Berlusconi si prepara alla battaglia del Quirinale | Internazionale

Berlusconi parla ai media il 23 dicembre a Roma.LaPresse / Roberto Monaldo (AP)

Che Silvio Berlusconi, uomo onnipresente nella politica italiana degli ultimi decenni, abbia sognato di porre fine alla sua carriera di Presidente della Repubblica non è un segreto nella nazione transalpina. Né è nuovo, ha fantasticato in altre occasioni con i capi di Stato. Ma questa volta, alla fine del mandato di Sergio Mattarella, si vede con delle opzioni e ha sottilmente esposto le sue carte e ha dato fuoco alla macchina per raccogliere consensi, anche se ufficialmente si è limitato a dire che deciderà in partenza. anno se si applica.

Al momento non c’è un candidato ufficiale, ma l’attuale presidente del Consiglio, Mario Draghi, proposto da alcuni esponenti politici, ha fatto scivolare che sarà disponibile per la carica.

Berlusconi, 85 anni e tre volte primo ministro italiano, si è affrettato a escludere la possibilità e uno strano duello con un rivale dello status e del prestigio dell’ex presidente della Banca centrale europea. “Draghi sta meglio dove sta, questa amministrazione è un grande successo e deve continuare così fino alla fine della legislatura”, ha detto. Il dignitario di otto anni era convinto di avere una possibilità concreta, cosa che pochi difendevano, di arrivare al Palazzo del Quirinale, sede della Presidenza della Repubblica. E il suo alleato di centrodestra gli permette di continuare a sognare sussurrandogli fedeltà. Pochi giorni fa ha ricevuto personalità di spicco della coalizione di estrema destra di cui fa parte anche nella sua villa romana per discutere la questione dell’elezione dei capi di Stato e offrire un’immagine di unità.

I rituali di solito funzionano al contrario, sono i partiti che nominano i loro candidati, che vengono poi scelti dal Parlamento. L’applicazione spontanea non è frequente. Inoltre, la storia dice che i primi nomi ascoltati alla fine furono scartati. Ma Berlusconi, l’uomo che continua a tornare, meravigliandosi di chi lo ha lasciato morire politicamente in decine di occasioni, ha dimostrato di essere una sfida continua al mondo. status quo.

Il suo cammino verso il Quirinale era pieno di ostacoli. I proprietari di Mediaset sono stati offuscati negli anni dallo stigma della corruzione e delle tempeste giudiziarie. Il voto per il presidente repubblicano, infatti, coinciderà con un’udienza dibattimentale volta a spiegare se ha acquistato un testimone in un precedente processo in cui era accusato di istigazione alla prostituzione minorile e dove è stato assolto in appello. È uno dei tanti casi giudiziari emersi dalla famigerata serata dei “fiori”, definita dai politici e dal monarca una “cena elegante”.

Né si adattano al classico profilo del capo dello Stato, più neutrale e diplomatico, all’atteggiamento costante e noto del vecchio. Cavaliere e lo stile stravagante che mantiene sempre. Come è sua abitudine definire l’ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama “bello e abbronzato” o il suo stile beffardo: “È meglio essere appassionati di belle donne che essere gay”.

Unisciti a EL PAÍS per stare al passo con tutte le notizie e letture illimitate.

Cliente

“Per quanto riguarda la sua immagine, la sua scelta per l’Italia sarebbe disastrosa. Serve un altro profilo, serve qualcuno che l’Unione Europea riconosca come affidabile, esperto, competente”, ha detto al quotidiano il politologo Piero Ignazi. “E’ sempre stata preda della megalomania, questa mossa non mi sorprende ora”, ha aggiunto.

Gli esperti non vedono alcuna possibilità in questa candidatura. “Non c’è, è una manovra di pressione del centrodestra per cercare di avere più voti alle elezioni e potere contrattuale”, ha detto. E puntualizza: “I diritti mancano della personalità rilevante da proporre per una carica come quella del presidente della Repubblica, né all’interno dei partiti politici che compongono la coalizione né al di fuori di essi”.

