Europa occidentale afflitta da omicron, milioni di infetti

I paesi dell’Europa occidentale stanno segnalando un numero elevato di nuove infezioni da coronavirus. A causa della variante omicron, ce ne sono oltre 150.000 in Francia o nel Regno Unito, ad esempio. Secondo studi medici, Omicron è più facile, ma sorgono nuovi problemi. Molte persone sono in quarantena, quindi poche possono lavorare.

Numeri record di persone infette negli ultimi giorni sono stati segnalati da Spagna, Francia, Italia e Regno Unito. Attualmente ci sono almeno 2,5 milioni di coronavirus nel Regno Unito. Altre centinaia di migliaia sono in quarantena.

“Il governo dice che deve guardare agli scenari migliori e peggiori. E secondo il peggio, circa un quarto del settore pubblico potrebbe andare perso a un certo punto”, ha affermato la giornalista di Sky News Katerina Vitozzi.

La situazione è simile in altri paesi. Ad esempio, il sistema sanitario, la polizia, i vigili del fuoco, la scuola o la casa di cura possono avere grossi problemi.

“Stiamo resistendo per ora, ma è solo perché il nostro personale e i volontari stanno facendo ben oltre ciò che ci si aspetta da loro”, ha affermato la direttrice della casa di cura Helen Lockwood.

Tuttavia, a causa dell’infezione, anche i voli sono stati cancellati e non ci sono molti collegamenti di autobus o treni nel Regno Unito. “Se la situazione peggiora e il numero di persone infette aumenta, avremo più dipendenti malati o in quarantena e dovremo tagliare ulteriori collegamenti”, ha affermato Bruce Williamson, rappresentante delle ferrovie britanniche.

Nell’Europa centrale e orientale, l’omicron non ha ancora raggiunto la sua piena estensione, ad esempio, la Bulgaria non ha segnalato il primo caso della mutazione fino a domenica. In Slovacchia, il numero di nuovi contagiati è in calo da circa un mese e quindi il Paese si sta rilassando. Il ristorante ha riaperto lunedì.

Possono accedervi solo le persone vaccinate e coloro che hanno contratto la malattia. Al tavolo possono sedersi un massimo di quattro persone, solo di più se fanno parte di un unico nucleo familiare.

Israele, nel frattempo, sta continuando la sua campagna di vaccinazione e domenica il primo ministro Bennett ha annunciato che le autorità del paese hanno approvato una quarta dose del vaccino per le persone di età superiore ai 60 anni.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.