi in ​​fiamme e serve a rafforzare i legami tra Pristina e Belgrado se qualcuno ne ha bisogno”. Questa volta, entrambi ne avevano chiaramente bisogno. E le elezioni sono qui, entrambe”, ha detto Promise.

Secondo lui, l’Accordo del 2016, cui Pristina ha fatto riferimento nel decidere su una domanda reciproca, prevede che l’uso delle tabelle delle due entità sia ragionevole.

“La Serbia ha respinto la targa RKS (Kosovo), motivo per cui la targa KS è stata estesa, o tollerante. Questo fino a quando Kurti è salito al potere per la prima volta. Quindi ha sospeso le tasse e ha introdotto un pacchetto di azioni reciproche, in cui c’era anche una parte sul tavolo, nello specifico, il piatto RKS è inamovibile, quindi albanesi e serbi si scambiano i piatti.E questa è molestia, sottolinea l’ospite H1.

Ha aggiunto che in questa situazione “il gioco dell’Ue e di Miroslav Lajcak è pericoloso”.

“Hanno fatto finta di non vedere la chiave. Il fatto che la Serbia non abbia effettuato il passaggio attorno a targhe e timbri doganali è stato tenuto segreto al riguardo”, ha detto Promise e ha precisato che ci sono “municipi paralleli, anch’essi messi a tacere”.

“L’Unione Europea ha creato l’illusione tra i politici di poter fare quello che vogliono. C’è un problema con Kurti. La politica reciproca è pericolosa. Questa non è una politica di normalizzazione. È un ‘occhio per occhio, dente per politica dei denti. Ed è sorprendente come Lajcak e Borel non possano rifiutare Kurti”, crede e aggiunge che “la reciprocità non porta mai alla pace”.

Fonte : N1

Tutti sapevano che sarebbe successo

Ha sottolineato che “tutti sapevano” che ciò sarebbe accaduto, dai rappresentanti internazionali alla polizia serba e kosovara.

Ricorda anche che la campagna elettorale è iniziata e che Kurti e Raki la usano.

“Sin dai tempi di Tadic, è stato un conflitto falso. Organizzato, poi un po’ fuori controllo, poi un po’ indietro… È un gioco pericoloso, devo dire. Gioco pericoloso da entrambe le parti, con polizia e soldati. “Pensavo che la prima ondata della crisi sarebbe stata risolta attraverso la diplomazia”, ​​ha affermato Kontakc.

Alla domanda se Lajcak potesse risolvere la situazione, ha risposto negativamente e ha sottolineato: “Se avesse potuto, non lo avrebbe permesso”.

“Era in Kosovo da tre giorni. Invece di prendere precauzioni, si è suicidato. Ha accorciato la sua visita a Belgrado, e non gli interessava quello che dicevano gli uomini d’affari, chi stava soffrendo di più… Era un restringimento del focus, solo sul governo”, fa notare la promessa.

Ha predetto che “l’UE alla fine dovrà prendere posizione, che voglia la normalizzazione o la reciprocità”.

Kontakc ha sottolineato che nell’attuale situazione la Serbia non ha rispettato l’accordo di Bruxelles e che il Kosovo ha risposto con una politica di reciprocità inadeguata.

Il direttore del Forum delle relazioni interetniche ha annunciato un nuovo aggravamento dei rapporti se Albin Kurti avesse sollevato la questione dell’esistenza di città parallele.

“Questo è l’inizio di una grave crisi. È preoccupato per come reagirà Lajcak… Deve avvertire Kurti che i valori europei non sono la reciprocità. I ​​valori europei non sono la guerra, ma la pace”, ha concluso.

Riprese video della performance di N1 Studio Live:

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.