Ignazi ha scelto Draghi: “Per sette anni assicureremo la presenza di personalità di rilievo, grande competenza e grande riconoscimento internazionale, fiducia democratica garantita, requisiti imprescindibili per un Presidente della Repubblica. Pochi sono qualificati come lui”.

L’esperto ha anche sottolineato il ruolo chiave che il capo dello Stato italiano ha assunto negli ultimi anni, come arbitro politico e nel guidare le formazioni di governo. “Non è più qualcosa di simbolico come una volta, ha acquisito un ruolo fondamentale negli ultimi decenni, motivo per cui le elezioni presidenziali sono molto più importanti che in passato”.

In generale, gli analisti pensano che l’elezione di Berlusconi alla guida della più alta istituzione di Stato italiana sia altamente improbabile data la sua controversa traiettoria politica, imprenditoriale e giudiziaria, che non lo rende una figura di consenso con l’opzione di ricevere i due terzi dei voti richiesti. Parlamento o la maggioranza assoluta del terzo voto.

Gianfranco Rotondi, classico della Democrazia cristiana e ministro nel terzo e ultimo governo Berlusconi (tra il 2008 e il 2011), è invece ottimista sulla candidatura dell’ex presidente del Consiglio. In un’intervista a Corriere della Sera, i politici hanno mostrato la simpatia che il tycoon ha suscitato tra le fila del centrosinistra. “Che Berlusconi e la sinistra italiana sono una storia sconosciuta, ma un legame profondo”, ha scivolato. E ha determinato: “C’era un deputato del Pd che mi ha detto: ‘Uno come [el ex primer ministro Paolo] Gentiloni non ha nemmeno risposto al mio telefono. Da deputato all’opposizione, quando ho chiamato Berlusconi, non solo mi ha risposto, ma ha risolto un problema nel mio collegio elettorale in tre giorni”.

Ha anche valutato che le dinamiche del gioco politico per l’elezione dei capi di Stato potrebbero giovare a Berlusconi. “L’elezione del Quirinale è come la voce del presidente della banca popolare. Alcuni scelgono un farmacista perché è sempre disponibile, altri scelgono un medico di zona perché lo considerano un amico. Sono scelte vinte attraverso relazioni, campi dove Cavaliere è invincibile”.

Per ora Berlusconi ha iniziato la sua campagna per attirare consensi, sia a modo suo che fuori dai ranghi dell’amicizia. Il re ha inviato a vari parlamentari, ministri, dirigenti di partito e anche a diversi uomini d’affari decine di dipinti della sua impressionante collezione d’arte, che conserva nella galleria della sua villa di San Martino. Sono più che innocenti regali di Natale che coincidono, accanto alle elezioni del capo dello Stato, con il 50° anniversario della pinacoteca dell’ex presidente, che comprende centinaia di opere, alcune delle quali valgono, come i cinque milioni di euro di Tiziano.

Il suo scopo è rafforzare i legami politici esistenti e consolidare quelli ancora nella fase nascente, quindi tra i destinatari non ci sono solo leader di centrodestra, come Matteo Salvini, Giorgia Meloni o Antonio Tajani, ma anche esponenti di altri partiti, come Ministro degli Esteri ed ex capo politico del Movimento 5 Stelle (M5S), Luigi Di Maio.

Nei suoi discorsi recenti, Berlusconi è diventato ecumenico e ha abbracciato le cose che un tempo disprezzava, come il reddito civico, storico cavallo di battaglia del M5S. Ha cercato di presentare il profilo di uno statista, padre di Stato, convinto che la sua ascesa al Quirinale avrebbe dato serenità ai legislatori che temevano che la partenza di Draghi da un grande governo di coalizione potesse scatenare il caos politico e guidare il Paese. per le elezioni anticipate. .

Inoltre, nell’ambito di una calcolata strategia di immagine, Berlusconi ha raddoppiato la sua presenza sui social network. La sua ultima apparizione è stata quella di congratularsi con i suoi follower per il Natale in stile casa reale, con un video accanto a un albero gigante con il suo cane Gilda in braccio e con una foto con la sua collega, la deputata Marta Fascina.

Segui tutte le informazioni internazionali su Facebook voi Indonesia, o en la nostra newsletter settimanale.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.