Che tipo di caffè è meglio per il fegato?

Un nuovo studio pubblicato su BMC Public Health indaga su quali tipi di caffè possono aiutare a ridurre il rischio di malattie epatiche croniche (CLD).

Il CLD è un’infiammazione cronica che provoca danni al tessuto epatico, che porta allo sviluppo di tessuto cicatriziale – fibrosi e cirrosi, e la cirrosi può portare al cancro di questo organo.

Precedenti osservazioni e studi di laboratorio hanno dimostrato che il caffè può proteggere dallo sviluppo di CLD, inclusi cirrosi e cancro al fegato, scrive Molto adatto.

In questo studio, i ricercatori hanno voluto vedere quale tipo di caffè fosse più efficace nel proteggere la salute del fegato: macinato, istantaneo o decaffeinato.

“Abbiamo dimostrato che il consumo di tutti i tipi di caffè, compresi decaffeinato, caffè istantaneo e caffè macinato, è associato a un rischio ridotto di malattie del fegato”, ha affermato il professor Jonathan Fallowfield, ricercatore principale presso l’Università di Edimburgo e uno degli autori dello studio.

“I bevitori di caffè hanno il 21% in meno di probabilità di sviluppare malattie epatiche croniche, il 20% in meno di sviluppare una malattia del fegato grasso e il 49% in meno di probabilità di morire per malattie epatiche croniche rispetto a coloro che non bevono caffè”, ha detto Faloufield. :

“Il caffè contiene più di 1.000 composti, inclusi alcaloidi, caffeina e trigonellina, e diversi antiossidanti e questi composti sono considerati benefici per la salute umana, tra cui caffeina, acido clorogenico, caveol e cafestol”.

Tag



Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.