Commento del calciatore sulla guerra: Shevchenko drasticamente: Putin è un “assassino”

Calciatore commentando la guerra
Shevchenko: Putin è un “assassino”

Andrei Shevchenko fa un appello emotivo per aiutare la sua patria in Ucraina. La famiglia dell’ex stella del calcio è ancora a Kiev. Tutto ciò che resta per il presidente russo Vladimir Putin è l’umiliazione. Un giocatore della nazionale russa vede le cose in modo diverso nonostante la guerra di aggressione.

L’eroe nazionale del calcio ucraino Andrei Shevchenko ha definito il presidente russo Vladimir Putin un “assassino” e temeva per la sua famiglia. “Ho cercato di convincere mia madre e altri parenti a venire a Londra, ma non volevano lasciare Kiev. Questo è lo spirito ucraino”, ha detto Shevchenko al quotidiano italiano La Repubblica.

Dall’attacco russo, si è concentrato giorno e notte su come aiutare il suo paese e la sua gente. “Sto pensando a come raccogliere fondi, come posso garantire che il mondo intero sia costantemente informato sulla tragedia in Ucraina”, ha detto il 49enne, che ha vinto il Pallone d’Oro 2004 come Giocatore Europeo di l’anno ha vinto ed è l’ultimo ad allenare il CFC Genoa.

Nel videomessaggio prima del derby di Coppa di Milano, Shevchenko ha letto un appello alla pace e al sostegno: “Abbiamo bisogno di aiuto, abbiamo bisogno di medicine. Questo è uno dei momenti più difficili della storia ucraina, anche se il popolo è unito. Da un momento all’altro che può essere ritardato sarà mortale, il tempo è l’essenza.” Shevchenko ha iniziato la sua carriera alla Dynamo Kyiv ed è tornato lì per la sua ultima stagione attiva dopo aver trascorso un periodo all’AC Milan e all’FC Chelsea.

“Non può offenderci”

Nel frattempo, il calciatore della nazionale russa Artjom Dsjuba ha criticato il trattamento riservato agli atleti russi durante la guerra in Ucraina. “La guerra fa paura. Ma sono scioccato dall’aggressività umana e dall’odio”, ha scritto il calciatore su Instagram. “Sono contro la discriminazione basata sulla nazionalità”.

Non si vergogna della sua nazionalità. “Sono orgoglioso di essere russo. E non capisco perché gli atleti debbano soffrire”, ha scritto Dzyuba, che attualmente gioca al St. Pietroburgo. È contro i doppi standard. “Perché tutti dicono sempre che lo sport dovrebbe essere tenuto lontano dalla politica, ma alla prima occasione, quando si è trattato della Russia, questo principio è stato completamente dimenticato?” Alla luce di questa presunta separazione tra sport e politica, il pilota tedesco di Formula 1 Sebastian Vettel ha recentemente giustificato il suo netto rifiuto pubblico della guerra di aggressione russa come segue: “Ci sono alcuni argomenti che non possono essere taciuti”.

Dzyuba, invece, ha scritto, riferendosi ad altri atleti che hanno criticato il comportamento degli atleti russi nei giorni scorsi: “La guerra finirà, ma i rapporti umani rimarranno”, e “ad alcuni compagni seduti in culo in una villa in Inghilterra.” e dire cose cattive: non può offenderci!”

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.