Flick e “super feeling” dopo il golpe italiano – lo sport nel mondo

Fatto! Dopo una notte storica a Mönchengladbach, l’internazionale Hansi Flick è stato autorizzato a sedersi sul sedile dell’autobus con una “super sensazione”. In men che non si dica siamo andati in vacanza.

Cinque mesi buoni prima della partita di apertura della Coppa del Mondo, la vittoria per 5-2 della DFB contro l’Italia campione d’Europa ha inviato il segnale che l’allenatore della nazionale sperava: guarda, possiamo battere i più grandi giocatori del calcio mondiale – e non abbiamo finito ancora. Anche se alcuni risultati sono stati insoddisfacenti nell’estate della Nations League.

Deve “dare grande merito alla squadra e anche ringraziarli per il modo in cui giocano a calcio”, ha detto Flick dopo la partita: “Ha implementato tutto ciò che avevamo pianificato”. La vittoria, la più alta contro l’Italia in 83 anni, è stata “più che meritata, per questo siamo riusciti ad entrare in contropiede con un buon feeling”. Non solo una bella sensazione, ha aggiunto, con una “grande sensazione”.

Vacanze estive salvate

Quattro partite consecutive per 1-1, inclusa un’andata molto diversa a Bologna due settimane fa, hanno divorato i professionisti. E anche per Flick, che ha dovuto difendersi da commenti sempre più critici. Joshua Kimmich (10° minuto), Ilkay Gündogan ai rigori (45+4), Thomas Müller (51°) e il capocannoniere di Flick Timo Werner (68° e 69°) hanno impedito una pausa estiva piuttosto inquieta contro la malsana Azzurra Squadra. Wilfried Gnonto (78′) e Alessandro Bastoni (90’+4′) segnano dall’altra parte.

“Se lo facciamo in questo modo (come contro l’Italia), moltissime squadre lotteranno contro di noi”, ha detto Gündogan allo ZDF. Müller sembrava simile, dicendo: “Abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno per essere in grado di battere chiunque in una buona giornata”. Ma il leader lo ha subito seguito, con “roba da calcio”, perché doveva essere imballato. In particolare, aveva intenzione di attaccare, che proprio contro l’Italia è davvero decollato.

1-1 a Bologna, l’elezione della DFB è stata tutt’altro che una festa delle armi. Anche nell’1-1 di tre giorni dopo a Monaco contro l’Inghilterra, che martedì ha perso 4-0 contro l’Ungheria, non ci sono state buone occasioni. Il pareggio per 1-1 a Budapest lo scorso sabato è stato un grande passo indietro. E ora con cinque gol contro i campioni d’Europa, due in più?

Müller: Non sono ancora una squadra perfetta

“Abbiamo buoni giocatori, abbiamo un buon atteggiamento verso tutto”, ha detto Müller. “Abbiamo un buon progetto, ma anche, a dire il vero, ci sono ancora molte carenze per parlare di squadra perfetta, sovranità e mentalità ‘nessuno può batterci'”.

Prima della Coppa del Mondo, la squadra tedesca affronterà l’Ungheria a Lipsia il 23 settembre e tre giorni dopo in Inghilterra per la vittoria del girone nella Nations League. E’ una partita che mette quasi gli ultimi ritocchi in Qatar: ci sarà un’amichevole prima della finale.

“Il caso è che prima abbiamo bisogno della distanza”, ha detto Flick. “È più che meritato, alcuni hanno quattro settimane di vacanza, altri un po’ meno. Penso che tutti abbiano bisogno di tre o tre settimane e mezzo di vacanza”. È importante spegnere “anche mentalmente”, “perché succede in sequenza, soprattutto per chi gioca a livello internazionale”.

© dpa-infocom, dpa:220615-99-669005/3

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.