Entrambi i mugnai cechi avanzano alle semifinali dei Mondiali, vábíková e Juška vengono eliminati

Eugene (USA) – Le due rappresentative ceche avanzano alle semifinali dei 1.500 metri dei Mondiali di atletica leggera. Kristiina Mäki si è qualificata fin dall’inizio, Diana Mezuliáníková grazie al tempismo. D’altra parte, il corridore di fondo Radek Juška, finalista dei Campionati del Mondo 2015 e 2017, e la saltatrice con l’asta Amálie vábíková non sono riuscite a qualificarsi per il campionato a Eugene.

Ai 15 femminili, i cechi avranno il doppio delle rappresentate in semifinale rispetto alle Olimpiadi dello scorso anno. Mäki, che è arrivato in finale grazie a un record ceco a Tokyo, è passato al sesto posto nell’ultima promozione con un ottimo piazzamento nella manche. “È stato molto difficile per alcune tattiche, ha continuato a rallentare, accelerare, ci siamo presi a calci. Quello è stato l’inizio”, ha descritto l’andamento della corsa alla televisione ceca.

Voleva andare più veloce. “Stavo già accelerando da qualche parte nei 300, ma lì ho avuto varie cadute. Poi sono sceso agli ultimi 100, il che non è molto buono, ma fortunatamente ha funzionato”, ha aggiunto il corridore ceco con radici finlandesi.

Mezulianíková è arrivato ottavo nell’ultimo round, ma questo round è stato il più veloce, quindi con un massimo stagionale di 4:06.55, è stato quinto su sei tempi di qualificazione. Come Mäki, le semifinali lo aspettano nella notte da sabato a domenica, ora ceca. “Non credo che sarà abbastanza. Naturalmente questo è un bene”, ha gioito.

Al suo ritorno all’evento principale, Juška non ha aggiunto una terza apparizione in finale ai Campionati del Mondo. Nel turno di qualificazione ha incontrato una situazione difficile dopo due passi falsi. Nel terzo tentativo, invece, aveva i piedi grandi e 787 centimetri appena sufficienti per il quattordicesimo posto. È a due posizioni ea sei centimetri dalla finale. “Non ho niente da dire al riguardo. Non ho venduto quello che avevo per questo”, si rammarica. In un tentativo di apertura, non è riuscito a superare un settore veloce su Hayward Field. “Credo di averlo sottovalutato. Un errore da principiante per un vecchio grassone”, ha aggiunto il ventinovenne fondista. I campioni in carica sono stati eliminati anche nel turno di qualificazione dopo tre passi falsi

A differenza del WC 2017, vábíková ha superato la sua altezza di base di 420 centimetri nelle qualifiche, ma ha fallito a 435 centimetri ed è stata rapidamente decisa a sbarazzarsi di lei. Quest’anno rimane ben al di sotto del suo record personale di 460 centimetri da Zlatá tretra. Alla fine, sufficienti per superare i 435 centimetri con un record pulito per progredire, in finale saranno quindici i saltatori con l’asta. vábíková è arrivato ventiseiesimo.

Il cento ruolo preferito nel round di apertura della disciplina è stato confermato da Fred Kerley, che ha tirato dritto in 9,79 secondi al via. Un altro americano, Trayvon Bromell, è stato solo un decimo più lento nella sua corsa. Un totale di sette velocisti ha ottenuto meno di dieci secondi nella batteria. Il campione olimpico Marcell Jacobs ha pareggiato con un miglior 10.04 della stagione per avanzare direttamente dal secondo posto sulla sua strada.

Il detentore del record mondiale Ryan Crouser completa con successo i colpi di qualificazione. Nello stadio di casa ha registrato 22,28 metri al suo primo tentativo, superando di oltre un metro il limite fissato di 21,20 metri. Il detentore del record ceco Tomáš Staněk non si è recato ai campionati del mondo, dopo un infortunio alla caviglia si è concentrato sull’EC.

Il campione olimpico Tamberi fatica a qualificarsi per il Mondiale, ma avanza

Il campione olimpico Gianmarco Tamberi fatica nelle qualificazioni di salto in alto ai Mondiali. Per due volte era sull’orlo dell’eliminazione, ma alla fine è risalito dall’undicesimo posto. Tredici aviatori sono arrivati ​​alla finale di lunedì, tutto ciò che dovevano fare era saltare 225 cc con un record pulito.

Tuttavia, Tamberi aveva già esitato due volte a 225 centimetri e doveva salvarsi. Anche il terzo tentativo fu tutt’altro che sovrano, la lama tremò a lungo, ma rimase sugli spalti. Poi il 30enne italiano è sceso due volte anche a 228 centimetri, che ha dovuto superare. Questa volta, per la terza volta, ha prodotto il suo miglior sforzo in qualifica e si è assicurato la finale.

“Sono contento almeno di essere migliorato dal primo all’ultimo salto perché l’inizio è stato pessimo e poi passo dopo passo sono migliorato un po’. Ancora non eccezionale, ma un po’ meglio. Quindi spero di ricominciare da quell’ultimo salto e migliorerò ancora”, ha detto Tamberi in vista della finale.

