Calcio – Accuse di razzismo dopo la partita Svezia-U21 Italia – Sport

Stoccolma (AP) – Un calciatore della nazionale svedese U21 è stato insultato a livello razziale durante la partita internazionale contro l’Italia a Monza.

Lo ha annunciato la Federcalcio svedese sul proprio sito web. Il giocatore in questione è Anthony Elanga, che è sotto contratto con i campioni da record del Manchester United in Inghilterra.

“Abbiamo condiviso la nostra versione dell’evento e fornito rapporti verbali agli arbitri e ai delegati di gara”, ha dichiarato l’allenatore dell’Under 21 Claes Eriksson sul sito web dell’associazione. Ora stai aspettando un feedback e poi deciderai come procedere. I dettagli del sospettato erano inizialmente sconosciuti.

La Federazione Italiana FIGC ha smentito la rappresentanza “in modo deciso”, come comunicato il giorno successivo. Nessuno degli azzurri si è comportato in modo razzista nei confronti degli avversari. Inoltre, nessun incidente è stato registrato dall’arbitro. La FIGC difenderà in ogni modo possibile l’immagine di sé e dei suoi giocatori. Tutto il calcio italiano e soprattutto la nazionale lottano contro il razzismo intensamente.

“Nessuno dovrebbe essere esposto al razzismo”, ha detto l’allenatore Eriksson. “Siamo tutti dietro ad Anthony e lo sosteniamo su questa questione”. E’ terminata 1-1 la gara di Monza, qualificata per l’Europeo Under 21.

© dpa-infocom, dpa: 211013-99-582533 / 3

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.