Con Draghi peggiora l’attenzione degli italiani nel mondo

Senatore italo-argentino Ricardo Merlo smussato: “Dire che l’attenzione dei servizi consolari ai cittadini italiani in Argentina è un disastro anche diplomatico”. Merlo ha esperienza diretta su questo tema: responsabile della cura degli italiani all’estero durante i due regni di Giuseppe Conte (giugno 2018/inizio 2021), alla guida del viceministro del Ministero degli Affari Esteri A Roma. Ha detto che durante quel periodo il servizio è migliorato sostanzialmente, in particolare il trattamento dei passaporti e delle loro estensioni. Secondo lui, sotto il governo di Mario Draghi (inaugurato nel febbraio 2021), questa dipendenza cadeva su qualcuno che non aveva legami con gli italiani all’estero. Merlo era a Rosario e stava rilasciando un’intervista a La Capital, mentre si batte per il rinnovo dell’autorità del Comitato, il comitato che collega la comunità italiana nel mondo con la first lady e con le autorità consolari. Merlo è legislatore italiano dal 2006, quando l’elezione dei legislatori del “Collegio Esterno” iniziò a rappresentare milioni di bambini della diaspora italiana nei cinque continenti. Lui è il leader MAIE, Movimento Associativo Italiano all’Estero.

_Stai facendo una forte critica al servizio consolare. Il comitato può o dovrebbe fungere da catena di trasmissione per questo problema, giusto?

_ I Comitati sono istituzioni che consigliano i Consoli sulle restrizioni, i loro membri sono elettivi e ad honorem, questo è importante da dire, questo è un servizio volontario, non fanno pagare pesos. MAIE propone creare un ufficio dedicato alla ricezione dei reclami di chi ha problemi nelle procedure, mancanza di turni, ecc. Definire questo servizio un disastro significa essere diplomatici, negli ultimi anni si è notevolmente deteriorato. Nonostante ci siano ottimi consoli a Rosario. Riguarda la leadership politica del governo italiano, non i diplomatici. Sono decisioni politiche, Se non ricevono le risorse di cui hanno bisogno, è molto difficile per loro svolgere bene il proprio lavoro.. È importante che ci accompagnino, con il Comitato Maie saremo più forti nel Parlamento italiano.

_Se andiamo in archivio, nel 2006, sicuramente comparirà anche questa denuncia…

_Si ma la denuncia riguarda poi la nazionalità, è ormai diffuso e Non possiamo accettare che un italiano non possa rinnovare il passaporto o fare un cambio di indirizzo o non possa registrare suo figlio al consolato. E oggi tutto questo è “Mission Impossible”.

_Per i cittadini italiani che sono a Rosario, c’è una buona vicinanza, ma immagino affittare all’interno di Chaco o Corrientes. questo è decisamente più impossibile.

_Questo è molto peggio. E c’erano anche i viceconsoli, alcuni dei quali erano chiusi, e non avevano il potere di risolvere i problemi di questi cittadini. Questo è qualcosa che deve cambiare.

_Con Internet tutto questo dovrebbe migliorare.

_Si ma Quando manca la leadership politica, i funzionari non sanno cosa fare e non possono lavorare bene. Quando eravamo al governo (tra il 2019 e il 2020) passaporto rinnovato tra 10 giorni, ora è tutto molto più complicato e quasi impossibile.

_¿Perché si sta deteriorando così velocemente, a causa dell’arrivo di Mario Draghi al governo?

_Con Conte io (in carica) e mi dedico a questo. Il punto è cAl governo Draghi se ne frega della politica italiana nel mondo e il responsabile era una persona di Roma che non aveva mai visitato il Comitato e non aveva mai visitato associazioni e comunità italiane all’estero. Poi c’è stata una totale cattiva gestione e i funzionari hanno fatto quello che potevano. C’è un disinteresse esplicito. Questo è suscettibile di modifiche nella misura in cui in futuro ci saranno elezioni e man mano che il Comitato si rinnova e insieme a noi in Parlamento riusciamo a sensibilizzare il Governo. Questa non è una questione ideologica, questa è una scelta politica. Io tre volte con Draghi quando si è insediato e non ci ha mai risposto niente e non ha nemmeno menzionato la frase “italiano all’estero” e non manda mai saluti. Quanto a noi per essere chiari sulla situazione.

