Dottor Segreto. Pedro Ara per imbalsamare Eva Perón

Esso incidente subito dal corpo di Eva Perón Questa è una delle situazioni più improbabili, violente e spregevoli della storia argentina.

Fin dall’inizio, gli sforzi del marito, il generale Juan Domingo Peron, presidente della repubblica di conservare la salma per l’esposizione in un mausoleo, richiesta dal “portabandiera del popolo umile”. sarà “Monumento a torso nudo”più alto, più pesante, più costoso e visibile da lontano, invece di regalarlo sepoltura dignitosa come un normale essere umano.

“Il lavoro deve servire a questo peronista emozionato e sfogare le proprie emozioni per sempre, anche quando nessuno di noi è vivo”, ha raccontato la stessa Evita alla deputata Celina Rodriguez di Martinez Paivache presenterà il progetto al Congresso Nazionale.

Per preservare il corpo della first lady, il dott. Pietro Arauno spagnolo che viveva in Argentina da diversi anni e che si assumeva la responsabilità di un compito del tutto insolito.

Rapimenti, umiliazioni e finte tombe: il viaggio inquietante del cadavere di Eva Perón

Ara ha preservato il corpo di Evita e tutti i dettagli del suo lavoro da commenti e media che ne offrono mille versioni. Ma ebbe la visione di capire di essere diventato il protagonista di una situazione unica nella storia e quando lo ritenne opportuno pubblicò le sue memorie in un libro che ebbe due edizioni. “Eva Peron. La vera storia raccontata dal medico che ne ha preservato il corpo” rivela la natura quotidiana del lavoro di Ara, in cui si fidano della famiglia di Perón ed Evita, e il medico spiega che non li ha mai delusi, a parte il fatto di non essere mai coinvolto nei turbolenti affari politici dell’Argentina.

“Non sono mai stata e non sono un’imbalsamatrice” definisce Ara in prima pagina, perché chiamata a un lavoro con queste caratteristiche, e a lei si deve lo studio “uno dei tanti capitoli di ingegneria anatomica che gli insegnanti hanno l’obbligo di sapere”, ha assicurato il medico spagnolo, che ha affermato di aver ricevuto centomila dollari per il lavoro.

Il dottor Pedro Ara con il cadavere di Eva Perón.

“La confessione segreta”: come e perché la Chiesa ha nascosto per 14 anni il corpo di Evita

Il primo contatto che ebbe con Perón fu del tutto innocente e ben lungi dal preservare il cadavere di Evita. Fu uno dei partecipanti al convegno tenuto dal colonnello Perón all’epoca, all’epoca della cosiddetta “Rivoluzione dei colonnelli”, quando il peronismo non era ancora nato e non si presentò occasionalmente come un leader politico che segnerebbe la vita dell’Argentina per decenni.

Importanti contatti tra Ara e Perón avvennero dal giugno 1952, circa un mese prima della morte della first lady. Poi andò dal medico, un collega argentino di origine spagnola che gli suggerì di avviare una campagna pubblicitaria a suo favore, scoprì che Evita aveva poco tempo a disposizione e che suo marito vuole mantenere il suo corpo da sfoggiare in pubblico. “L’ho guardato con orrore”, ammette Ara nel suo libro. “Mi costringeranno a lasciare questo Paese. Ti prego di non fare nulla, nemmeno di ricordare che io sono nel mondo” è stata la sua risposta.

Tuttavia, il suo destino sembrava chiuso. Quindi questo decide 26 luglio 1952Verso le cinque del pomeriggio gli dissero che sarebbero andati a prenderlo. Quando è arrivato al luogo dell’incontro, dove Evita giaceva morente, è stata accolta dal ministro Raúl Mende, che le ha dato la notizia. «Alle otto e venticinque, la signora Perón è entrata nell’immortalità. Il Presidente e tutti i suoi collaboratori vi vogliono, Dott. Ara, preparando i cadaveri per essere esposti alle persone e poi immagazzinati nei sotterranei monumentali che dobbiamo costruire”.

Video: trovano l’immagine del funerale di Eva Perón nel film di Batman

Quindi la condizione è impostata prenotazioneda tecnica e da indipendenza che Ara riteneva da mantenere, tutte le condizioni furono subito accettate dal presidente. In men che non si dica il dottore raccolse gli elementi di cui aveva bisogno e quella stessa notte iniziò i suoi lavori di conservazione, perché alle dieci del mattino stava per iniziare una scia massiccia che durò più di due settimane.

Quando è tornato a casa del presidente con gli elementi necessari, è stato lo stesso Perón a riceverli. “Professore, questa è casa sua. Lanci e governi senza dovermi consultare. Sono totalmente d’accordo con te sul fatto che un intervento chirurgico non dovrebbe essere uno spettacolo per nessuno. Nemmeno il ministro della medicina sarà presente. Lei, dottore, ha chiuso a chiave tutte le porte collegate all’appartamento della mia povera moglie. Non far entrare nessuno, nemmeno i familiari. Non entro neanche io. Chiuderemo le comunicazioni con le mie camere d’ora in poi”, gli ha detto il presidente, dandogli pieno potere per fare il suo lavoro.

