Così è nata la leggenda dell’hockey. Jaromír Jágr festeggia il suo 50° compleanno

Il 15 febbraio appartiene alla più grande leggenda ceca dell’hockey, Jaromír Jágr. Il detentore di diversi record NHL e un giocatore di hockey attivo festeggia il suo 50esimo compleanno. Vieni con noi in retrospettiva per vedere le carriere dei nativi di Kladno vincitori della NHL.

Buon inizio o come l’hockey Kladno sputa la leggenda

Jaromír Jágr è nato oggi 50 anni fa, precisamente il 15 febbraio 1972, e gioca a hockey fin da bambino, dove è chiaro fin da piccolo che la Repubblica Ceca ha un grande talento. Jagr ha sempre giocato tra i giocatori molto più anziani, ma forse nessuno si aspettava quanto avrebbe eccelso.

Ad esempio, nella categoria Under 18, il nativo Kladno si è presentato all’età di 13 anni ed era davvero difficile credere che avesse più di un punto nel gioco. Nella stagione 1988/1987, quando Jágr aveva un’età compresa tra i 14 ei 15 anni, ha raggiunto i vent’anni, in particolare da juniores. In 30 partite ha segnato lo stesso numero di gol, durante i quali ha aggiunto 40 assist.

È chiaro che il draft NHL nel 1990 ha avuto una stella assoluta dalla Cecoslovacchia, che sarà molto interessante continuare a guardare. Il giovane peloso si guadagnava da vivere nei campionati juniores a cavallo tra il 1989 e il 1990. Ha raccolto 18 punti in sette duelli, che è stata la 13a migliore apparizione nella storia del torneo giovanile.

Draft, prima stagione e due Stanley Cup di fila

Nonostante le prestazioni assolutamente eccezionali nella Repubblica Ceca e ai campionati internazionali juniores, Jágr ha atteso il suo nome nel draft del 1990. Owen Nolan era il numero uno, seguito da Petr Nedvěd, Keith Primeau e Mike Ricci. Poi è arrivata l’opzione Pittsburgh, che probabilmente non avrebbe potuto essere scelta meglio. Ha portato Jaromír Jágr fuori dai primi cinque.

Il giovane ceco è entrato nella prima stagione e ha segnato il suo primo gol contro i New Jersey Devils il 7 ottobre 1990. Insieme a Mark Recchi, Mario Lemiux e anche Jiří Hrdina, ha raggiunto Pittsburgh alla finale della Stanley Cup, dove Penguin ha vinto per la prima volta nella storia. Un anno dopo, hanno aggiunto la Pens Cup n. 2.

Nelle prime due stagioni, il giovane Jágr ha accumulato oltre 160 punti canadesi e molti sanno che qui sta succedendo qualcosa di grosso. Tuttavia, gli anni Sessanta sono appena iniziati e dovrebbero mostrare grandi cose per il futuro. I fan non vedono l’ora.

Il famoso Point Harvest e Nagano

Nella stagione successiva, Jágr ha ottenuto più di cento punti a stagione, nella base ha registrato 94 e 99 punti, ha aggiunto il resto nei playoff. Poi è arrivato un blocco di sei mesi, durante i quali Jágr è tornato a Kladno, dove aveva due punti a partita. Ha giocato anche a Bolzano, in Italia, dove ha ottenuto anche tre punti a partita. Ha anche giocato per lo Schalker in Germania e ha raccolto 11 punti canadesi in un duello.

Nella successiva stagione completa, la NHL ha ottenuto la migliore prestazione della sua carriera. Ha segnato un incredibile 149 punti nella metà inferiore, che è ancora la 17a migliore apparizione nella storia. Davanti a lui al tavolo c’erano quasi solo Mario Lemieux e soprattutto Wayne Gretzky. Jágr ha realizzato altri 23 punti nei playoff.

Poi venne il leggendario Nagano, che è ancora meglio ricordato nella Repubblica Ceca. Hašek, Jágr e l’allenatore Ivan Hlinka hanno portato la nazionale alla medaglia d’oro al torneo del secolo, poiché per la prima volta in assoluto i giocatori della NHL hanno gareggiato sotto i cinque cerchi. Jágr ha segnato nei quarti di finale contro gli Stati Uniti, ha segnato punti a partita per tutto il campionato e la nazionale ha vinto la medaglia d’oro.

Il pinguino di 11 anni, la bestia che ha fallito nella Capitale e fama a New York

Nel luglio 2001, il mandato di 11 anni di Jaromír Jágr in Pennsylvania si è concluso, con un incredibile 806 duelli e 1.079 punti, e attualmente è al quarto posto nella produttività storica di Penguin. Il primo è stato Lemieux, seguito dal secondo Crosby e il terzo Malkin, la moderna star del cinque volte vincitore della NHL.

Lo scambio ha avuto luogo l’11 luglio e anche František Kučera è andato a Washington con Jágr. Pittsburgh ha ricevuto un altro ceco, Michal Sivek, con il quale hanno lasciato Kris Beech e Ross Lupaschuk. A quel tempo, Jágr era il detentore dei quattro trofei dei giocatori più produttivi in ​​tutte le competizioni (Art Ross Trophy).

Tuttavia, il ruolo di Jágr nella capitale degli Stati Uniti non era così noto, fin dall’inizio non è stato facile per i giocatori delle organizzazioni concorrenti ed era possibile che ciò si riflettesse nel suo aspetto. Non ha emulato la migliore stagione a Pittsburgh e non è riuscito a fare punti non solo lui, ma anche i tifosi dei Capitals.

Tutto è cambiato nel gennaio 2004, quando Jágr è stato scambiato per un ambiente in cui gli piaceva ancora una volta l’hockey. Sotto Anson Carter, si recò ai Rangers e i Capitals gli pagarono metà del contratto, che Jagr firmò per sette anni. Ha finito per giocare per i Rangers per tre stagioni e mezzo, incontrando molti giocatori cechi, ma una terza Stanley Cup non faceva parte di lui.

Anabasi russa e ottimi ritorni all’estero

Nel 2008, Jágr è partito per la KHL all’età di 36 anni, firmando con l’Omsk, dove ha lavorato durante il blocco nel 2005. Successivamente si è scoperto che questo non era un completo addio alla NHL, ma a quel tempo il nativo Kladno si è riconciliato con i migliori campionati del mondo. “È stata la decisione di hockey più difficile della mia vita. odio il cambiamento,“Jagr una volta disse Stampa canadese.

Ha giocato un totale di tre stagioni per Omsk ed è chiaro che ha ancora qualcosa da offrire. Dopo due stagioni, ha persino guidato la nazionale ceca all’oro finale della Coppa del Mondo in Germania, e alla fine della stagione successiva si è parlato molto del suo ritorno in NHL. Alla fine è successo, all’età di 39 anni ha firmato con i Philadelphia Flyers.

Al suo ritorno, ha segnato 54 punti canadesi nella stagione regolare e la stagione successiva ha giocato per i Dallas Stars e poi anche per Boston, con i quali ha raggiunto l’ultima finale della Stanley Cup della sua carriera. Ma i Bruins caddero contro Chicago.

Jágr ha poi cambiato squadra dopo squadra ed è riuscito a presentarsi ovunque in modo straordinario. Da segnalare le stagioni 2013/2014 e 2015/2016. In quegli anni, Jágr ha superato i 60 punti nei New Jersey Devils e nei Florida Panthers. Ha lasciato la competizione due anni dopo, quando ha giocato per il Calgary.

Appunti, presente e eredità di Jaromír Jágr

Jaromír Jágr è il secondo giocatore più prolifico nella storia dell’hockey nella NHL. È proprio dietro il leggendario Wayne Gretzky. Questo nativo di Kladno ha 1921 punti nel suo account e attualmente nessuno dal conteggio dei punti può fargli del male.

Un’altra traccia sono i gol segnati da 766, che attualmente è la terza macchia nella storia. Tuttavia, Alexandr Ovečkin lo ha raggiunto e ha perso solo sette colpi per raggiungere la leggenda ceca. Wayne Gretzky guida ancora con 894 gol, Gordie Howe è secondo (801 gol).

È due volte campione del mondo e vincitore della Stanley Cup, vincitore delle Olimpiadi, membro del Triple Gold Club e cinque volte vincitore dell’Art Ross Trophy per il giocatore più prolifico della NHL. Ha vinto l’Hart Trophy come miglior giocatore nella metà inferiore, tre vittorie nel sondaggio di Ted Lindsey, votato dagli stessi giocatori e una volta ha vinto la Bill Masterton Cup per la sua lealtà e devozione esemplare all’hockey.

Attualmente è il proprietario di maggioranza dell’hockey Kladno, che continua a giocare. Quest’anno ha anche sostituito i Cavalieri, che hanno lottato per schivare la raffica di attacchi. Quest’anno ha giocato 35 partite e ha raccolto ben 19 punti canadesi.

A nome della redazione di TN.cz, vi auguriamo il meglio e la buona salute per gli anni a venire!

TN.cz

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.