Ha previsto alcuni problemi in qualifica. “Anche se non sono contento della tecnica, sono contento di essere in finale e forse lunedì farò vedere qualcosa. Oggi vedremo il video e cercheremo di scoprire cosa non ha funzionato”, pianificato l’alto sollevatore, che non ha un titolo mondiale esterno nella sua collezione di trofei. Non doveva provare per un’altra altezza oggi. Anche se il limite era di 230 centimetri, non era più possibile continuare lì.

Il secondo campione olimpico di Tokyo e campione del mondo in carica Mutaz Issa Baršim del Qatar, a differenza di Tamberi, si è comportato con sicurezza e ha condiviso il primo posto con altri tre alti sollevatori. Hamish Kerr, la medaglia di bronzo dei Campionati Mondiali Indoor di quest’anno, è bloccato nelle qualifiche. Il venticinquenne neozelandese registrava appena 225 centimetri e per lui il campionato era finito. Alla fine è stato il primo sotto la linea, un dubbio a 221 centimetri gli ha fatto perdere i progressi.

Il tredici volte campione del mondo Allyson Felix, che avrebbe dovuto essere nella squadra statunitense per la staffetta mista 4×400 metri, potrebbe prepararsi per l’addio della serata. Non ha iniziato la gara, ma anche senza di lui il quartetto statunitense è avanzato dal primo posto con il tempo di 3:11.75.

La qualificazione per gli hammermen è stata vinta dal quattro volte campione del mondo Pole Pawel Fajdek, che ha lanciato 80,09 metri ed è stato l’unico a battere il record degli 80 metri. Il suo connazionale, il campione olimpico Wojciech Nowicki (79.22), si è qualificato dal terzo posto.

I primi atleti cechi verranno introdotti nelle qualifiche e nel riscaldamento solo nel programma serale. Prima di loro, dalle 22:10 SEL, la pedonale Eliška Martínková completerà la corsa di 20 chilometri.

La staffetta mista ai Mondiali vinta da Repubblica Dominicana, USA e Felix ha ottenuto il bronzo

L’addio d’oro all’atleta di maggior successo della storia, Allyson Felix, non è avvenuto. La Repubblica Dominicana ha vinto la staffetta mista 4×400 m ai Campionati del Mondo di Eugene davanti ai Paesi Bassi. Il quartetto di casa degli Stati Uniti, dietro a Felixová che ha corso la gara di ritorno in finale, è sceso al terzo posto sul traguardo.

La folla all’Hayward Field ha esultato quando la star di 36 anni ha preso il testimone da Elijah Godwin. All’inizio della sua parte, il sette volte campione olimpico ha raggiunto gli altri, ma l’allora rappresentante della Repubblica Dominicana Marileidy Paulinová, medaglia d’argento olimpica dal liscio giovedì dello scorso anno a Tokyo, lo ha raggiunto.

Vernon Norwood ha sviluppato ancora una volta un vero vantaggio per la staffetta americana, ma il finisher Kennedy Simonová non ha resistito alla pressione dei suoi rivali domenicani Fiordaliza Cofilová e ha anche ceduto alla forte finisher Femka Bolová sulla scacchiera. Grazie al famoso portiere Bolová, l’Olanda è a soli ottocento dall’oro.

Con un tempo di 3:09.82, la vittoriosa Repubblica Dominicana è seconda nella classifica storica di questa disciplina giovanile. È 48esimo dietro il record mondiale delle elezioni americane della Coppa del Mondo 2019. Per Felix, il bronzo è stato il diciannovesimo metallo prezioso dei Campionati del Mondo, dove ha iniziato per la decima volta. Ha un record di tredici medaglie d’oro, tre d’argento e ora tre di bronzo.

“E’ stato speciale correre la gara finale davanti al pubblico di casa. E fantastico. Ho mia figlia sugli spalti”, ha detto Felix, che ha anche vinto undici medaglie olimpiche durante la sua carriera. “Amerò questa notte per sempre, avrò molti ricordi, ma è tempo per la prossima fase della vita”, ha aggiunto.

García Perù detiene il titolo mondiale nella corsa di 20 chilometri, Martínková ha 21 anni.

Il peruviano Kimberley García Léon ha vinto la prima medaglia d’oro ai Mondiali di atletica leggera di Eugene in una corsa di 20 chilometri. La rappresentante ceca Eliška Martínková è arrivata 21a al suo debutto in un importante evento senior.

Medaglia di doppio dei campionati giovanili dell’anno scorso, Martínková era il pedone più giovane all’inizio all’età di 20 anni. È partito con cautela e ha superato il quinto chilometro al 31° posto, ma poi è salito gradualmente nella top ten.

“E’ stata una gara molto difficile. Non ho fatto del mio meglio dall’inizio. Devo entrarci dentro, per fare in modo che le cose funzionino bene. Sono soddisfatto del fatto di aver dato il massimo. a quel tempo. Ero nel mezzo della prima corsa, che prenderò come un buon trampolino di lancio per un’altra grande gara. Molte star sono intorno a me o addirittura dietro di me”, ha detto Martínková alla televisione ceca.

