Eitan Biran dovrebbe tornare in Italia

ROMA – Quasi tre mesi dopo essere stato trasportato dal nonno in Israele, scatenando una battaglia internazionale per la custodia, un bambino di 6 anni che era l’unico sopravvissuto a un incidente in funivia italiano è tornato in Italia venerdì, secondo la zia di un ragazzo. . avvocato.

Il ragazzo, Eitan Biran, è sopravvissuto a un tragico incidente in funivia a maggio che ha ucciso 14 persone, compresi i suoi genitori, e il suo ritorno in Italia incoronerà uno scontro legale di mesi in Israele sulla tutela del ragazzo che continuerà nei tribunali italiani.

L’avvocato della famiglia ha detto che sarebbe arrivato all’aeroporto di Milano, in Italia, venerdì sera.

Le autorità italiane stanno portando avanti le accuse di rapimento contro il nonno israeliano del ragazzo e un israeliano descritto come un ex agente della società di sicurezza Blackwater Worldwide. Sono accusati di aver rapito il ragazzo in una “operazione strategica e pianificata”, secondo un mandato di cattura italiano.

Il nonno di Shmuel Peleg ha preso Eitan da sua zia Aya Biran in Italia a settembre per un evento di acquisto di giocattoli.

Ma invece di riportare Eitan all’ora di cena, come promesso, il nonno ha guidato il ragazzo oltre il confine in Svizzera, poi lo ha portato in Israele con un aereo privato.

Secondo il mandato di arresto italiano, Peleg è stato assistito da Gabriel Alon-Abutbul, descritto come un ex “mercenario che lavora per la Blackwater”.

Blackwater Worldwide è una società di sicurezza privata che da allora è stata venduta ed è diventata un simbolo degli eccessi degli appaltatori militari statunitensi dopo che quattro delle sue guardie del corpo hanno ucciso 17 civili iracheni nel 2007.

Peleg è stato convocato per essere interrogato dalla polizia israeliana, prima che fosse emesso un mandato, e rilasciato su cauzione. Alon-Abutbul è stato arrestato a Cipro il mese scorso e rilasciato.

Il presunto rapimento ha trasformato la tragedia in una battaglia internazionale di prigionieri che ha attirato l’attenzione di tutto il mondo, con parenti in Italia e Israele che affermavano di difendere i migliori interessi di Eitan e cause civili e penali che si svolgevano in entrambi i paesi.

Il ragazzo ha perso i suoi genitori, suo fratello di 2 anni e i suoi due bisnonni in un soleggiato pomeriggio di fine settimana di maggio quando la funivia su cui stavano viaggiando si è staccata dal monte Mottarone.

Eitan fu ferito ma sopravvisse e il tribunale di Torino nominò Biran suo tutore legale.

Biran, la sorella del padre di Eitan, un israeliano che studia medicina in Italia, vive in un piccolo paese vicino a Pavia, nel nord Italia. Eitan vive con i suoi genitori in una città vicina da quando aveva due mesi.

Il signor Peleg sostiene che i genitori di Eitan hanno sempre pianificato di tornare in Israele, dove Eitan è nato e aveva genitori.

Tuttavia, la questione non è stata discussa nel tribunale per la famiglia israeliano, che ha valutato solo se Peleg che ha portato il ragazzo in Israele abbia violato le disposizioni della Convenzione dell’Aia sul rapimento internazionale di minori.

La corte ha stabilito in ottobre che lo era e ha ordinato il ritorno di Eitan in Italia. Il sig. Peleg ha presentato ricorso al tribunale distrettuale, che ha confermato la decisione del tribunale di grado inferiore. La Corte Suprema israeliana ha rifiutato di ascoltare il caso il mese scorso, aprendo la strada alla rapina di Eitan venerdì.

Credito…Ariel Schalit / Associated press

Non tutte le notizie sul sito esprimono il punto di vista del sito, ma inviamo queste notizie automaticamente e le traduciamo utilizzando la tecnologia programmata sul sito e non da editori umani.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.