Giochi Olimpici – Day 9: I biatleti falliscono, Krýzl 19° in slalom gigante

PECHINO (Reuters) – I biatleti cechi sono lontani da una medaglia alle Olimpiadi di Pechino. A causa di scarsi tiri, il miglior risultato è stato il 28° posto di Markéta Davidová. I leader della Coppa del Mondo hanno dominato la gara, il terzo titolo in Cina è stato vinto dalla norvegese Marte Olsbu Röiseland, il secondo oro è andato al francese Quentin Fillon Maillet, entrambi già quattro volte medagliati. Oggi, lo sciatore Kryštof Krýzl, il 19° uomo nello slalom gigante, ha affrontato il miglior piazzamento individuale del ceco. La staffetta di sci di fondo ha conquistato il 12° posto. I risultati dell’ultima giornata del girone base del torneo di hockey determinano la nazionale ceca come rivale nei playoff in Svizzera.

Gli uomini dell’allenatore Filip Pešán sono settimi nella classifica generale del torneo, che decide il piazzamento nei playoff, e la Svizzera è decima. Le due squadre ripeteranno il duello dal gruppo base a Pechino martedì, con i cechi che vinceranno 2:1 venerdì dopo attacchi separati. In termini di promozione, la nazionale affronterà la Finlandia nei quarti di finale.

“La Svizzera è una pessima avversaria. Penso che sia stata una grande sorpresa che sia finita ultima nel girone”, ha detto ai giornalisti l’attaccante e capitano Roman Cervenka.

Nonostante quattro errori al poligono, Davidová ha migliorato di 13 posizioni rispetto alla posizione di partenza dopo lo sprint fallito di venerdì. Anche Lucie Charvátová, scesa al 34° posto, ha completato quattro turni di rigore, mentre Jessica Jislová ha chiuso un posto peggiore.

“E’ stata una delle gare più dure dell’anno. La pista qui non è facile per l’altitudine e il tempo, quindi è una punizione. Non sento affatto il mio dito. Sono sorpreso di aver colpito qualcosa. .Come se il mio dito cadesse “, disse David.

Michal Krčmář non è migliorato al 16° posto dello sprint e dopo sette errori al poligono lo ha concluso al 34°. Ha bruciato soprattutto nelle prime “tribune”, dove ha sbagliato quattro volte quando ha centrato la top ten. “C’era un forte vento. Mi dispiace davvero, ha rovinato la gara. Ero determinato, è stato bello dopo il letto e ho fatto quello che volevo, ma non potevo fare la verticale”, ha detto Krmář. Mikuláš Karlík è arrivato 42esimo dopo otto turni di rigore, Adam Václavík due posizioni dietro di lui e Jakub tvrtecký quarantotto.

Olsbu Röiseland ha seguito la vittoria dello sprint, ha vinto anche la staffetta mista e ha vinto il bronzo nella gara di durata. Fillon Maillet ha migliorato il secondo posto nello sprint e ha continuato a vincere nella gara di durata, secondo sempre a staffetta. Il vincitore dello sprint Johannes Thingnes Bö ha anche pagato un terzo oggetto da tiro, dove da chiaro leader ha commesso tre errori nel vento. Dopo un totale di sette round di penalità, è arrivato quinto.

Kryzl ha pareggiato il suo risultato nello slalom gigante alla Coppa del Mondo dell’anno scorso. Nella quarta partecipazione olimpica, ha superato il suo miglior risultato in questa disciplina in cinque giri, ovvero il 23 ° posto da Vancouver 2010. Jan Zabystřan non ha concluso il primo round con forti nevicate.

“Volevamo essere al 15° posto, ma la costanza delle mie prestazioni non è così. Anche oggi non ha funzionato. Ma il 19°, se qualcuno me lo avesse detto due anni fa, li avrei presi tutti e dieci”, ha detto Kryzl .

Odermatt ha compensato la delusione delle due precedenti gare di Yenching. Il leader del Mondiale ha attaccato invano le medaglie nella discesa libera e nel superG, ma questa volta ha confermato la posizione di miglior uomo nella classifica di slalom gigante di questa stagione. Nel tempo totale, ha battuto uno sloveno Kranjec con un margine di 19 per centesimi di secondo, salito sul podio dall’ottavo posto. Il campione del mondo francese Mathieu Faivre ha vinto il bronzo.

Il quartetto di Adam Fellner, Michal Novák, Petr Knop e Jan Pechoušek è stato seguito dai risultati di quattro anni fa a Pyongyang nella gara 4×10 km. Dopo tre sezioni, i cechi erano in gioco con dieci, ma il finisher Pechoušek è caduto all’ultimo posto nella staffetta, non prima del round.

A quel tempo, la Russia era a più di dieci minuti dal traguardo, vincendo l’oro nella staffetta per la prima volta da Lake Placid nel 1980, quando l’Unione Sovietica era ancora vittoriosa. A Changjia, Alexei Chervotkin, Alexander Bolshunov, Denis Spicov e Sergei Ustugov hanno battuto i campioni in carica della Norvegia in poco più di un minuto, mentre la Francia è arrivata terza.

