Crisi politica italiana solleva destra e Putin grande vincitore contro sinistra in seria difficoltà | Internazionale

L’Italia, il Paese che ha saputo illuminare – e rovesciare – 67 governi in 76 anni, non è un Paese che ha il tempo di guardare indietro. Questo giovedì, mentre il cadavere politico del premier Mario Draghi era ancora nel corpo, i partiti si sono precipitati ad aprire la campagna elettorale. Il processo, che culminerà con le elezioni politiche del prossimo 25 settembre, sarà uno dei più significativi della storia recente del Paese e segnerà con ardore la trasformazione che l’Italia ha avviato con l’ex presidente della Banca Centrale Europea.

Draghi ha rassegnato le dimissioni giovedì mattina. Apparentemente commosso, salutò il Parlamento. Ma la caduta italiana, senza un esecutivo forte, si presenterà come la tempesta perfetta. Lo ha avvertito il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, prima di destituire Chambers: “La situazione non consente una pausa”. E che tutte le parti sono d’accordo. L’Italia ha bisogno di leggi di bilancio affidabili per costruire uno scudo contro il lungo inverno che ci aspetta: inflazione, freni energetici, riforme in sospeso… E per questo servono elezioni il prima possibile. Il sondaggio di oggi vede vincitrice Giorgia Meloni, leader dei Fratelli d’Italia (partner europeo di Vox). Ma una campagna, anche se rimane pochissimo tempo, può essere molto lunga.

Mattarella ha evitato ritardi e ha licenziato Chambers nelle prime ore di giovedì pomeriggio. L’ultima volta che l’Italia ha votato in autunno è stato nel 1919, momento che ha inaugurato un periodo nero per il Paese. Tuttavia, questa volta lo scenario era molto complicato per vari motivi. Sarà molto difficile per la sinistra, che sta entrando in una corsa fuori luogo, senza le riforme della legge elettorale che vuole e tenendola lontana dal suo partner principale: il Movimento 5 Stelle, ma la minaccia viene da un’altra parte.

Meloni, grande vincitore. A destra, l’artefice della caduta di Draghi, aveva motivi importanti per festeggiare. La vittoria principale va attribuita a Giorgia Meloni, leader della Fratellanza Italiana, l’unico partito a non partecipare a nessuno di questi tre governi legislativi. La politica romana sta solo guardando, pazientemente, sapendo come maturare il suo momento e aspettando dall’opposizione che i suoi partner di coalizione (La Liga e Forza Italia) liquidino l’Esecutivo Unitario di Draghi. I sondaggi le hanno dato ragione e attualmente è la migliore a vincere le elezioni che si terranno a fine settembre.

La Liga e Forza Italia hanno rafforzato i legami negli ultimi tempi e guardano Meloni con incredulità. Un’opzione per impedire ai Fratelli d’Italia di guidare il prossimo governo è formare una lista che cerchi di ottenere più voti per poter discutere la presidenza del Consiglio dei ministri. Tuttavia, in realtà, nessuna delle due parti si preoccupava più di questa faccenda. Entrambi si trovano in una situazione critica e il progresso elettorale consentirà loro di fermare lo spargimento di sangue prima del loro elettorato. Come ha già dimostrato giovedì ripristinando sui social la sua propaganda anti-immigrazione, Matteo Salvini, leader della Liga, può accontentarsi di riconquistare il seggio al Viminale, che gli ha regalato un così bel ritorno durante la prima Amministrazione Giuseppe . Conte, e per chi ancora sta trascinando il processo di chiusura dei porti italiani agli immigrati.

