Eurovision, Euro calcio, 100 metri maschili alle Olimpiadi: 2021, estate italiana

I giocatori italiani alzano il trofeo del Campionato Europeo durante una cerimonia ufficiale dopo la vittoria dell’Italia nella finale di UEFA EURO 2020 contro l’Inghilterra l’11 luglio 2021.

I giocatori italiani alzano il trofeo del Campionato Europeo durante una cerimonia ufficiale dopo la vittoria dell'Italia nella finale di UEFA EURO 2020 contro l'Inghilterra l'11 luglio 2021.

©Michael Regan / PISCINA / AFP

Vittoria italiana

Afflitta da anni di dubbi politici ed economici, l’Italia ha avuto successo quest’anno dalla vittoria di Maneskin. Cosa cura il malessere della penisola?

Atlantico: Eurovision, Euro football e regina dei 100 metri alle Olimpiadi, l’Italia sembra avere il vento in poppa in diverse competizioni internazionali. Nonostante il talento dei concorrenti, dovremmo cercare spiegazioni più globali per questo successo italiano? Questa vittoria dice qualcosa sulla situazione attuale del Paese?

Fiorentino Parmentier: In effetti, in termini di buone notizie, l’Italia sembra vivere un periodo di prosperità, sia nello spettacolo che nello sport! Un articolo di Repubblica, importante quotidiano di centrosinistra italiano, si chiedeva se essere d’accordo con Giovanni Malago, dal 2013 direttore del Comitato Olimpico Italiano, quando diceva che vincere l’atletica alle Olimpiadi era più importante degli Europei di Wembley, sinonimo di rinascita Gli italiani furono come il colpo di stato di Trafalgar per gli inglesi.

La chiave del successo all’Eurovision non è la stessa vittoria nel calcio o in qualsiasi altro sport, quindi trovare una spiegazione globale è un compito difficile. D’altra parte, questa vittoria fa parte della volontà dell’Italia di migliorare la propria immagine esterna, che si chiama marchio della nazione o l’immagine del marchio del paese. Le recenti vittorie hanno dato l’essenza di questa macinatura di sviluppo.

Leggi anche

L’arrivo di Mario Draghi nel mondo degli affari in Italia: difficoltà continue più che soluzioni ai problemi italiani

Nonostante sia stata afflitta da anni di dubbi politici ed economici, può l’Italia sfruttare questo successo accumulato per rinnovarsi con più ottimismo a livello nazionale e internazionale?

In effetti, l’Italia, come la Francia, è davvero un paese di dubbi. Basti, per esserne convinti, leggere il capitolo di Italexit da Valzer europeo, è stato pubblicato di recente l’opera di Elie Cohen e Richard Robert, in cui l’autore torna alla febbre di un paese di cui si parla di sopravvivenza nell’eurozona. Allo stesso tempo, la wave 12 del CEVIPOF Political Trust Barometer (febbraio 2021), che mette a confronto Italia, Francia, Germania e Regno Unito, mostra chiaramente le somiglianze tra i primi due paesi in termini di stato d’animo, come bassi livelli di calma e benessere. A più livelli, l’Italia alimenta un senso di inferiorità, tra sentimenti di depressione, corruzione e caos.

Tuttavia, si può osservare il riavvicinamento di questi due paesi, che non possono che trarre vantaggio dal rinnovato rapporto: sito web politico, un riferimento in Europa, si è recentemente interrogato se un’alleanza tra Mario Draghi ed Emmanuel Macron possa colmare il vuoto lasciato da Angela Merkel in Europa. Questo la dice lunga su questo potenziale riavvicinamento, a condizione che i partner Med 7 siano collegati ad esso (Spagna, Portogallo, Grecia, Cipro, Malta), un gruppo che può acquisire influenza come fa il gruppo di Visegrad all’interno dell’Unione Europea.

Leggi anche

Dall’Eurovisione a Euro 2021, l’Europa tra l’entusiasmo della riapertura e la voglia di frontiere

La vittoria, soprattutto agli Europei, evoca un’atmosfera di fermento. Dietro questa euforia, potrebbe esserci un contrattacco vincente? Questo italiano vincente parla a tutti gli italiani?

Nel 2020 dobbiamo ricordare che l’Italia è stato il Paese più colpito durante la prima ondata. Quindi la vera euforia del popolo italiano dopo la vittoria ha più significato di una semplice vittoria sportiva, ha un significato politico. Una volta che c’è euforia, c’è un ritorno alla terra o esaurimento, l’intera questione è conoscere le condizioni di atterraggio. Nessuno sa se l’Italia riuscirà a vincere il Mondiale 2022. Il contropiede arriverà sicuramente quando si tratterà di difendere ogni titolo.

Al di là del contraccolpo, è chiaro che ondate di ottimismo possono essere accompagnate da delusione; ma senza ottimismo, il Paese stesso rischia di sprofondare nella catastrofe osservabile in Francia. Naturalmente, le recenti vittorie non risolvono crisi sociali, traiettorie economiche o sentimenti di flessione e perdita di direzione. Dietro l’Italia, che ha vinto, migliorato e fatto meglio, lo squilibrio resta e minaccia ancora.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.