-Ma perché? Se aggiungiamo tutti gli italiani all’estero, per i politici ci sono tanti voti, non è un elettorato più piccolo.

_Sì, ma in realtà non riuscivamo a capirlo e ci aspettavamo qualcos’altro.

_Hai votato Draghi in Parlamento?

-Quando il presidente Sergio Mattarella ci ha chiesto, sì; oggi siamo agli antipodi.

_¿Un futuro con meno legislatori in arrivo nel 2023 indebolirà ulteriormente gli italiani all’estero? (La riforma costituzionale ha sostanzialmente ridotto il numero dei legislatori, sia eletti nella Penisola che quelli delle Università estere)

-Proporzionalmente no, e forse potrebbe essere una possibilità, perché ci sono soprattutto meno senatoriUno o due possono avere molta influenza, in realtà questo è successo quando eravamo al governo con Conte. Sono stato vicesegretario della RREE tra il 2018 e la fine del 2020, nei governi Conte I e Conte II. C’è una buona armonia e il consolato funziona “meno male” di adesso. Il tema della cittadinanza è sì complesso, di difficile soluzione, ma il rinnovo del passaporto, il cambio di domicilio, che sono temi interessanti per chi ha già la cittadinanza, poi funzionano bene quasi ovunque. Persino Siamo riusciti a eliminare la mafia incaricata del trattamento della cittadinanza, perché abbiamo fatto videochiamate a Buenos Aires e San Pablo, due posti che vendono i turni. È finita.

-E’ un po’ paradossale che in un governo come quello di Conte, guidato dal Movimento 5 Stelle, che ha un discorso anti-straniero, questo progresso sia stato fatto.

_Certo, perché la differenza è Davano italiani dall’estero per affrontare i problemi degli italiani all’estero (per lui). Ora stanno dando questa posizione a qualcuno che sono sicuro non ha mai visto italiani all’estero.

_Recentemente il governo italiano ha attivato un permesso sanitario o “pass verde” per gli italiani all’estero con vaccini non autorizzati dall’UE.

_Questo è nato da un decreto legislativo il giorno in cui abbiamo presentato in deputato con il deputato Mario Borghese affinché il governo consentisse agli italiani all’estero di accedere alla “porta verde”. Il governo ha acconsentito ma ha trovato molti vaccini non approvati dall’EMA, l’agenzia europea. Abbiamo parlato con il ministro (della Salute) Speranza, mi ha detto che avevano bisogno di una via libera dall’UE ed è stato raggiunto. È importante che tutti gli italiani che vivono in Argentina lo sappiano possono viaggiare in Italia con qualsiasi vaccino. E se hanno Sputnik o Sinopahrm, possono dare una terza dose anche in aeroporto, dov’è il posto di vaccinazione e ti danno automaticamente un “pass verde”. Se hanno AstraZeneca, fanno semplicemente la procedura e accedono al “pass verde”. Ti inviano un pass verde tramite SMS. È un grande traguardo e siamo molto felici di averlo raggiunto. L’iniziativa è nostra, perché i legislatori di altri continenti non hanno problemi con Sputnik o Sinopharm. Questo è molto importante perché un’alternativa al “pass verde” è pulire costantemente, così come coloro che rifiutano di essere vaccinati. Una “carta verde” è un’alternativa all’obbligatorietà delle vaccinazioni. Questo è un modo per cercare di vaccinare tutti. I contagiati oggi in Europa, quelli che raggiungono l’ospedale, quasi tutti non sono vaccinati.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.