Chiave della crisi politica in Colombia dopo le elezioni | Internazionale

La Colombia sta vivendo una delle peggiori crisi di legittimità nel processo elettorale degli ultimi decenni. Una settimana dopo le elezioni legislative e le consultazioni interpartitiche, martedì il Consiglio elettorale nazionale si è riunito per discutere se riconteggiare il voto, cosa mai accaduta prima in Colombia. Il cancelliere nazionale ha assicurato lunedì che avrebbe richiesto formalmente la nuova supervisione, un’idea supportata anche dal presidente Ivan Duque, ma che manca di supporto legale. Il cancelliere è stato ritirato ore dopo, ma la polemica era già stata scontata.

Ecco la chiave di ciò che è successo dal giorno delle elezioni:

Il Patto Storico denuncia che non sono arrivati ​​400.000 voti

La mattina di lunedì 14 marzo hanno cominciato a suonare i primi allarmi. I membri del Patto della Storia, la coalizione di sinistra guidata dal candidato alla presidenza Gustavo Petro, hanno rivelato sui social network che c’erano 29.000 seggi elettorali in cui il Patto ha ottenuto zero voti.

La coalizione parlava da mesi di possibili frodi, così hanno progettato un sistema di sorveglianza con testimoni volontari e uno strumento informatico con il quale hanno analizzato in tempo reale le informazioni inviate dal seggio elettorale all’Ufficio delle Segreterie. È così che hanno scoperto le irregolarità nel conteggio dei voti precedente [los datos que se ofrecen la misma noche de las elecciones]che è stato successivamente confermato dalla Missione di osservazione elettorale (MOE) che ha identificato “un comportamento atipico nei risultati delle votazioni per il Patto storico”.

Gli avvocati della coalizione hanno avanzato rivendicazioni legali ed è stato condotto un esame preliminare che ha rilevato che inizialmente non erano stati conteggiati quasi 400.000 voti. Alcuni leader politici promuovono l’idea di “frode storica” ​​contro la sinistra, ma anche altre forze politiche di diverso spettro hanno individuato irregolarità e chiesto ai propri elettori di accedere tramite un link al sito web dell’anagrafe per vedere se il loro voto fosse stato conteggiato sul tavolo dove si tenevano le schede elettorali.

Unisciti a EL PAÍS per essere aggiornato su tutte le notizie e letture illimitate.

cliente

Errori di progettazione e trasmissione

Mentre la rete continua a essere inondata di accuse di frode, gli stessi MOE e Gustavo Petro identificano dove le irregolarità potrebbero portare a una sottostima dei voti sia dal Patto storico che da altre forze politiche come il New Liberalism e i Verdi. festa.

Il design del modulo E14, una novità in questa designazione elettorale, colloca la Storia del Patto in una delle sue ultime pagine, come se fosse una nota a piè di pagina dopo l’elenco di un altro partito. “Rende più facile che si verifichi l’errore umano e quando i dati vengono determinati al telefono, i numeri nella casella vengono saltati”, ha spiegato al giornale Diego Rubiano, coordinatore dell’Osservatorio politico elettorale del MOE.

La sorveglianza ufficiale raccoglie i voti che non erano stati originariamente contati

Dopo aver corretto un errore, il risultato del Patto Storico è stato migliore di quello annunciato domenica sera, passando da 2,3 milioni a quasi 2,7 milioni di voti — e da 16 a 19 seggi al Senato. “Attualmente sono stati rivendicati al Senato 486.000 voti per il Patto della Storia che non sono stati riportati. Siamo vicini ai tre milioni di voti per la lista del Senato”, ha detto Petro. Tuttavia, la sinistra mantiene le sue affermazioni fraudolente.

Il diritto di fomentare l’idea dell’inganno

Una volta che i dati precalcolati, che si conoscono alla fine della giornata elettorale, vengono incrociati con un controllo formale, che ha validità legale, da destra si intensificano i messaggi di frode elettorale. L’ex presidente Andrés Pastrana è stato il primo. «Le cifre ufficiali del cancelliere sanno di truffa a favore del patto storico. Il governo dovrebbe appaltare, con il consenso degli attori elettorali, due società internazionali indipendenti per l’analisi forense del processo di registrazione di domenica scorsa”, ha affermato.

È stato seguito dall’ex presidente lvaro Uribe, fondatore del partito di governo del Centro Democratico, il cui potere politico ha perso potere al Congresso ed è passato dal primo al quinto al Senato. Uribe ha detto che c’erano moduli che sono stati cancellati e modificati ed erano benvenuti a non accettare i risultati.

Dall’inizio del 2022 le voci di Uribism parlano di congetture hackerare Russia e sospettosamente ha sottolineato che Petro aveva incontrato in Spagna funzionari di Indra, la società spagnola selezionata dal Consiglio elettorale nazionale per il controllo ufficiale.

Il duca chiama per ricontare i voti

Con tensioni politiche ai massimi livelli e voci di tutti i partiti che dubitano della trasparenza delle elezioni e criticano le irregolarità del cancelliere Alexander Vega, il presidente Ivan Duque ha inizialmente chiesto che la commissione di garanzia elettorale si riunisse. Questo lunedì ha detto di essere stato “suggerito considerando, dal Consiglio elettorale nazionale, di andare avanti con un riconteggio generale alle elezioni del Senato”. Vega ha aderito alla stessa richiesta, che ha messo in evidenza “la paranoia ingannevole di tutte le forze politiche” e ha accusato le irregolarità del conteggio iniziale sulla giuria votante. Vega è stata criticata per aver cambiato il modo in cui viene selezionata la giuria, guidando persone inesperte o giovani che non hanno mai votato per assumersi l’incarico.

Il dichiarante si ritira

La decisione di aprire o meno le urne solleva un nuovo dibattito. “Quello che i dichiaranti stanno facendo oggi si chiama frode. La catena di custodia del voto si è conclusa sabato. In questo momento probabilmente stanno riempiendo le schede. Hanno violato la decisione di 5.000 giudici. Siamo di fronte a un vero colpo di stato promosso da Uribe”, ha detto il candidato alla presidenza Gustavo Petro.

Nel frattempo, lvaro Uribe insiste per un riconteggio. “Una cosa è ammettere che il partito ha subito battute d’arresto, accettare l’impatto sulla mia reputazione, riconoscere ciò che mancava al governo (Iván Duque) e un’altra è chiedere un riconteggio per il bene della democrazia”.

Il Consiglio elettorale nazionale si riunisce martedì per prendere una decisione. Durante l’incontro, l’impiegato ha ritrattato e ha annunciato che non avrebbe richiesto formalmente un riconteggio, ma sono sorti dubbi e la fiducia elettorale è stata infranta.

iscriviti qui a bollettino da EL PAÍS America e ricevere tutte le informazioni chiave dall’attualità nella regione

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.