Giovedì alla Camera bassa del Parlamento la leader del partito di estrema destra Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Riccardo De Luca (Agenzia Anadolu tramite Getty Images)

Unisciti a EL PAÍS per tenerti aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

L’eredità di Draghi. L’unico partito che vuole tappe prima del voto è il Partito Democratico (PD). I socialdemocratici hanno due opzioni per affrontare la coalizione di destra. Ed entrambi sono spariti. La prima è riformare le leggi elettorali per passare da un sistema maggioritario che valorizza le coalizioni a uno proporzionale. Questo è l’unico modo per affrontare gli artefatti che creeranno Fratelli d’Italia, Forza Italia e La Liga, che beneficeranno dei premi che questa regola dà ai partiti in competizione nella coalizione. Un’altra opzione è formare un gruppo simile con il Movimento 5 Stelle per competere su un piano di parità. Questo è l’unico modo per sfruttare le attuali leggi elettorali. Ma l’operazione per abbattere Draghi è stata eseguita da cricket e il suo ruolo nell’invio di armi in Ucraina ha quasi completamente sciolto l’alleanza.

La mancanza di narrativa ha spinto il PD e tutti i partiti lontano dall’orbita giusta e dal Movimento 5 Stelle a presentarsi come gli eredi di Draghi. Questa formazione avrà un’aura di responsabilità e cercherà di garantire che il programma del primo ministro in carica sarà il programma che svilupperà in caso di vittoria.

Il Cremlino ha svitato lo champagne. L’elenco dei problemi derivanti da questa crisi, tuttavia, è lungo e profondo. In primo luogo, lo scenario delle elezioni e della caduta di Draghi mette in discussione il ruolo dell’Italia nel conflitto ucraino. Il Paese con il partito comunista più influente dall’altra parte della cortina di ferro ha mantenuto per decenni un rapporto storico di promiscuità con la Russia, che lo ha sempre posto in una posizione ambigua. Draghi ha cambiato quella strategia per la prima volta dopo anni ed è diventato un forte alleato dell’Ucraina, come ha ricordato il suo presidente, Volodymyr Zelensky, giovedì. Tuttavia, i tre che hanno fatto irruzione nell’Esecutivo sono stati quelli che sono apparsi più frequentemente nelle gallerie fotografiche degli amici del Cremlino.

Salvini ha visitato più volte Mosca e si è dichiarato fan di Vladimir Putin (indossava persino una maglietta con la faccia sopra). Il politico di estrema destra è accusato di aver stretto accordi con il Cremlino per finanziare i debiti del suo partito, una questione che non è mai stata chiarita e che mette in ombra l’indipendenza del suo partito dalla Russia. Silvio Berlusconi, leader di Forza Italia, è un amico personale del presidente russo. E il Movimento 5 Stelle, la terza tappa di omicidio L’Italia mercoledì è stata la più contraria alle spedizioni di armi in Ucraina negli ultimi tempi. I rapporti dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte (Movimento 5 Stelle) con Mosca sono sempre stati fluidi e il suo partito ha messo in discussione le sanzioni imposte dall’Unione Europea. Non c’è dubbio che lo champagne aprirà giovedì al Cremlino.

Piano di risanamento e legge di bilancio. L’Italia è il maggior beneficiario del piano di ripresa dell’Unione Europea. Ma i circa 230.000 milioni di euro (tra prestiti e denaro a fondo perduto) che dovrà ricevere nei prossimi anni dipendono da quattro grandi riforme: giustizia, amministrazione, tesoreria e concorrenza. I primi due sono fatti. Il terzo era rimasto a metà e l’ultimo era in aria. L’Europa stringerà presto le viti su Roma e ne seguirà da vicino gli sviluppi. Un ritardo nel raggiungimento degli obiettivi potrebbe far perdere all’Italia la seconda rata del piano, 21.000 milioni, tra sussidi e prestiti.

La legge di bilancio è un’altra preoccupazione in questo momento al Quirinale, sede della presidenza. Draghi, uno dei più brillanti economisti degli ultimi decenni, dovrebbe essere incaricato di redigere regole che proteggeranno il Paese da una crisi incombente e dagli effetti dell’inflazione galoppante. L’Italia, però, non potrà più affidarsi alla bacchetta magica dell’ex presidente della Bce.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook voi Twittero dentro la nostra newsletter settimanale.

50 di sconto

Contenuti esclusivi per i clienti

lettura illimitata

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.