Bolshunov ha aggiunto l’oro per la vittoria nello skiathlon e l’argento nella classica 15 km. Una terza medaglia è stata vinta oggi anche dalla pattinatrice di velocità Suzanne Schulting, che ha guidato la staffetta olandese e ha preso il suo secondo oro dalla Cina, e dall’ungherese Shaoang Liu, che ha vinto la gara dei 500 metri dopo due bronzi.

Il pattinatore di velocità Nikola Zdráhalová è 25° su cinquecento, su tre partenze finora, il suo massimo rimane 18° su tre. L’americana Erin Jackson è diventata la regina della distanza più breve.

Riepilogo dei risultati di domenica alle Olimpiadi di Pechino:

Sci di fondo:

Staffetta 4×10 km maschile: 1. Russia (Chervotkin, Bolshunov, Spicov, Ustugov) 1:54:50.7 ore, 2. Norvegia (Iversen, Golberg, Holund, Klaebo) -1:07.2, 3. Francia (Jouve, Lapalus, Parisse, Manificat) -1 : 16.4, 4. Svezia -2: 09.7, 5. Germania -2: 55.8, 6. Finlandia -4: 37.9, 7. Svizzera -5: 22.6, 8. Italia -5: 25.9, 9. Stati Uniti -8: 05.6, 10. Giappone -8:10.8, …12. CR (Fellner, Novak, Knop, Pechhousek) -10:07.1.

Biathlon:

Inseguimento maschile (12,5 km): 1. Fillon Maillet (Fr.) 39: 07.5 (0 turni), 2. T. Bö (NOR) -28.6 (1), 3. Latypov (RUS) -35.3 (1), 4. Hofer (It. ) – 51.1 (0), 5. JT Bö (NOR) -2:13.7 (7), 6. Rees (DEU) -2:30.2 (1), 7. Desthieux (Fr.) -2:47.2 ( 3) , 8 Samuelsson (SWE) -3: 02.7 (5), 9. Jacquelin (Fr.) -3: 06.2 ( 6), 10. Leitner (AUT) -3: 08.8 (1), …34. Krčmář -4: 59.4 (7), 42. Karlík -6: 31.3 (8), 44. Václavík -6: 33.7 (6), 48. tvrtecký (tutti CR) -7: 24 , 6 (7).

Inseguimento femminile (10 km): 1. Röiseland (Nor.) 34:46.9 (primo turno), 2. E. bergová (Svezia) -1:36.5 (3), 3. Eckhoff (Nor.) -1:48, 7 (3 ), 4. Solova (BEL) -1: 58.9 (3), 5. Persson (Svezia) -2: 07.2 (2), 6. Wierer (It.) -2: 09 , 1 (3), 7. Hausová (AUT) – 2:09.8(2), 8. Simonová (Fr.) -2:18.3(2), 9. Hojniszová-Staregová (POL) – 2:28.8(2), 10. P. Fialková (SR) -2: 38.8 (2), …28. Davidová -4: 02.9 (4), 34. Charvátová -4: 56.3 (4), 35. Jislová -5: 07.6 (2), Voborníková (intera Repubblica Ceca) bloccato in giro.

bobby:

Donna – monopezzo (dopo 2 viaggi su 4): 1. Humphries (USA) 2:09.10 (1:04.44 + 1:04.66), 2. De Bruin (CAN) -1.04 (1:05, 12 + 1:05.02), 3. Zero (DEU) -1.22 (1:04.74+1:05.58).

Riccio:

Uomini – Gruppo Base: Svezia – Norvegia 6:4, Inghilterra – Cina 7:6, Canada – USA 10:5, Russia – Italia 10:7, Inghilterra – Danimarca 8:2, Italia – Svizzera 8:4, USA – Cina 8:6.

Donne – gruppo base: Inghilterra – Danimarca 7:2, Svezia – USA 10:4, Svizzera – Canada 8:4, Cina – Corea 6:5 dopo i supplementari.

Hockey maschile:

Gruppo A:

Cina – Canada 0:5 (0:3, 0:1, 0:1)

Gol e record: 3rd Street (Johnson, O’Dell), 7th Tambellini (A. Grant, Wotherspoon), 11th O’Dell (Ho-Sang, Wotherspoon), 39th Johnson (Demers, Weal), 47th. C. Knight (Power, Ho-Sang). Giudici: Ansons (LVA), Bruggemann (USA) – Hynek (CZE), Lazarev (RUS). Eccezione: 5:5 Utilizzo: 0:1 Presenze: 904.