Così, il dott. Ara viene lasciata sola con la sua assistente davanti al corpo senza vita di Eva Perón. Alle otto del mattino successivo, il 27 luglio, secondo gli appunti di Ara nel suo libro, “Il corpo di Eva Perón è completamente e definitivamente indistruttibile.”

Poi lascia il posto a sarti e parrucchieri per completare la preparazione del corpo alla sua scia, che sembra senza limiti… 16 giorni di sfilata permanente dei fedeli che avrebbero detto i loro ultimi addii alla First Lady, l’Alfiere degli umili, ma quei giorni furono una tortura per il Dr. Ara, che si occupava di sigillare i cassetti e di organizzare quanto necessario per la loro conservazione. La piattaforma ha piazzato Ettore Campora come intermediaria tra Ara e il governo, e la candidata alla presidenza ha gestito tutte le richieste per il medico spagnolo, che era stato il suo professore di medicina a Córdoba.

Eva Duarte 20220719
Le memorie di Pedro Ara, Eva Perón., Una storia vera raccontata dal medico che ne ha preservato il corpo.

Durante i giorni velati di Evita, c’erano dei problemi con il suo cadavere. Non per il lavoro di Ara, ma per le restrizioni che cercavano di proteggerla contro le indicazioni del dottore. Così, l’hanno aperto più volte per eliminare la nebbia del vetro vicino alla sua faccia, mettendo a repentaglio il lavoro di conservazione.

Quando la situazione diventa insostenibile per Ara, decide di parlare con lo stesso Perón, che decide di porre fine alla rinascita e annuncia alla popolazione argentina che non vedranno più i resti preservati di Evita per almeno un anno.

Dopo un saluto di massa, e nonostante le obiezioni dei medici spagnoli, Perón decide di assecondare la richiesta di Evita di far riposare il suo corpo nell’edificio della CGT. Ara ha saggiamente chiesto un posto più tranquillo, meno colpito dai tumulti esterni e da se stessa. Ma il presidente gli ha garantito la calma totale, e anche il bombardamento di Plaza de Mayo da parte dei golpisti quando volevano uccidere il presidente non ha rotto quella calma.

Ma il mausoleo dove riposeranno per sempre le spoglie di Evita non fu mai costruito, e le sue spoglie rimangono nella CGT, affidata ad Ara anche dopo la caduta di Perón e la presa del potere da parte della sedicente “Rivoluzione di Liberazione”.

La vita di Eva Perón in 33 pietre miliari, 102 anni dopo la sua nascita

E se lo stato entra in un’ansia importante, per i medici è ancora peggio. Tra l’altro, il pagamento è stato ritardato, che più volte il funzionario incaricato ha voluto saldare e Ara lo ha evitato. Ma alla fine ha capito che doveva ascoltare l’insistenza di Juanita Larrauri, della Fondazione Eva Perón, e accettare il pagamento, conoscendo sia il medico che il funzionario che ha adempiuto a ciò che era stato promesso, che i $ 50mila avrebbero potuto servire a Larrauri come comportamento sicuro per lasciare il paese ed evitare persecuzioni politiche.

Poi è arrivato il momento per Ara di negoziare con le nuove autorità. Mille versioni circolavano intorno al cadavere di Eva. Che fosse una replica, un trucco, che l’avrebbero bruciato, che i peronisti l’avrebbero usato come trofeo. Il punto è che Ara non vede l’ora di rinunciare al suo corpo e determinare i suoi obblighi. Nonostante la caduta del peronismo, i medici continuano a recarsi alla CGT, dove il corpo è protetto dalle forze di sicurezza che, fedeli alla richiesta di Perón, obbediscono ciecamente al medico spagnolo.

Dopo diversi incontri e tentativi falliti da parte di Ara, il 5 novembre ha avuto una risoluzione, anche se non è stato affatto inutile che ci abbia provato per mesi. Gli è stato detto che il suo accesso all’edificio della CGT era vietato, un ordine che è stato revocato giorni dopo. Alla fine, un anonimo chiamante gli ha detto che “lo hanno portato via”. Ara assicura che è dopo il 24 novembre, ma al momento in cui scrivo non può essere esatto in quanto non ha mai scritto i dettagli della chiamata.

Eva Duarte 20220719
Il corpo imbalsamato di Evita.

Cominciò a esserci un’altra parte della manipolazione subita dal corpo di Eva Perón, sepolto sotto falso nome in Italia, fino a quando non fu restituito a Perón quasi 20 anni dopo quel 26 luglio 1952, e anche Ara fu protagonista in quel momento.

Come raccontato nel suo libro, fu José López Rega a convocarlo il 4 settembre 1971 nella residenza di Perón in Spagna, “Quinta 17 de octubre”. Ara era incaricato di ispezionare il corpo, che aveva il naso schiacciato, aveva segni di urti e altre scosse durante il trasferimento, senza danni maggiori di quelli causati dal trasferimento ed era stato sepolto sottoterra.

Il dottor libro. Pedro Ara è stato scritto tra il 1956 e il 1960 e pubblicato poco prima della sua morte nel 1973. Il corpo di Eva Perón non ha mai raggiunto il mausoleo previsto e riposa nei ranghi della famiglia Duarte al cimitero di Buenos Aires alla Recoleta.

Potrebbe piacerti anche

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.