Coach Sáblíková su fatture sospette: è solo una questione amministrativa

L’aereo da Amsterdam è atterrato sulla pista esattamente come previsto – alle 13:40. Pedala con la pattinatrice di velocità Martina Sáblíková e il suo allenatore Petr Novák.

Tuttavia, il famoso allenatore non è passato attraverso la sala degli arrivi, evitando così la domanda su come ha addebitato centinaia di migliaia di associazioni di pattinaggio veloce per la concentrazione dei rappresentanti.

Il sindacato ha riferito lunedì di avere dubbi sulla fattura e quindi di non voler pagare a Petr Novák un totale di 1,8 milioni di corone. A causa della disputa dell’allenatore con l’associazione, la sua accusa più famosa è stata il rifiuto di Martina Sáblíková di giocare ai Mondiali di questo fine settimana.

Mentre l’associazione di pattinaggio di velocità ha riconosciuto ufficialmente la disputa martedì, Petr Novak ha evitato di spiegarla. Da Calgary, in Canada, dove Sáblíková ha ospitato l’ultima gara di Coppa del Mondo nel fine settimana, l’allenatore non ha risposto alle ripetute chiamate della redazione o ai messaggi che richiedevano un’intervista lunedì.

Martedì pomeriggio, dopo essere arrivato in Repubblica Ceca, il suo cellulare continuava ad annunciare un tono di occupato. Mentre la maggior parte delle spedizioni di pattinaggio di velocità va nelle hall dell’aeroporto, Petr Novák preferisce utilizzare il check-in VIP e con esso l’opportunità di passare tranquillamente attraverso le uscite laterali.

Secondo David Trávníček dell’agenzia di marketing Sport Invest, che lavora a stretto contatto con Novák, l’allenatore di pattinaggio di velocità di successo commenterà il caso “al più tardi mercoledì”.

“Sta preparando una dichiarazione per i media. Ed è per questo che ha lasciato l’uscita VIP”, ha detto Trávníček.

In serata, però, i compagni di squadra di Novák hanno inviato un comunicato alla stampa, in cui l’allenatore spiegava dal suo punto di vista che il problema con il disegno di legge era solo di natura amministrativa. E il sindacato documenta tutte le spese. “Tutte le possibili ambiguità riguardano la documentazione puramente amministrativa dell’intero evento”, ha scritto Novák.

La faida di Petr Novák con l’associazione di pattinaggio di velocità ruotava attorno a quattro fatture del 2019 e del 2020, quando, come capo allenatore dell’associazione, accompagnava i giovani atleti ai campi di allenamento nelle Alpi italiane. Nel comune di Collalbo paga l’alloggio ai pattinatori di velocità, poi addebita al sindacato.

L’anno scorso, i genitori di uno dei concorrenti hanno scoperto che l’alloggio era molto costoso: secondo loro, gli atleti vivevano in appartamenti da tre a sei persone. Cucinano da soli, disse il vecchio. Tuttavia, il resoconto presentato da Petr Novák corrisponde al fatto che vivono in coppia e hanno cibo. Gli editori hanno pubblicato le loro copie lunedì.

I genitori hanno detto che controllano anche il prezzo effettivo direttamente in hotel. Il sindacato è stato avvertito dal sindacato, che ha calcolato che il conto potrebbe essere sopravvalutato di circa 700mila. L’anno scorso, voleva una spiegazione e una fattura speciale per l’alloggio da Novák, da cui sarebbe stato possibile leggere esattamente come stavano gli atleti e quali servizi l’allenatore di Novák pagava per loro.

“Abbiamo seri dubbi sul fatto che i numeri siano stati esagerati. E Novák si è ripetutamente rifiutato di dimostrare esattamente quanto ha pagato durante il campo di addestramento e quali fossero i costi effettivi”, afferma Václav Musil, ex vicepresidente dell’associazione, che si è dimesso da pattinatore di velocità l’anno scorso proprio a causa di problemi con la fattura di Novák.

Anche l’associazione di pattinaggio di velocità non ha voluto dire nulla di più vicino al caso di lunedì. Tuttavia, martedì, ha confermato le linee fondamentali della questione.

Sul sito rilasciare una dichiarazione che in realtà ha litigato con Novák per 1,8 milioni. “A causa della sua complessità, l’indagine in questa materia non è stata ancora completata. Se necessario, saranno invitati esperti esterni per risolvere il caso”, scrive il sindacato.

Ha anche aggiunto che Novák continuerà a far parte della squadra nazionale, soprattutto perché le Olimpiadi invernali iniziano a febbraio e Sáblíková, sei volte medaglia, è uno dei favoriti per la buona posizione.

L’allenatore di Novák in seguito ha scritto nella dichiarazione della sera che il sindacato non gli ha pagato le bollette perché lui stesso non aveva abbastanza soldi (cioè secondo Novák non perché l’importo era in discussione). Contrariamente a quanto affermato dal rappresentante sindacale, Novák ha affermato di aver presentato tutti i documenti e di essere stato ripetutamente disponibile per ulteriori indagini e integrazioni.

“Non ho mai avuto l’ambizione di gestire cose del genere, preferisco concentrarmi esclusivamente sul lato sportivo. Tuttavia, è così che è stato il processo nel nostro piccolo sindacato per molto tempo e sono entrato in questo sistema molti anni fa “, ha detto Novak.

Ha anche aggiunto che nei campi stranieri ha sempre voluto che i partecipanti avessero i servizi necessari, vitto e alloggio di qualità. Che si tratti di una star o di un aspirante giovane sportivo. Allo stesso tempo, ha riconosciuto che ciò potrebbe essere contro le regole (Novák non ha specificato cosa intendesse).

“Inconsapevolmente, potrei non seguire sempre tutti i manuali amministrativi, che ho ammesso più volte nel sindacato. Tuttavia, ho sempre agito esclusivamente nell’interesse di tutti i concorrenti, indipendentemente dall’età e dal rendimento, nell’interesse di tutti i pattinatori di velocità, ” aggiunge Novak .

Integriamo l’articolo con una dichiarazione dell’allenatore Novák.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.