Con un tempo di 1:34:45 nel clima caldo e soleggiato che ha colpito Eugene un’ora dopo mezzogiorno, era a meno di quattro minuti dal suo migliore. “Sono rimasto molto sorpreso. Ho stabilito quel record personale a Poděbrady, circa cinque gradi”, ha detto.

Il campo di partenza è stato fatto a pezzi all’inizio quando la favorita cinese ha stabilito un ritmo serrato. Chie-Yang Sh’-tie e García, la medaglia d’argento in carica, si separarono presto. Dietro di loro, la polacca Katarzyna Zdzieblová è scattata al terzo posto prima dell’intervallo. La partenza decisiva dell’escursionista peruviana è arrivata al quattordicesimo chilometro. Tre chilometri dopo, il rappresentante polacco ha superato la cinese che stava rallentando.

García ha migliorato il suo record nazionale a 1:26:58 e ha vinto la sua prima medaglia nel massimo evento all’età di 28 anni. Ai Mondiali, il suo miglior piazzamento finora è stato il settimo posto del 2017. Circa mezzo minuto dopo, la donna polacca ha anche tagliato il traguardo in un record nazionale, migliorando notevolmente il suo decimo posto rispetto alle Olimpiadi dello scorso anno. Chie-Yang Shi’ie, come migliore donna cinese, ha mantenuto la terza posizione. Le migliori atlete possono subito godersi il metallo prezioso, il comitato lo ha drappeggiato al collo proprio in zona arrivo.

Nella gara maschile, il giapponese Toshikazu Yamanishi ha difeso il titolo del 2019, finendo 1:19:07, sette secondi dietro il connazionale Koki Ikeda, medaglia d’argento alle Olimpiadi dello scorso anno. Perseus Karlström di Svezia (1:19:18) è arrivato terzo, come fece tre anni fa ai Campionati del Mondo di Doha.

Campionati Mondiali di Atletica Leggera a Eugene (USA):

Finale:

Donna:

20 km a piedi: 1. García (Perù) 1:26:58, 2. Zdzieblová (Pol.) 1:27:31, 3. Chie-Yang Sh’-tie (Cina) 1:27:56, 4. Montagová (Aust.) 1:28:17, 5. Liou Chung (Cina) 1:29:00, 6. Fuji (Giappone) 1:29:01, 7. González (Messico) 1:29:40, 8. Trapleti (It.) 1:29:54, …21. Martínková (Repubblica Ceca) 1:34:45.

Qualificazioni ed eliminazioni:

Uomo:

Alto: 1. Barsim (Qatar), U Sang-hjok (Corea), Lovett (Kan.) e Procenko (Ukr.) tutti e 228.

Martello: 1. Fajdek (Polonia) 80.09.

Donna:

Martello: 1. Cassanavoid (Stati Uniti) 74.46

Mescolare:

4x400m: 1. USA 3:11,75.

Finale:

Uomo:

20 km a piedi: 1. Jamaniši 1:19:07, 2. Ikeda (entrambi giapponesi) 1:19:14, 3. Karlström (Svezia) 1:19:18, 4. Gathimba (Kenya) 1:19:25, 5. Pintado (Eku.) 1:19:34, 6. Bonfim (Reggiseno) 1:19:51, 7. Martín (Sp.) 1:20:19, 8. Jušo (Giappone) 1:20: 39 .

Mescolare:

4×400 m: 1. Repubblica Dominicana (Feliz, Paulinová, Ogando, Cofilová) 3:09.82, 2. Paesi Bassi (Bonevacia, Klaverová, Van Diepen, Bolová) 3:09.90, 3. USA (Godwin, Felixová, Norwood , SIMonová) 3 :10.16, 4. Polonia 3:12.31, 5. Giamaica 3:12.71, 6. Nigeria 3:16.21, 7. Italia 3:16.45, 8. Irlanda 3:16.86.

Riscaldamento e qualificazione:

Uomo:

100 metri: 1. Kerley (Stati Uniti) 9.79.

3000 aC: 1. El Bakkali (marzo) 8:16.65.

Distanza: 1. Hashioka (Giappone) 818, …14. Juška (ČR) 787 – non è passato alla finale.

Sfera: 1. Kung Li-qiao (Cina) 19.51.

Donna:

1500 m: 1. Tsegayová (Ecc.) 4:02.68, …17. Mezulianíková 4:06.55, 29. Mäki (entrambe Repubblica Ceca) 4:08.43 – accesso alle semifinali.

Bastone: 1. Nageotte, Morris (entrambi USA), Su Huiqin (Cina), Murt (Fin.), Chapelle (Fr.), Otchere (Jer.), Stefanídi (Grecia) e Kennedy (Aust.) tutti 450, … 26. incluso vábíková (ČR) 420 – non è passato alla finale.

Sfera: 1. Crouser (USA) 22.28.

Atletica

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.