Claire Chazal fa una nuova convinzione sul suo licenziamento da TF1

In un’intervista al sito belga Télépro, Claire Chazal ha rivelato nuovi dettagli sulla sua partenza dal quotidiano delle 20:00 su TF1 nel 2015.

La persona che ora guida il gruppo di antenne France Télévisions, e che è stata sostituita da Anne-Claire Coudray sul primo canale, ammette di aver “profondamente sperimentato” l’assenza di TF1. Una catena che considera parte integrante della sua vita. “Questa è la mia famiglia, sono molto libera e felice. Quando devi fermarti, è uno shock. Non ho intenzione di fermarmi”, ha confessato Telepro.

Nei giorni successivi alla sua partenza, Claire Chazal ricorda di aver trovato un po’ di conforto nel pubblico che, per la prima volta, ha beneficiato di France 2. Ha anche rivelato che il suo licenziamento è stato motivato da motivi personali. “Il pubblico aveva ragione, eravamo davanti a France 2. Il weekend dopo la mia partenza, France 2 era davanti a TF1, mi ha fatto sorridere. Sono stato arrestato per motivi personali, è ostilità da un punto di vista personale”, ha continuato.

Sempre fedele a 20H TF1

Claire Chazal ha espresso un’altra convinzione sbalorditiva durante questa intervista, affermando che continua, anche oggi, a stare al passo con le notizie di TF1. “Mi dispiace per Laurent Delahousse che mi piace molto, ma ho visto quello di TF1!”, ha detto. Riuscirà un giorno a prendere in mano le redini del telegiornale? I giornalisti non la pensano così.

“Non posso credere che il canale generalista mi offra di presentare uno spettacolo delle 20:00. Non mi interessa altro che un diario di 20 ore che ti permetta di raccontare una storia con file, riferimenti, prospettiva storica. È la quiete delle 20:00 che mi interessa, non un’informazione permanente. Non posso credere che mi verrà offerta una presentazione delle 20:00 come questa”, ha sottolineato.

Claire Chazal accenna anche alla fine della sua carriera e alla possibilità, un giorno, di prendersi un meritato pensionamento. Una prospettiva che non aveva potuto considerare fino a quel giorno. “Non ho un appuntamento, non ci andrò mai. Voglio farlo fino alla fine, finché non ci riuscirò”, ha detto.

Jacqueline Andrus

"Unable to type with boxing gloves on. Total alcohol enthusiast. Unapologetic thinker. Certified zombie junkie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.