Draghi inizia a elaborare piani di riforma per rilanciare l’Italia | Internazionale

Il presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi, nel suo primo consiglio dei ministri questo sabato, a Roma.PISCINA (Reuters)

Mario Draghi si presenterà mercoledì e giovedì al voto sull’inaugurazione delle Camere italiane. L’ex banchiere terrà lì il suo primo discorso da primo ministro e mostrerà alcune sue lettere. Ma Draghi ha già iniziato a lavorare. Ha sul tavolo temi importanti come ridisegnare il piano di rilancio per investire 209.000 milioni in aiuti dall’Ue (che il governo Conte rende impraticabile). In cambio, ha dovuto realizzare riforme nella magistratura, nell’erario pubblico e nell’amministrazione. E, soprattutto, decidere se l’Italia deve rompere un secondo grande lockdown.

Mario Draghi sta già lavorando per l’Italia. La prima seduta del Consiglio dei ministri, che si è tenuta sabato scorso, è durata 40 minuti. L’ex banchiere si rifiuta di suonare la tradizionale campana. Nessun folklore. Ha chiesto ai suoi ministri di non parlare troppo con la stampa. “Siate buoni”, ha detto loro. E il suo team ha riferito ai media che non avrebbero comunicato nulla finché non ci fosse stato qualcosa da comunicare. E questo non è successo. Sarebbe il primo cambiamento che noterebbe un paese abituato al rumore politico. Draghi e la sua squadra più ristretta provengono dal mondo dell’economia, dove ogni parola in più può costare una fortuna (le mitiche tre parole pronunciate nel luglio 2012 hanno salvato l’euro). Quindi sarebbe una regola tenere conto del complicato calendario.

Il mercoledì e il giovedì per la prima volta Mario Draghi si travestirà da politico e farà il suo debutto alla Camera e al Senato. Pronuncerà il discorso e sarà scelta la sua incoronazione. L’unica domanda è se il Movimento 5 Stelle lo sosterrà in blocco o se si romperà con un gruppo di parlamentari avversari. Subito dopo ha dovuto chiarire le questioni più urgenti come la riprogettazione del Piano di Risanamento che il precedente Esecutivo aveva redatto e l’istituzione di un organo di governo. Deve fare i conti anche con i problemi perenni della compagnia aerea Alitalia – che è costata più di 9.000 euro nelle casse pubbliche -, della banca Monte Dei Paschi e dell’azienda siderurgica Ilva. Dovrebbe anche prendere una decisione urgente per bloccare la cassa integrazione: il 31 marzo scade il termine fissato dal precedente Esecutivo e il tasso di disoccupazione potrebbe salire vertiginosamente. Tutto questo, con la prima grande decisione sulla pandemia.

nuova gabbia. I dati sulla pandemia non sono buoni in Italia (7.531 contagi segnalati questo lunedì). Salgono di nuovo, così come la velocità di trasmissione per ogni infetto. Il più importante virologo e consigliere di punta del ministero della Salute, Walter Ricciardi, ha suggerito la chiusura totale del Paese. “Potrebbe durare una, due, tre o quattro settimane. Dipende da quanto tempo ci vuole per ridurre nuovamente il numero di incidenti”, ha detto Ricciardi. Draghi, consapevole che l’economia italiana dovrà affrontare molti problemi per resistere alle nuove restrizioni, deve trovare un modo per preservarli. I dati sulla crescita dell’Italia (3,4%), penultima delle 27 nazioni Ue, saranno nuovamente al di sotto della media Ue nel 2021. L’arrivo di Draghi ha fatto scendere il premio per il rischio. Tuttavia, parti del nuovo governo, guidato dall’attuale Lega e da Matteo Salvini, premono per non più chiusure.

Draghi vuole anche accelerare il piano vaccinale, che parte questo lunedì con gli over 80. L’Italia è il secondo Paese in Europa per tasso di vaccinazione. Ma il nuovo premier vuole costruire una piattaforma unica in tutto il Paese e sta cercando di stabilire un punto di produzione di vaccini in Italia. L’obiettivo è raggiungere le 300.000 vaccinazioni al giorno. Tutto questo in attesa del primo vaccino italiano (Reithera), che potrebbe arrivare a giugno.

