Delineata la prima auto elettrica di Lamborghini

Una Lamborghini puramente elettrica arriverà nella seconda metà del decennio. Il concetto ha già un’idea chiara.

Il management di Lamborghini sottolinea che il motore a combustione interna rimane la chiave per la casa automobilistica italiana, ma anche una fabbrica con la cresta del toro non può evitare l’elettrificazione. Questo sarà graduale e raggiungerà il suo apice nella seconda metà del decennio, quando arriverà la prima serie Lamborghini a trazione elettrica. La sua forma è ancora sconosciuta, ma ha già un concetto chiaro nel capo della gestione.

Lamborgnihi sta continuando a lavorare al progetto definitivo della sua prima auto elettrica, ha affermato Stephan Winkelmann, presidente e amministratore delegato di Sant’Agata. Tuttavia, allo stesso tempo, ammette che le idee manageriali sono orientate verso un modello a quattro porte adatto all’uso quotidiano.

Tuttavia, Winkelmann non ha specificato se si trattasse di un SUV o di una gran turismo. In passato, però, Sant’Agata ha espresso che si tratterebbe più di una GT elettrica, rendendo omaggio alla Lamborghini per le sue origini o alla famosa Espada, una granismo a quattro posti prodotta negli anni ’60 e ’70.

Tuttavia, secondo i piani precedentemente divulgati dal marchio, l’auto elettrica sarà la quarta linea di modelli, quindi non dovrebbe sostituire il modello attuale. Doveva essere servito nella seconda metà del decennio.

L’arrivo di un’auto puramente elettrica sarà l’apice dell’elettrificazione del portafoglio Lamborghini. Il 2022 sarà l’ultimo quando l’offerta base del marchio includerà modelli esclusivi con motori a combustione interna (le specialità a produzione limitata come Sián e Countach LPI 800-4 sono già ibride).

Nel 2023 arriverà il primo ibrido, che sarà probabilmente il successore dell’Aventador, che è stato attivamente testato. Continuerebbe ad utilizzare una forcella a dodici cilindri, ma dotata di motore elettrico. Nel 2024 dovrebbe debuttare un sostituto ibrido per la Huracán, ma potrebbe essere riarmato da dieci cilindri a otto cilindri elettrico. Nel 2024, l’Urus, o forse il suo successore, vedrà un’unità ibrida.

A proposito, quest’anno Lamborghini sta preparando quattro nuovi prodotti. Uno sarà il restyling di Urus, l’altro sarà il fuoristrada Huracán Sterrato. Il resto potrebbe essere la variante Urus più nitida e altri derivati ​​​​dell’Huracan.

Lamborghini, però, continua a credere nel motore a combustione interna e intende utilizzarlo nelle sue vetture il più a lungo possibile. Ciò dovrebbe essere aiutato dalla possibilità di rifornimento sintetico, attualmente in lavorazione.

Tra i lati positivi, la casa automobilistica italiana ha abbastanza soldi per un futuro elettrizzato. È stata in grado di utilizzare lo stock di componenti del gruppo VW, di cui fa parte, e l’azienda ha avuto anche successo commerciale. Nonostante le difficoltà del settore per la carenza di componenti di produzione, il 2021 è stato l’anno migliore nella storia del marchio, con 8.405 auto che hanno prodotto di più nella storia e un aumento del 13% anno su anno. Lamborghini ha investito più di 1,5 miliardi di euro (circa 37 miliardi di corone) nell’elettrificazione graduale.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.