USA – Germania 3:2 (1:1, 1:0, 1:1)

Gol e record: 5. Kampfer (Miele, O’Neill), 25. Knies (Abruzzese, Ness), 43. N. Smith – 2. Hager (Sail, Kahun), 58. Kühnhackl (Bergmann, J. Müller). Giudici: Romasko (Rus.), Sidorenko (Bl.) – Ondráček (ČR), Obwegeser (Šv.). Penalità: 6:5. Utilizzo: 1:1. Presenze: 708.

Tavolo finale:







1. Stati Uniti d’America 3 3 0 0 0 15:4 9
2. Canada 3 2 0 0 1 12:5 6
3. Tedesco 3 1 0 0 2 6:10 3
4. Cina 3 0 0 0 3 2:16 0

Girone C:

Slovacchia – Lettonia 5:2 (1:1, 2:0, 2:1)

Gol e record: 12. Marinčin (Jurčo, L. Hudáček), 27. Cehlárik (Hrivík, Takáč), 32. Slafkovský, 50. Zuzin (Kelemen, erešňák), 60. Jurčo – 16. Keninš (Abols, Krastenbergs), 43. Indrašis (Cibulskis, Meija). Giudici: Gouin (CAN), Nord – Lundgren (entrambi svedesi), išlo (RUS). Eccezioni: 2: 1. È inutile. Presenze: 943.

Finlandia – Svezia 4:3 ai tempi supplementari (0: 0, 0:3, 3:0 – 1:0)

Gol e record: 46. Hartikainen (S. Manninen, Vatanen), 56. Pakarinen (Hartikainen, S. Manninen), 58. Pakarinen (M. Lehtonen, Hartikainen), 63. H. Pesonen – 25. Wallmark (Tömmernes, Pudas) ), 29. L. Bengtsson (Tömmernes, Bromé), 32. Lander (Pudas, C. Klingberg). Giudici: Campbell (CAN), Gofman (RUS) – Hancock (USA), Salaggin (RUS). Eccezione: Utilizzo: Pubblico: 6:4, più Markus Granlund (finlandese) 5 minuti. e fino alla fine del gioco. Utilizzo: 2: 3. Presenze: 963.

Tavolo finale:







1. Finlandia 3 2 1 0 0 13:6 8
2. Svezia 3 2 0 1 0 10:7 7
3. Slovacchia 3 1 0 0 2 8:12 3
4. Lettonia 3 0 0 0 3 5:11 0

Pattinaggio veloce:

Principessa dei 500 metri: 1. Jackson (USA) 37.04, 2. M. Takagiová (JPN) 37.12, 3. Goliková (RUS) 37.21, 4. Herzogová (AUT) 37.28, 5. Leerdamová 37, 34, 6. Koková (entrambi Niz.) 37.39 , 7. Kim Min-sun (Corea) 37.60, 8. Kačanová (RUS) 37.65, 9. Ziomeková (Pol.) 37.70, 10 Fatkulinová (RUS) 37.76, …25. Zdráhalová (CZE) 39.18.

Pattinaggio di velocità su pista corta:

Figlio 500 m 1. Shaoang Liu (HUN) 40.338, 2. Ivliyev (RUS) 40.431, 3. Dubois (CAN) 40.669, 4. Ashgaliyev (KAZ) 40.869, 5. Sighel (It.), 6. Wu Ta- Ching (Cina) 41.157, 7. Sitnikov (RUS) 41.217, 8. Nikisha (KAZ) 41.329, 9. Kruzberg (LVA) 41.465.

Staffetta 3000m figlia: 1. Olandese (Schulting, Poutsma, Velzeboer, Van Kerkhof) 4: 03,409, 2. Coreano (So Wi-min, Che Min-chong, Kim A Lang, I Ju-pin) 4: 03,627, 3. Cina (Chu Chun -yü, Chang Chu-chung, Fan Kche-sin, Chang-Yu-ching) 4: 03.863, 4. Canada 4: 04.329, 5. Italia 4: 09.688, 6. Polonia 4: 10.074, 7. Russia 4: 06.064 , 8. Stati Uniti 4:06.098.

Sci alpino:

Slalom gigante maschile: 1. Odermatt (Svizzera) 2: 09.35 (1: 02.93 + 1: 06.42), 2. Kranjec (Slovenia) -0.19 (1: 03.71 + 1: 05.83), 3. Faivre (Fr.) -1.34 (1:03.01 +1:07.68), 4. Radamus (USA) -1.60 (1:03.79+1:07.16), 5. Favrot -1.69 (1:03.12+1:07.16) e Pinturault (entrambi Fr.) – 1.69 (1: 03.99 + 1:07.05), 7. Caviezel (Svizzera.) -1.85 (1:03.90 + 1:07.30), 8. Kristoffersen (NOR) -1.90 (1:03.05 + 1:08.20), 9. Verdu (Dan. ) -1.93 (1:04.48 + 1:06.80), 10. Zubcic (HRV) -2.74 (1:04.69 + 1:07.40), …19. Krýzl -6.21 (1:07.29 + 1:08.27), Zabystřan (entrambi CR) non ha concluso il primo turno.

olimpico

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.