David Matasek: Sono davvero il tipo di famiglia, potrei non essere in grado di stare da solo

David, abbiamo la stessa passione: le moto Vespa. Quando hai iniziato a guidare una Vespa, che è diventata parte del tuo stile di vita?

Ho pensato di acquistare dei mezzi di trasporto che mi avrebbero reso più facile andare avanti e indietro tra la radio, il teatro e la casa. All’inizio non mi importava cosa comprassi, ma la mia ex moglie mi disse che dovevo comprare una Vespa. Il primo è cinquanta, due colpi, non lo vedi più spesso. In giro per il museo, potrei farlo incazzare anche sulla settantina.

E poi è successo tutto in una volta, prima alcune persone si sono avvicinate a me dicendo che erano interessate che io venissi in mezzo a loro. Pensavo fossero testimoni di Geova e, inoltre, non mi piacevano le associazioni dai tempi dei bolscevichi. Alla fine sono andato lì e ho scoperto che sono persone molto simpatiche. Poi abbiamo fatto alcuni viaggi, a Karlštejn, a Ostrava, e ne sono rimasto affascinato. In realtà sono stato uno dei membri fondatori del Vespa Club Ceco.

Percorri regolarmente un percorso, quale?

Da Praga a Trieste. Abbiamo guidato ogni volta un percorso leggermente diverso, l’importante è Judenburg, che è la città in Austria dove abbiamo passato la notte. Purtroppo quest’anno non sono andato per lavoro.

Cosa ti dà oltre a muoverti per la città?

Soprattutto amici. Devi uscire dalla tua bolla sociale e iniziare a interagire con persone che stanno facendo qualcosa di completamente diverso. Il che è importante, perché altrimenti ci muoviamo in un ciclo così ciclico e non si uscirà da quel teatro. In questo modo possiamo vederci e trovare altre idee. Molto buona.

Hai ancora tempo per “mettere a punto” la tua macchina?

Quasi non. Per lo più cerco di mantenere le cose nelle condizioni in cui le ho acquistate. Forse abbiamo “aggiustato” un po’ le prestazioni. Adesso ho un variatore Malossi, ideale per la città, la velocità massima non sale, c’è un consumo maggiore, ma marcia bene.

Cosa ne dice la tua famiglia?

Non mi hanno parlato affatto. I bambini sono felici quando li porto da qualche parte, lo prendono come intrattenimento e lo tollerano.

David Matasek

Dopo essersi diplomato al Conservatorio di Praga nel 1984, ha lavorato come attore freelance. Ha suonato in vari ensemble – nello Studio Bouře, al Teatro Nazionale, fino ad ora ha collaborato con il Teatro in eznicka, nel 1991-95 è diventato membro del Teatro del Teatro Nazionale. Ha lasciato il National Theatre nel 1995 e ha lavorato al Comedy Theatre per sette anni, e dal 2002 è membro del National Drama Theatre.

È salito alla ribalta sugli schermi cinematografici e televisivi principalmente per il ruolo di Kendy nella serie in sei parti di Dušan Klein sui poeti dal 1982 al 2016. Ha anche impressionato il pubblico nelle serie TV Redakce, Lejteší, Přešlapy e Polda.

Fonte: Teatro Nazionale e SFD

E come ti senti riguardo alle tendenze o alle tecnologie che i giovani stanno seguendo?

Ho il vantaggio di avere figli e non sono ancora un boom per loro, quindi non si divertono con me. Sono cinici ma gentili. E ho anche una giovane moglie. Ma tecnicamente sono nato incapace, quando ho imparato a usare l’app mi sono sentito il re del mondo. E tra sei mesi ce n’è di nuovo uno nuovo. Non seguo molto le tendenze, ma cerco di stare al passo con gli sviluppi e di conoscere la terminologia. E se non so qualcosa, sono felice di spiegarmelo.

Più che la tecnologia, sono sorpreso di come sia cambiato il pensiero umano. Alcune cose che ho smesso di capire mentalmente. Ci sono alcuni ostacoli, cose che non solo non vengono ridicolizzate, ma nemmeno prese sul serio. Semmai, allora solo per lo più seri e solo alcune persone dovrebbero parlarne e solo in un certo modo. Mi rende un po’ triste.

potresti essere un po ‘più specifico?

Ad esempio, il discorso di apertura di Mark Eben, quando ha presentato una copia rinnovata del film Joke e ha affermato che lo swazac moderno sarebbe migliorato. Naturalmente, molte persone hanno parlato, ma non mi è venuto in mente che stesse dicendo qualcosa di inaccettabile. E se Mark Eben è accusato di sessismo, non ha senso e forse non ho avuto la giusta comprensione per sentirlo lì.

Quando discuti di cose del genere davanti alla birra, sei il tipo di persona che entra nel dibattito?

Ciò che conta è se tengo a quelle persone. Ci sono persone con cui non voglio disturbare e ne parlerò altrove. Inoltre, con il mio passato, prima o poi qualcuno mi dirà di stare zitto, che non c’entro niente. Che è un argomento bello e definitivo. E mi sono alzato e me ne sono andato.

Poi ci sono le persone a cui tengo, anche se hanno opinioni diverse. Cerco di trovare argomenti e di spiegare loro come la vedo io. Non importa se accettino o meno la mia opinione, ma almeno possiamo parlarne. Per me, lo scoppio della bolla sociale della società è stato il peggiore che possa ricordare finora.

