Chiediamo che Pristina si dimetta e l’UE risponde se c’è un accordo a Bruxelles

“La Serbia chiede il ritiro delle forze di polizia del Kosovo dal nord del Kosovo, per riportare la situazione alla parte precedente, e poi andare a Bruxelles per discutere di tutto e, se possibile, essere d’accordo”, ha detto Vucic dopo la sessione di sicurezza nazionale . Tavola.

Vučić ha anche affermato di aver respinto la proposta che ha ricevuto ieri dall’UE, in quanto sembrava, come diceva lui, una “presunta soluzione di compromesso”. Secondo la proposta, ha spiegato, gli albanesi rinuncerebbero al 70 per cento di ciò che vorrebbero fare sul piano amministrativo, ma introdurrebbero dal 20 al 30 per cento delle nuove misure.

“Se la Serbia accetta, l’unità della ROSU verrà ritirata immediatamente. Chiediamo loro di ritirarsi incondizionatamente”, ha detto Vucic in risposta alle domande dei giornalisti.

Ha anche spiegato che, in conformità con la proposta dell’UE, Pristina non confischerà più le targhe serbe al Kosovo, ma i veicoli della Serbia centrale dovrebbero prendere le targhe di prova del Kosovo.

“Ho rifiutato perché sono stufo della politica dell’azione finita, non puoi parlare alla Serbia in quel modo”, ha detto.

Ha anche detto che, se la Serbia avesse accettato una proposta del genere, il passo successivo sarebbe che le unità di Pristina occupino il Valac o l’edificio amministrativo a Gazivode, e i rappresentanti europei sarebbero venuti a Belgrado e avrebbero detto “Dai, compromesso”.

Secondo Vučić, un tale compromesso consisterebbe nel ritiro delle truppe da Pristina, ma nel mantenimento della loro gestione.

Vučić ha sottolineato che il sesto attacco nel Kosovo settentrionale è avvenuto ieri, utilizzando mezzi corazzati per il trasporto di personale, tubi lunghi e, come ha affermato, molestie ai residenti locali senza avvisare i sindaci di quattro comuni a maggioranza serba.

“L’unica soluzione è ritirarsi, chiediamo il ritiro di tutte le truppe, e poi andiamo a Bruxelles per discutere di tutto e, se possibile, essere d’accordo”, ha detto il presidente serbo.

L’UE deve dichiarare se l’accordo di Bruxelles esiste ancora

Ha aggiunto che il Consiglio di sicurezza nazionale sta cercando risposte urgenti dall’UE indipendentemente dal fatto che gli accordi di Bruxelles siano in una transazione legale o meno e quando verrà formata l’Unione dei comuni della Serbia, perché, come ha sottolineato, questa è l’essenza della l’accordo.

“Chiederemo risposte per un mese e il loro silenzio sarà una chiara risposta per noi che l’accordo di Bruxelles non esiste più”, ha detto Vucic.

Ha anche invitato l’Unione Europea, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti a influenzare Pristina a ritirare, come ha detto, illegale e contraria al Trattato di Bruxelles, il verdetto contro Ivan Teodosijevic.

“Pristina non solo ha proibito il dissenso, ha violato direttamente l’accordo di Bruxelles, secondo l’accordo di Bruxelles avrebbero dovuto esserci due serbi e un albanese nel collegio dei giudici, un tale collegio non è mai stato offerto di formarsi”, ha sottolineato il presidente .

Vučić ha anche chiesto che i permessi di fornitura di energia in Kosovo fossero rilasciati immediatamente a due società serbe.

Non ci saranno nuovi pogrom, né Storm, né Flash

Ha detto alla Serbia in Kosovo che lo stato avrebbe gestito e trovato una soluzione per i rifornimenti.

Ha anche annunciato che nei prossimi giorni sarebbero state prese in considerazione ulteriori misure per proteggere gli interessi della Repubblica di Serbia, ma che Belgrado voleva “mostrare buona volontà e dare ad alcune persone a Pristina il tempo di cambiare la loro cattiva decisione”.

Ha anche detto che se c’è un accordo fisico, la KFOR deve reagire, “e se la NATO non reagisce, ho già detto che non ci saranno pogrom come il 2004, che non ci saranno ‘uragani’ o ‘fulmini'”.

Va ricordato che i membri dell’unità speciale della polizia del Kosovo hanno occupato ieri il valico verso la Serbia nel nord del Kosovo e hanno iniziato a confiscare le targhe “KS”, dopodiché i serbi hanno iniziato una protesta.

I serbi che vivono a sud di Ibar da dieci anni non possono utilizzare la targa “KS”, cioè immatricolare un’auto in Kosovo con la cosiddetta “targa UNMIK”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.