Commenti sessisti sullo sport: “Tutti imparano a ignorare” – Notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro

Secondo un rapporto, la discriminazione e l’umiliazione non si fermano nella vita quotidiana dei calciatori tedeschi. Il portiere Almuth Schult è stato sorpreso da una domanda.

Stadi pieni, valutazioni alte, tanti riconoscimenti ed entusiasmo: questo è ciò che provano i calciatori ai Campionati Europei in Inghilterra. Ma le discriminazioni e gli insulti in sottofondo non si fermano.

Secondo un rapporto di NDR e “Süddeutsche Zeitung”, i commenti sessisti e offensivi fanno ancora parte della vita quotidiana nel calcio femminile tedesco. Durante il turno preliminare del torneo EURO, la UEFA ha segnalato quasi 300 post offensivi sui social media.

“Il calcio femminile è come una corsa di cavalli. Solo su un asino” è un detto che ricorderà per tutta la sua carriera, riferisce il giocatore della Bundesliga del Brema Saskia Matheis sulla rivista ARD “Panaroma”, in onda giovedì (23:15). L’ex nazionale Tabea Kemme ha sentito queste battute sul compagno di squadra: “Anche lui è molto caldo, vero? Voglio stirare anche lui”.

Le persone spesso insultano online

Anonimo su Internet, la soglia di inibizione è ancora più bassa per molti. Durante EURO finora, squadre e singoli giocatori di Inghilterra, Spagna, Francia e Italia sono stati i più presi di mira per i post offensivi su Facebook, Instagram, TikTok e Twitter. Mentre il 70% dei post riportati conteneva insulti senza riferimento a un particolare gruppo di persone o etnia, il 20% è stato classificato come sessista, il 6% come razzista e il 4% come omofobo. Secondo la European Football Union, il 55% dei post viene cancellato, la maggior parte entro un’ora.

Michele Uva, Direttore Calcio e Responsabilità Sociale UEFA, si è detto complessivamente soddisfatto. Il motivo è che, su un totale di 618 post che sarebbero stati esaminati per contenuti offensivi, meno dell’uno per cento dei post relativi al campionato europeo di calcio. “È fantastico vedere questo progetto andare avanti”, ha detto Uva, “e sono contento che abbiamo potuto vedere il vero impatto dei numeri durante la fase a gironi”.

Leggi anche

calcio femminile

Rapinoe e compagni combattono: più soldi per le donne

Con la sua nuova serie di documentari “Outraged” (più o meno: “Upset”), la UEFA sta prendendo provvedimenti contro il cyberbullismo, la discriminazione e l’incitamento all’odio nel calcio. Wendie Renard, capitano della Francia e otto volte vincitore della Champions League dell’Olympique Lyon, ha dichiarato: “Gli insulti sono e saranno sempre insulti, sia sui social media che nella vita di tutti i giorni”.

Media e coach transfrontalieri

Ogni caso è “un valico di frontiera che è anche considerato troppo”, ha affermato il segretario generale Heike Ullrich della Federcalcio tedesca sul programma ARD. “Questo deve essere affrontato”. Non pensi al sessismo come a un problema specifico del calcio. “È dovere di tutti noi, non solo nel calcio e nello sport, ma nella nostra società, attirare l’attenzione su questi abusi”, ha affermato Ullrich. “Non importa se è un ragazzo o una ragazza, un ragazzo o una ragazza, per dire: non mi piace quello che hai appena detto”.

Il portiere della nazionale Almuth Schult del VfL Wolfsburg ha dichiarato in un pre-annuncio del programma che gli era stato chiesto da un giornalista: “”Come ci si sente quando sei uno dei pochi nella squadra che ama un uomo e non una donna ? ?” Ho pensato: è più un pregiudizio che solo le lesbiche giochino a calcio?”

Un altro giocatore della Bundesliga ha parlato in modo anonimo nel rapporto “Panorama” di un allenatore che attraversa il confine. “Continua a fare commenti sui mozziconi dei suoi compagni di squadra”. Guarda gli altri giocatori e commenta quanto sia sexy. I compagni di squadra e i supervisori confermeranno le osservazioni sessiste dell’allenatore, come ha scritto NDR. La calciatrice amatoriale Franziska Bielfeld ha dichiarato nel post: “Abbiamo tutti imparato a ignorarlo. Soprattutto quando si tratta di calcio”.

Parole ripetute e molestie

Quando la revoca del divieto di calcio femminile al DFB 50 anni fa è stata onorata in Germania due anni fa, c’è grande orrore per le condizioni umilianti in cui un tempo i giocatori praticavano il loro sport. “Alcuni sono appena venuti a guardare a bocca aperta”, ricorda Bärbel Wohlleben.

La donna, che ora ha 78 anni, ha vinto il suo primo campionato ufficiale con il TuS Wörrstadt nel 1974 ed è stata la prima donna a ricevere il premio “Goal of the Month”. Una domanda che doveva ascoltare al premio in quel momento era: “Come fai a farlo con un’intestazione quando i tuoi capelli sono appena arricciati?” Frasi come “Invece di bambini, cucina, chiesa, ora significherà più spesso in tedesco: calci, testa, lotta” possono essere ascoltate dai commentatori televisivi.

Poco prima degli Europei in Inghilterra, Britta Carlson, vice-allenatore della squadra tedesca, si è lamentata del precedente comportamento dell’arbitro nei confronti delle donne. “Ci sono funzionari che ti abbracciano e ti toccano – cosa che non dovresti fare”, ha detto l’ex giocatore della nazionale 44enne in un documentario televisivo della società di produzione cinematografica DFB e Warner Bros. “Nato per questo – più che calcio”.

© dpa-infocom, dpa:220721-99-100556/4

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.