Cosa potrebbe interessarti anche?

Leggi anche altre interviste di Miloš Pokorn con ospiti interessanti.

Quando hai tempo ed esci per una birra, quali sono gli argomenti più comuni?

Per fortuna non è salute. Parliamo molto di bambini, di donne ovviamente. Forse anche del lavoro, mi interessa quello che fanno le persone. Ho sbirciato un po’ perché il mio mestiere è fare qualcuno che faccia un mestiere diverso. Certo, la politica alla fine, non sto proprio cercando questo argomento.

Come si sentono i vostri figli riguardo al fatto che il loro padre è un attore famoso?

Il più giovane pensava che fossi un poliziotto. Gridò all’ufficiale: “Mio padre è il tuo partner”. Ai bambini più grandi non interessa. Parlo di recitazione da ragazzino perché non sei completamente il capo di te stesso. Se sono fortunati e imparano qualcosa che amano, questo è tutto ciò che conta.

Dato che sei fidanzato, a volte devi suonare ciò che non hai scelto. L’hai mai combattuto?

Che pensassi di andare alla direzione e dire che non voglio giocarci, l’ho avuto due volte tutto il tempo. A volte obbediscono, a volte no e mi guardano male. Non vedo l’ora di vedere cosa escogitano in qualsiasi momento. Non vedevo l’ora di lavorare, ma quando è prima della prima e siamo chiusi per molto tempo a teatro e abbiamo una lunga prova di dieci ore, mi chiedo se ne ho bisogno. Ma ho la memoria corta di questo e sono un ottimista.

Se concludiamo, ti piace il tuo lavoro?

Chiaro. Non posso fare nient’altro, e anche se posso fingere di fare qualcos’altro per qualche anno fino al ritiro, perché è quello che so fare meglio, ma probabilmente lo faranno presto.

I poeti continuano a ripetersi e tutti li conoscono. Poi ci sono le cose su cui lavori, provi e poi ciò che viene chiamato fallire. Uno deve essere in grado di affrontarlo, giusto?

Ancora una volta, è bello godersi l’energia momentanea che si ottiene da quelle persone: il pubblico ride, si sorprende, piange o gli facciamo pensare a qualcosa, che anche noi amiamo. Goditi il ​​momento, il momento. Davvero non vivo per qualche lastra di marmo dove scriverò che ho fatto qualcosa lì per lì. In una notte in cui funziona e colpisci le persone, è fantastico e inestimabile.

Quando si tratta di tecnologia e tendenze moderne, c’è qualcosa che i giovani ti invidiano?

Non li invidio per la loro abbondanza di scelte sociali, informazioni, processi decisionali. Abbiamo un momento più facile in quella direzione, sappiamo chi sono i nostri nemici e cosa non vogliamo. D’altra parte, invidio la loro naturale ricettività alle notizie tecnologiche.

Se potessi scegliere, trascorreresti parte della tua vita all’estero?

Voglio emigrare a 24 anni, all’inizio degli anni ottanta, voglio andarmene da questo paese. Ma poi mi sono sentito come se fosse una stronzata, soprattutto da quando alcuni dei miei amici sono scappati nell’ottobre del 1989. Sospettavo che non sarebbe durato a lungo. E quando arrivano vittorie e sconfitte, mi diverto. Tuttavia, ho dimenticato di parlare abbastanza inglese per guadagnarmi da vivere lì. E sai che dire degli attori cechi all’estero: interpreti il ​​ruolo di un russo o taci. Voskovec, che parla magnificamente, interpreta anche uno sconosciuto.

Puoi vivere da qualche altra parte?

Penso di si. So anche dove, mi piace molto la Slovenia o il nord Italia. Lo amo lì e mi sento vicino perché amo la montagna, il buon cibo e il vino – ed è tutto lì. Amo anche la Scandinavia, abbiamo viaggiato con la mia famiglia in un’auto a noleggio. È vicino anche a me, anche se il cibo non è eccezionale. Non mi piace il caldo.

So che hai avuto diversi matrimoni, ti consideri un tipo di famiglia?

Chiaro. Certo, non sembra sulla carta, ma sono un padre di famiglia. Ecco perché ci vado ancora e ancora ogni volta. La cerimonia va bene, conosci le persone, di solito è una grande festa finché non ci sono risse o risse. Finora ho una cricca e sono una festa divertente. Non posso stare da solo, probabilmente non mi divertirò. Sono decisamente un tipo di famiglia, sono felice quando andiamo da qualche parte.

Gli piace parlare del suo lavoro? Come è tornato al lavoro dopo la pausa pandemica, come ha combattuto le sue paure e cosa lo ha aiutato? E preferisce i copioni in forma classica o elettronica? Come ama trascorrere il suo tempo libero e cosa gli piace? Ascolta l’attuale podcast Boomer Talk all’inizio dell’articolo.

Informazioni sul podcast Boomer Talk

Il moderatore Miloš Pokorný si è presentato in un nuovo podcast chiamato Boomer Talk, che è stato rilasciato il Podcasty.cz pubblicato due volte al mese.

Il termine boomer serve come insulto dispregiativo per gli utenti Internet vecchi e amareggiati che sentono il bisogno di criticare gli utenti più giovani per la loro età e interessi.

Il principio del podcast Boomer Talk consiste nel confrontare il nuovo e il vecchio e Miloš Pokorný intervista su questo argomento ospiti interessanti di varie professioni.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.