Come la Serbia si prepara a un nuovo blocco: messaggi di pace, appelli e minacce

Come si è preparata la Serbia al blocco, una settimana dopo il primo ingorgo? Sabato è stato annunciato un nuovo blocco stradale un po’ più lungo. Sempre più cittadini, organizzazioni, ma anche partiti politici annunciano la loro partecipazione. Gli organizzatori ritengono che la sicurezza dei partecipanti dipenderà dalla massa del raduno. D’altra parte, ci sono state richieste di contro-raduno, ma c’è stata anche deterrenza e marcatura dei partecipanti alla protesta.

Si stanno sviluppando insoddisfazioni per le strategie chiave di blocco stradale nonviolento, e cosa sta facendo il governo? Il presidente ha detto – che non rispetterà le minoranze stradali e del terrore, nonostante le richieste di non firmare il decreto e fermare le leggi pericolose, secondo i residenti scontenti. Il presidente del Consiglio, dopo dichiarazioni di puro “fascismo”, “ha lasciato cadere la palla”, ma con un accenno al terrore.

“Chiediamo la pace, chiediamo alle persone di essere tolleranti, di essere pazienti, in modo che la maggioranza si lasci terrorizzare dalla minoranza in questo momento, perché ciò che è più importante è che abbiamo la pace, manteniamo la stabilità e la Serbia continua a crescere. ” rafforzare e sviluppare”, ha affermato Brnabić.

Lo ha annunciato lo stesso Viminale, come sabato scorso fino a un’ora prima della chiusura delle strade, ma proprio per questo la polizia sembra avere a che fare con persone che li invitano agli assembramenti sui social network. Milorad Petrovi di Uba ha testimoniato al portale Nova.rs che due giorni dopo, dopo un appello per una protesta ambientale, la polizia ha bussato alla sua porta.

“Ieri, dieci poliziotti e civili in uniforme hanno fatto irruzione nel mio appartamento con un ordine del tribunale, con l’accusa di vendita di armi e stupefacenti. Se non fosse triste, sarebbe una ridicola, incredibile parodia. “Non ho niente a che fare con questo , è chiaro.” disse.

Come puoi vedere, i seguaci del partito di Vučić aspirano a controproteste.

“E vogliamo Rio Tinto, qui voglio Rio Tinto! E voglio protestare che hai interferito con l’arrivo di Rio Tinto, vogliamo protestare contro di te”, ha detto il legislatore del SNS Vladimir Djukanovic.

Qualcuno, invece, ha preso in mano la situazione e si è opposto ai cittadini nel blocco. Una certa associazione di cittadini “Lila revolucija”, di cui non abbiamo tracciato le tracce, e che scriveva lettere ai media, non alla televisione H1, invitava le donne ad allenarsi in abiti viola e trasportava secchi dello stesso colore e contrassegnava le auto che partecipavano al blocco .

“Armati di un sorriso, pazienza e vernice lilla! “Tufnica combatte i delinquenti arroganti e coloro che bloccano la strada!”, dichiarano.

E mentre sarà cacciata la Rivoluzione Lila, a differenza di quelli di Sabac che hanno preso i pali e i pali delle proteste di sabato scorso, il Partito Unito per la Serbia e la Piattaforma Civica Aperta Akcija invitano coloro che scendono in piazza a non cadere preda di provocazioni e alzare la voce pacificamente a decisioni costose. Gli organizzatori hanno esortato la polizia a cooperare e a non usare la violenza contro i suoi cittadini, e l’associazione dei giornalisti ha invitato la polizia a proteggere i giornalisti che hanno riferito delle proteste.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.