Più promesse. Draghi ha configurato l’Esecutivo con 23 ministeri, 15 dei quali occupati da profili politici. Si tratta di una superficie di governo da formare con almeno 36 incarichi in più tra segretario di stato e viceministro. La partita più difficile si giocherà ora, poiché dovrai ristabilire l’equilibrio di potere e, allo stesso tempo, infiltrarti nelle tue persone fidate in ogni area.

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

Questo lunedì ha assegnato il posto di Capo di Gabinetto ad Antonio Funiciello, 43 anni. È giornalista ed esperto di comunicazione che ha ricoperto analoga carica nell’Esecutivo Paolo Gentiloni ed è legato all’orbita del Partito Democratico (PD). Draghi non ha detto chi sarà il suo portavoce.

Riforma fiscale e giustizia. Riformare il sistema fiscale sarà una delle priorità del mandato di Draghi. Già di concerto con le parti, ha annunciato l’intenzione di aumentare la progressione tariffaria, in linea con le tariffe fisse volute dalla Lega. L’idea che le parti stanno discutendo ultimamente è che la pressione sui guadagni sotto i 40.000 euro potrebbe essere un po’ allentata. Ma ciò sarà compensato da nuove regole contro l’evasione fiscale.

La riforma della giustizia civile affidata al nuovo ministro ed ex presidente della Corte costituzionale, Marta Cartabia, punta ad avere un impatto anche sull’economia. Questa è stata una ferma richiesta dell’Unione Europea nell’ambito del piano di risanamento. I processi in Italia, soprattutto lunghi e contorti, non forniscono agli investitori stranieri garanzie adeguate. L’accelerazione dei lavori pubblici è un altro obiettivo. Draghi ha fornito un esempio del modello Genova, dove il Ponte Morandi è stato ricostruito in modo rapido ed efficiente. L’Italia ha attualmente 59 grandi posti di lavoro nelle infrastrutture. Per fare ciò, è stato necessario intraprendere importanti riforme amministrative per semplificare la regolamentazione e l’iter delle concessioni pubbliche.

Leadership in Europa. L’Italia aspira ad essere la voce dell’Unione Europea sotto Draghi. L’anno in cui i Paesi transalpini guideranno il G20 coincide con il ritiro di Angela Merkel in Germania e sarà lo stesso anno in cui Emmanuel Macron dovrà immergersi in un’intensa campagna elettorale per il 2022. Dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’UE, Draghi sarà il più autorevole profilo tra i suoi coetanei – il suo partner. “Il sogno di rompere l’asse franco-tedesco è troppo. Ma è evidente che oggi nel continente ci sono poche voci più rispettate”, fanno notare al quotidiano fonti del nuovo Esecutivo.

L’Italia aspira anche a guidare i rapporti con gli Usa. Draghi ha un buon rapporto con diversi membri della nuova amministrazione Joe Biden. Il presidente degli Stati Uniti ha detto che non vede l’ora di “iniziare a lavorare” con lui e di poter anche mediare nel recente conflitto sull’accordo commerciale dell’Europa con la Cina.

donne ribelli del PD

Mario Draghi ha disegnato un Executive in cui, a quanto pare, i politici pesano più dei tecnici (15 contro 8). Tuttavia, deve essere analizzato in base alla rilevanza del portafoglio. Dove non c’è possibilità di dibattito sulla proporzione delle donne (anche 8 a 15) e sulla loro vistosa assenza nelle quote ministeriali assegnate a determinati partiti.

Paradossalmente, il Partito Democratico (PD) deve ancora consegnare uno dei suoi tre ministeri a una donna. Al contrario, ad esempio, di Forza Italia di Silvio Berlusconi, dove nessuno dei suoi tre portafogli è rivolto a un uomo. Le donne del PD si sono ribellate questo lunedì contro la decisione. Hanno protestato con rabbia. E la risposta del segretario generale Nicola Zingaretti è stata una promessa che solo le donne sarebbero state elette come viceministri o viceministri. Una decisione che scalda davvero lo spirito.

L’eurodeputata PD ed ex presidente del Palo dell’Emilia Romagna, Debora Serracchiani, ha dichiarato in un messaggio su Facebook che la risposta di Zingaretti alla risoluzione del problema è stata come “riparare un vaso rotto con del nastro adesivo”. Alla denuncia si è unita la vice Laura Boldrini. “Qualche carica di viceministro non basterà. I PD devono terminare le correnti che dissipano. Altrimenti, alla fine perderà la sua identità progressiva e il suo scopo sociale”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.