Crisi politica in Italia: quali scenari sono possibili dopo la caduta della coalizione di governo

Mario Draghi rassegna le dimissioni da Presidente del Consiglio (REUTERS/Leonhard Foeger)

L’incertezza cresce in Italia dopo Il presidente Sergio Mattarella respinge le dimissioni del presidente del Consiglio Mario Draghi. Questa situazione di instabilità lascia diversi scenari possibili, anche se tutto dipenderà dalla decisione finale del presidente del Consiglio.

Draghi ha rassegnato le dimissioni questo giovedìdopo che il Movimento Cinque Stelle (M5S), un partner chiave nella coalizione di governo, non ha partecipato al voto di sfiducia nella decisione storica. Dopo la sessione parlamentare, il presidente del Consiglio convoca i suoi ministri per informarli delle sue dimissioni, quindi si reca al Palazzo del Quirinale per ufficializzare le sue dimissioni da presidente. Mattarella si rifiutò di accettarlo e lo esortò a cercare appoggio in Parlamento.

“Il Presidente della Repubblica non ha accettato le sue dimissioni e ha invitato il Presidente del Governo a essere presente in Parlamento per fornire spiegazioni e valutazioni sulla situazione che si è svolta a seguito del dibattito odierno al Senato”, ha detto il Capo dello Stato. in una dichiarazione.

Nonostante il mancato sostegno del M5S, il problema del governo non è una questione di numeri, perché avere ancora la quantità di supporto necessaria per andare avanti. Il problema è la politica. Draghi ha avvertito che non regnerà senza il M5S, nonostante la sua partenza dalla coalizione non ne abbia ostacolato la sopravvivenza.

Il cortocircuito finale tra Draghi e il leader del M5S, Giuseppe Conte, suo predecessore in carica, è stato un decreto di sgravio contro l’inflazione che il partito ha ritenuto “insufficiente” e criticato per aver inserito misure come il finanziamento degli inceneritori di rifiuti per Roma. Ma i disaccordi nella coalizione di governo sono tornati prima, e sono stati stressati a causa dell’esitazione del M5S a continuare ad armare la resistenza ucraina nel contesto dell’invasione russa.

Il fatto che il M5S non abbia votato sul voto di fiducia al governo di cui fa parte è per molti riflette il suo desiderio di essere in opposizione e cercando di recuperare gli elettori persi dopo i recenti scontri elettorali e di fronte all’imminente campagna elettorale.

Giuseppe Conte, ex presidente del Consiglio e leader del Movimento Cinque Stelle, aveva anticipato che i senatori del suo partito non avrebbero partecipato al voto di fiducia di giovedì (REUTERS/Remo Casilli)
Giuseppe Conte, ex presidente del Consiglio e leader del Movimento Cinque Stelle, aveva anticipato che i senatori del suo partito non avrebbero partecipato al voto di fiducia di giovedì (REUTERS/Remo Casilli)

La coalizione unita, che guida il governo dal febbraio 2021, questo giovedì è diviso tra i partiti che esortano Draghi a rimanere in carica e quelli che chiedono elezioni anticipate. È naturale che le prossime elezioni si terranno a marzo 2023.

Tra i blocchi che hanno fatto offerte per l’immortalità di Draghi c’erano il Partito Democratico (centro sinistra)”Vivi l’Italia”, di Matteo Renzi, e Insieme per il futurotaglio M5S guidato dall’attuale ministro degli affari esteri, Luigi Di Maio.

Presidente del Partito Democratico, Enrico Lettaha esortato il presidente del Consiglio a recarsi in Parlamento per “verificare” se potrà continuare al governo, opzione che nessuno potrebbe escludere in quanto le dimissioni di Draghi non erano accompagnate dal soprannome di “irrevocabile”.

“Penso che in questo momento la continuità della governance sarà molto importante”, ha detto Letta, che ha anche avvertito di ripercussioni a livello europeo: “Se cade il governo Draghi, l’Italia sarà il terzo Paese, dopo Francia e Gran Bretagna, ad entrare in un situazione molto difficile.

L’estrema destra Matteo Salvini, anche lui nella coalizione e leader della Liga, è propenso per le elezioni anticipate.. In linea con ciò, la più interessata ad andare alle urne precedenti è stata la testa degli ultras Italian Brothers, Giorgia Meloni, che come unica opposizione a Draghi fino ad oggi è stata la più sviluppata in tutti i sondaggi. , già posizionata come la principale potenza dello stato nella maggior parte di esse.

Cresce in Italia la preoccupazione per la crisi politica ed economica (REUTERS/Guglielmo Mangiapane)
Cresce in Italia la preoccupazione per la crisi politica ed economica (REUTERS/Guglielmo Mangiapane)

In questo contesto, i partiti che beneficiano maggiormente delle elezioni anticipate sono l’estrema destra. I “fratelli italiani” di oggi hanno circa il 25% di consensi nei sondaggi. Se non ci sarà la riforma della legge elettorale, e se le coalizioni di destra rimarranno unite (La Liga, Hermanos de Italia e Forza Italia), il prossimo governo resterà nelle loro mani.

Le elezioni preliminari devono tenersi dopo l’estate europea.

Questa crisi politica non arriva in un momento opportuno per l’Italia, un paese che, come molti europei, soffre di allarmanti aumenti dei prezzi dell’energia, con un’inflazione alle stelle e sta seguendo una strategia completa per diversificare e porre fine alla dipendenza dal gas russo dopo l’invasione russa . Ucraina.

Con solo voci di dimissioni, la Borsa di Milano è crollata del 3,44% in chiusura di giovedì e il premio al rischio ha toccato quota 225 punti.

Continuare a leggere:

Mario Draghi rassegna le dimissioni da Primo Ministro italiano mentre la coalizione di governo crolla
Il presidente italiano Sergio Mattarella ha respinto le dimissioni di Mario Draghi e lo ha esortato a cercare sostegno in Parlamento
Lotte di potere, interviste esplosive e sondaggi spietati: le ragioni della crisi politica finita con le dimissioni di Draghi

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.