Bocan Kharchenko: la Russia non riconoscerà il Kosovo

L’ambasciatore russo a Belgrado Alexander Bocan Kharchenko ha dichiarato che Mosca non avrebbe riconosciuto il Kosovo ed è rimasta coerente con le sue politiche.

Chiediamo l’attuazione della risoluzione 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, che deve essere attuata sia nella nostra opinione che nel diritto internazionale, ha affermato Kharchenko.

“Il Kosovo è una questione importante della nostra cooperazione amichevole e fraterna e non vi è alcun segnale che la Russia possa cambiare atteggiamento sulla questione”, ha affermato Kharchenko, aggiungendo che il Kosovo rimane un precedente nel diritto internazionale.

“La dichiarazione di indipendenza unilaterale e illegittima del Kosovo non dovrebbe essere associata alla separazione dei Domba, perché i cittadini delle repubbliche di Donetsk e Luhansk hanno votato in un referendum per la secessione dall’Ucraina, cosa che non è avvenuta con il Kosovo”, ha affermato Kharchenko.

I residenti delle repubbliche di Donetsk e Luhansk non riconoscono il governo di Kiev, “che è il risultato di un colpo di stato illegittimo e incostituzionale”, ha detto Kharchenko a Insider Television.

Ha descritto Kharchenko come un rifiuto positivo della Serbia di imporre sanzioni alla Russia.

La Serbia ha avuto una posizione coerente dall’inizio delle “operazioni militari speciali” della Russia e i funzionari di Mosca possono apprezzarlo, ha detto Kharchenko.

Ha espresso la sua convinzione che i serbi abbiano la comprensione della maggioranza per le operazioni militari russe.

Kharchenko ha definito l’insistenza di Washington e dell’Unione Europea sul fatto che Belgrado imponga sanzioni alla Russia come “pressione straordinaria” e “comportamento ostile” dell’Occidente nei confronti della Serbia.

Tag


Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.