Dopo la morte di una ragazza di 18 anni, l’Italia limiterà le vaccinazioni con AstraZenka

La ragazza di 18 anni ha ricevuto la sua prima dose a fine maggio nell’ambito dei cosiddetti “open day”, giorni in cui è possibile vaccinarsi senza prenotazione. Sabato scorso è stato ricoverato in ospedale per problemi di salute e i medici gli hanno diagnosticato un coagulo di sangue. I medici hanno provato a rimuovere il coagulo domenica, la ragazza è finita in terapia intensiva dopo l’intervento ed è morta giovedì.

L’insorgenza improvvisa e anormale di coaguli di sangue è stata riconosciuta come uno degli effetti collaterali molto rari del vaccino AstraZeneca. Secondo gli esperti, la formazione di coaguli di sangue è più comune nelle persone giovani e di mezza età. Tuttavia, il regolatore europeo dei farmaci EMA non ha fissato un limite di età per il suo utilizzo. Ogni stato membro dell’UE affronta questo problema in modo diverso e molti paesi, inclusa la Repubblica Ceca, sconsigliano di somministrare sostanze dell’azienda britannica-svedese a persone di età inferiore ai 50 o 60 anni.

Attualmente in Italia si raccomanda di utilizzare AstraZeneca come priorità per la vaccinazione di persone di età superiore ai 60 anni. Tuttavia, nei giorni della vaccinazione incondizionata, frequentata soprattutto dai giovani, l’area utilizza spesso materiali di AstraZeneka che sono in quantità sufficiente.

“Le regioni dovrebbero in primo luogo fermare la corsa per vaccinare più persone senza sicurezza”, ha affermato l’immunologa Antonella Violová, secondo il Corriere della Sera. Altri scienziati e medici hanno avanzato critiche simili. Presidente del Consiglio regionale della Liguria, dove è stata vaccinata la ragazza morta, ma ha rifiutato di opporsi. Secondo lui, la somministrazione del vaccino si è basata sul parere delle autorità sanitarie.

Secondo il coordinatore del consiglio sanitario del governo italiano, Franco Locatelli, sono molto probabili regole più severe per l’utilizzo del vaccino anglo-svedese. Anche l’età consigliata è soggetta a modifiche. Diverse altre regioni italiane hanno risposto alla morte della ragazza ligure. La Sicilia, ad esempio, ha annunciato che non utilizzerà AstraZenka per vaccinare le persone di età inferiore ai 50 anni.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.