FRANCESE MAGGIORE Confessione: Ho aiutato la Serbia durante i bombardamenti perché mi vergognavo del mio francese!

Con quelle parole, tra l’altro, l’ex maggiore Pierre Henri Binelcondannato dalle autorità francesi per spionaggio per il nostro Paese, ha inviato, tramite l’amico parigino Mila Alečković, una lettera di sostegno ai cittadini della Serbia, nell’anniversario del bombardamento della Nato.

Nel 1999 è iniziato Nato aggressione contro i serbi orgogliosi e indipendenti, un dramma che si svolge con l’aiuto di qualche opinione pubblica maltrattata dalla NATO e dai suoi satelliti. Ecco perché ho deciso di prevenire tali incidenti.

Sono stato costretto a seguire il corso degli eventi da dietro le sbarre di un carcere francese, che segnerà per molto tempo partecipanti e carnefici nella storia – ha detto Binel nella sua lettera.

Un ex ufficiale francese è stato condannato per aver rivelato un potenziale obiettivo poco prima del bombardamento della NATO. In un’intervista esclusiva per “Novosti” nel decimo anniversario dell’attentato, Binel ha spiegato di aver annotato su un pezzo di carta alcune sezioni degli elementi che erano nel documento di lavoro con una tabella, i tipi e i numeri di importanti obiettivi militari che potrebbe essere bombardato.

(VIDEO) WOW! GIAVELLOTTO A SHIPTAR?! Appare un video, un’auto con i contrassegni albanesi carica di missili NATO?


ANCORA LA SERBIA LO INCOLPA DI TUTTO! Đukanović ha attaccato ancora una volta un’etichetta vergognosa alla Serbia, questo si è visto, non è la prima volta che ha segretamente distorto la verità! (VIDEO)

ANCORA LA SERBIA LO INCOLPA DI TUTTO!  Đukanović ha attaccato ancora una volta un'etichetta vergognosa alla Serbia, questo si è visto, non è la prima volta che ha segretamente distorto la verità!  (VIDEO)

In qualità di capo del gabinetto di rappresentanza francese nella NATO a Bruxelles, lo ha consegnato al collegamento serbo, il generale Jovan Milanovi. Un tribunale militare di Parigi lo ha condannato a cinque anni di carcere nel dicembre 2001, tre dei quali sospesi. All’epoca disse a “Novosti” che non aveva rimpianti e che avrebbe fatto lo stesso ora, se si fosse trovato in una situazione simile.

In una lettera di sostegno inviata oggi, Pierre-Henri Binell ha sottolineato che, con il riconoscimento indipendente del Kosovo e Metohija da parte del satellite di Washington, il dramma continua ancora oggi, dato che l’Alsazia un tempo è stata sottratta alla Francia, e l’ha restituita.

Una nazione che non ha passato non ha anche futuro. E coloro che mantengono la coscienza di chi e cosa sono, la coscienza di chi l’ha creata, se prendono ciò che è buono dal modernismo, possono continuare il loro cammino. – ha detto Binel, che a causa del suo sostegno alla Serbia, è stato lasciato senza riconoscimento dalla Legion d’Onore.

Sentimenti di vergogna e orgoglio

Nella sua lettera, Binel ha ricordato di essersi vergognato e orgoglioso allo stesso tempo prima che fosse annunciato il crimine dell’attentato.

Peccato, perché vedo il mio Paese complice volentieri del grande tradimento, soprattutto. La partecipazione a tali atrocità non può servire al popolo francese.

Ma la cosa peggiore di tutte è che le nostre autorità tradiscono la tradizionale amicizia tra i due popoli costruita sul patrimonio storico.

Ma mi sentivo anche orgoglioso in quel momento. Dal mio carcere parigino ho sentito un grande cameratismo con i serbi, che sono stati picchiati perché hanno difeso la vita, la cultura e la libertà, i loro diritti più elementari.

Seguici sui social




Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.