Bruxelles prevede tagli alla crescita e aumento dell’inflazione

La Commissione europea prevede di tagliare le sue previsioni di crescita per l’Eurozona e l’Unione Europea quest’anno e, soprattutto, l’anno successivo, mentre aumenterà le sue proiezioni di inflazione nelle sue previsioni macroeconomiche in uscita questo giovedì. Sia il vicepresidente dell’Esecutivo comunitario all’economia, Valdis Dombrovskis, sia il commissario all’Economia, Paolo Gentiloni, si sono dichiarati in questa linea all’arrivo alla riunione dei ministri delle finanze dell’eurozona (Eurogruppo) a Bruxelles.

“La crescita si è dimostrata abbastanza solida quest’anno, ma anche così, ci si possono aspettare revisioni al ribasso per quest’anno e ancor di più per il prossimo anno, poiché vi è molta incertezza e rischio. E, sfortunatamente, l’inflazione continua a crescere sorprendentemente”, ha detto ai media il politico lettone. Nell’ultimo aggiornamento delle sue previsioni, Bruxelles ha abbassato le sue previsioni di crescita del PIL per l’eurozona e l’UE al 2,7%, in entrambi i casi 1,3 punti in meno rispetto ai calcoli precedenti. Per il 2023 prevede un’espansione del 2,3% nelle due zone.

Per quanto riguarda l’inflazione, il servizio economico della Commissione stima che maggio dell’anno si chiuderà con un aumento medio dei prezzi del 6,1% nella zona euro e del 6,8% nel blocco nel suo complesso. Sull’aumento dei prezzi, Dombrovskis ieri ha definito l’energia un “fattore importante”, anche se ha citato anche altri fattori come i prezzi dei generi alimentari o “problemi continui” nelle catene di approvvigionamento globali.

Pertanto, ha aggiunto, i prezzi dell’energia si stanno allargando ad altri settori e l’inflazione, quindi, è più “prolungata”, per cui è necessario accompagnare la “risposta settoriale” nel settore energetico con gli interventi della Banca centrale europea (Bce). , anch’esso “necessario”.

Nel frattempo, l’italiano Gentiloni ha sottolineato che i prezzi dell’energia sono “molto volatili”, ma ha indicato che ciò che influenzerebbe maggiormente lo scenario economico della Commissione europea sarebbe un taglio completo delle forniture di gas al blocco da parte della Russia. “Questo potrebbe cambiare il quadro, che per ora è quello di una crescita molto limitata, calante e lenta. Non siamo in territorio negativo”, ha sottolineato il responsabile dell’Esecutivo per l’Economia Comunitaria, rilevando che le previsioni dell’agenzia pubblicate a maggio prevedevano già uno scenario negativo derivante da una riduzione delle forniture totali di gas, in cui l’eurozona chiuderebbe i mercati. anno di recessione.

D’altra parte, il governo spagnolo spera questa settimana di ricevere l’approvazione definitiva dai partner dell’UE per la seconda fase del fondo di recupero post-pandemia da 12.000 milioni di euro, in modo che i pagamenti vengano effettuati nelle prossime settimane. Lo ha riferito la vicepresidente per gli affari economici, Nadia Calviño, all’arrivo alla riunione dell’Eurogruppo.

fondo di recupero

Calviño ha evidenziato che la Spagna sta “guidando il dispiegamento di piani di ripresa in Europa” ed è diventato il primo Paese a richiedere la seconda tranche del Recovery and Resilience Fund, dal quale si è assicurata in estate un anticipo di 9.000 milioni di euro. e il primo pagamento di 10.000 milioni a dicembre 2021. Il 27 giugno la Commissione ha approvato in via preliminare un secondo esborso di 12.000 milioni di euro, che la Spagna ha richiesto entro il 30 aprile, dopo aver verificato che il Paese avesse raggiunto i 40 traguardi e obiettivi associati a esso, compresa la riforma del lavoro e parte della riforma delle pensioni.

Dopodiché, gli Stati membri dovranno dargli la loro approvazione attraverso la commissione per la politica economica e finanziaria, dove siedono i ministri dell’Economia e delle finanze dell’UE, e che dovrebbe riunirsi questa settimana, secondo una fonte del ministero guidata da Calvino.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.