G. Gerapetritis: L’apertura della scuola è stata davvero un successo

L’apertura di scuole e università, la situazione finanziaria delle famiglie e dello Stato, ma anche greco-turca, sono diventati il ​​fulcro di un’intervista al ministro di Stato George Gerapetritis all’emittente televisiva “Aegean” del Dodecaneso.

Partendo dalle problematiche scolastiche e sottolineando che lui, in quanto genitore di due studenti, comprende appieno le problematiche e le preoccupazioni della scuola, risponde che “la realtà è che è assolutamente necessario aprire le scuole. È indispensabile per ragioni pedagogiche, perché i bambini sono diverso quando si trovano nel loro ambiente naturale (entrambi gli anni assenti dalla tabella per le spese scolastiche dei nostri figli) è assolutamente necessario per motivi di equilibrio mentale, perché i bambini non devono essere isolati dal loro ambiente naturale e cioè la scuola, assolutamente necessario anche per motivi di salute – e questo è stato dimostrato”, ha sottolineato con forza il Ministro Lo Stato, spiegando il “perché”:

“Oggi abbiamo più di 15.500 potenziali casi, attraverso test di autodiagnostica. Se non fosse per le scuole, che stanno promuovendo questo massiccio autotest – circa 1,6 milioni di bambini sottoposti a autotest – i casi, i bambini sarebbero portandolo ora libero nello spazio e può essere un transponder.” Quindi, ha aggiunto, “l’apertura della scuola per ora è davvero un successo”.

Per le università, il Ministro ha affermato che “ci sono tassi di vaccinazione molto alti, che in alcuni casi superano il 75% e l’80% degli studenti, a differenza di quelli dell’istruzione primaria e secondaria molto bassi. Le università hanno uno staff speciale che svolge i test”, ha detto ricordando che “per il completamento del semestre ci sono 1-2 settimane in più nella maggior parte delle università e poi fanno un esame. Quindi, invece dei dati, ovviamente valutati in modo dinamico, questa settimana valuteremo con gli scienziati “Come stanno andando le cose. Ma, sicuramente a livello di studenti, tutto ciò che è necessario viene fatto in modo da non avere una trasmissione eccessiva del virus.”

Nel prossimo argomento dell’intervista, alla domanda se sarebbe imminente un nuovo intervento del governo a sostegno delle famiglie in termini di costi di luce e gas, G. Gerapetritis ha assicurato che “ci avvicineremo a ciò che è necessario, soprattutto nelle questioni energetiche”, per questo e per nel mese di gennaio il governo “presuppone un’assistenza molto significativa che coprirà gran parte dell’aumento”, sia per le famiglie che per le imprese.

Per quanto riguarda i settori che sono stati colpiti di recente, “probabilmente ci saranno delle preoccupazioni, la nostra speranza è che il fenomeno dell’accuratezza sia temporaneo, gli studi dimostrano che non è un fenomeno con caratteristiche permanenti. “Finché esiste questo problema, il Il governo e lo stato greco sosterranno le vittime”, ha promesso.

Alla domanda se gli isolani sarebbero in grado di tornare sull’isola prima o poi, ha affermato che in molti casi nei settori del turismo, della ristorazione e dei trasporti “c’è stata un’aliquota IVA ridotta che è il motore dell’economia greca, che è influenzato anche dal settore, quindi ci assicuriamo che questi settori rientrino in un regime di IVA ridotta”.

Per quanto riguarda la struttura orizzontale dell’Iva, ci sono restrizioni da parte della normativa comunitaria, osserva, quindi “c’è una grande difficoltà ad avere una detrazione che non risponda a circostanze particolari”. “C’è sempre uno sforzo da parte del governo greco per il miglior trattamento possibile”, ha detto, riferendosi allo status speciale delle cinque isole, che ospitano flussi di immigrazione e profughi. “La nostra speranza è quella di poter avere più opportunità, più benefici per gli Akriti, per gli isolani”, che, ha aggiunto, subiscono un peso molto maggiore a causa dei costi di trasporto.

Nella parte successiva dell’intervista, il ministro di Stato ha sottolineato che “nella pandemia abbiamo ottenuto qualcosa che all’inizio sembrava impossibile, abbiamo tenuto a galla la società e l’economia, abbiamo avuto la più grande riduzione della disoccupazione in tutta l’UE, del 3% punti di mezzo. enormi depositi personali, delle famiglie e delle imprese, fino a circa 30 miliardi”. Quindi, conclude, “la realtà è che siamo riusciti a uscire dalla pandemia dal punto di vista economico. Rafforzare una categoria speciale dei nostri simili cittadini che si trovano nella posizione più vulnerabile”.

Chiudendo con il greco-turco, il ministro di Stato ha inviato un messaggio: “siamo vigili e vigili, siamo pronti per ogni evenienza. – c’è grande forza e morale nelle forze armate. L’immagine di Evros nel marzo 2020 e il molto fresca è la repulsione della guerra ibrida con i veicoli degli immigrati, come il quadro della riduzione dei flussi migratori – sono diminuiti di oltre il 90%”.

FONTE: -ΜΠΕ

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *