Cos’è la fantasia e come si rivela?

L’atanasia è una condizione rara e rappresenta l’incapacità delle persone di visualizzare le immagini nella loro mente. Per molto tempo l’aphantia si è potuta identificare solo grazie all’esperienza di chi l’ha segnalata personalmente. Ora gli scienziati possono rilevare questa condizione in altri modi.

In un nuovo studio, l’afantia può essere rilevata sulla base di pupille dilatate. Quando l’occhio umano è esposto a una luce intensa, le pupille si restringono e, quando sono esposte all’oscurità, si allargano per far entrare più luce nella retina. Tuttavia, ciò che ora è noto è che i partecipanti allo studio sono stati in grado di cambiare le dimensioni della pupilla a causa di un compito cognitivo, scrive Avvertimento scientifico.

I ricercatori in Australia hanno testato due gruppi di partecipanti. Il primo gruppo era composto da 42 partecipanti con in mente capacità di visualizzazione delle immagini regolari auto-riferite e il secondo gruppo era composto da 18 persone con apatia autovalutata a cui è stato chiesto di visualizzare immagini con forme chiare e scure su uno sfondo grigio.

Gli individui di entrambi i gruppi hanno mostrato reazioni di dilatazione pupillare regolari sia alle immagini chiare che a quelle scure.

Ma poi i ricercatori hanno chiesto a entrambi i gruppi di immaginare la stessa immagine con gli occhi aperti. È interessante notare che hanno scoperto che le pupille degli individui con immaginazione visiva regolare avrebbero continuato a contrarsi e dilatarsi, mentre le pupille di quelli con afasia non cambiavano di dimensioni in misura significativa.

“I nostri risultati forniscono nuove prove che i nostri partecipanti hanno reagito alla chiarezza e alla potenza dell’immagine visiva a cui pensavano; più forte e chiara è l’immagine, maggiore è la reazione, ovvero la dilatazione della pupilla alla luce”, hanno affermato gli autori. .

Poiché le reazioni dei partecipanti alla luce non sono intenzionali, questo studio offre una nuova misurazione imparziale dell’afantia, poiché la tecnica non si basa sull’auto-segnalazione.

“Ci stiamo ora avvicinando a test fisiologici oggettivi, come esami del sangue, per vedere se una persona ha effettivamente questa condizione”, ha affermato l’autore principale dello studio, lo psicologo Joel Pearson dell’UNSV Sydney.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che le persone che possono immaginare un’immagine più chiara mostrano una maggiore dilatazione della pupilla. Ciò aggiunge un altro strumento per i ricercatori che lavorano per misurare il potere delle immagini mentali in ulteriori studi.

Tuttavia, forse la domanda più interessante posta dallo studio era come le immagini mentali potessero innescare risposte riluttanti da parte dei partecipanti.

Un’interpretazione proposta dagli autori si riferisce a un meccanismo comune dall’alto verso il basso tra le immagini visive e la percezione, in cui le regioni del cervello che interpretano le informazioni visive elaborano elementi visivi immaginari allo stesso modo dei dati visivi reali.

In questo caso, la pupilla reagisce a una luce immaginaria simile a una fonte di luce sulla retina, il che supporta la scoperta che più forte o più chiara è la tua immagine mentale, più l’immagine mentale è “simile alla percezione”.

I ricercatori volevano anche assicurarsi che i partecipanti con aphantia stessero effettivamente cercando di immaginare le immagini nello studio, quindi hanno incluso un compito aggiuntivo, in cui è stato chiesto loro di visualizzare quattro forme contemporaneamente invece di una.

“Era noto che gli alunni dei partecipanti diventavano più grandi quando eseguivamo un compito più difficile”, ha affermato il ricercatore di neuroscienze Laklan Kai del Future Minds Lab dell’UNSV.

Aggiunge che immaginare quattro oggetti contemporaneamente è più difficile che immaginarne uno solo. Le pupille delle persone con afasia si dilatano quando immaginano quattro forme invece di una, ma non cambiano a seconda che la forma sia chiara o scura”.

La capacità umana di formare immagini mentali dal contenuto visivo aiuta in molte importanti funzioni che il nostro cervello può svolgere. Lo facciamo per estrarre informazioni dalla nostra memoria a lungo ea breve termine, lo facciamo quando scriviamo lettere e disegniamo simboli, quando impariamo una lingua e lo facciamo quando ci muoviamo o ricordiamo dove siamo.

Per le persone con apatia, il mondo mentale è diverso, sottolineando un modo neurologico molto diverso in cui comunicano con il mondo.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista eVita.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.