Attività vulcanica sull’isola italiana: a Vulcano cresce la paura – Panorama – Società

Per molto tempo gli abitanti di Vulcano, una delle sette Isole Eolie, sono stati risparmiati dalle conseguenze dell’attività vulcanica. Tuttavia, lunedì, circa 250 dei circa 500 residenti permanenti dell’isola hanno dovuto lasciare le loro case e appartamenti per la prima volta. Il motivo: innumerevoli fumarole, fessure rocciose da cui fuoriescono i gas nocivi, stanno diventando sempre più calde e più attive.

Dopo la morte di diversi gatti domestici, il sindaco dell’isola principale di Lipari, Marco Giorgianni, ha preso le misure necessarie. Alla RAI ha detto che le persone colpite potrebbero vivere a Vulcano, ma in altre zone dell’isola. Le autorità vogliono contribuire alle spese alberghiere per i rifugiati. L’evacuazione iniziale deve durare un mese. Il governo locale della Sicilia, politicamente legato alle Isole Eolie, ha dichiarato lo stato di emergenza su Vulcano. L’isola è stata completamente chiusa ai turisti fino a nuovo avviso.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

“La concentrazione di gas nell’aria ci preoccupa davvero”, ha detto nel fine settimana il sindaco Giorgianni. I vulcanologi hanno stabilito che ogni giorno dalle fumarole fuoriescono 480 tonnellate di anidride carbonica, in genere circa 80 tonnellate.

Anche le concentrazioni dell’idrogeno solforato altamente tossico e del biossido di zolfo sono molto più elevate del normale. Tale CO2 non è tossica, ma è più pesante dell’aria. Se i fumi di CO2 delle fumarole penetrano in uno spazio chiuso, c’è il rischio di soffocamento perché il gas è inodore e quindi non verrà notato dagli occupanti che dormono.

Alla fine, tuttavia, i residenti non si preoccupano davvero delle emissioni di gas. La domanda che preoccupa di più: l’attività attuale, l’aumento delle temperature e l’accumulo di piccoli terremoti e terremoti oceanici nelle ultime settimane, è un segno di una grande eruzione vulcanica che potrebbe essere imminente?

Gli esperti non hanno una risposta definitiva. “Ma una cosa possiamo dirla con certezza: i processi geologici e termici all’interno del vulcano sono diventati squilibrati, il che ha portato ad un aumento delle emissioni di gas”, ha affermato Marco Viccaro, docente universitario e presidente dell’Associazione Vulcanologica Italiana. “In ogni caso, gli sviluppi devono essere seguiti da vicino”.

Gli scienziati considerano Vulcano più pericoloso, ad esempio, del vicino Stromboli e dell’Etna, molto più grande della Sicilia. Tuttavia, la pressione nella camera magmatica viene ripetutamente ridotta dalle spettacolari fontane di lava di questo vulcano attivo.

La lava non compare a Vulcano

L’Etna, che supera i 3350 metri di altezza, quest’anno è stata particolarmente attiva. Da metà febbraio ha eruttato regolarmente e occasionalmente in modo spettacolare. La pioggia di cenere è un problema frequente per le persone della zona, e l’aeroporto della città di Catania, ai piedi dell’Etna, ha subito in passato le operazioni temporaneamente sospese a causa di piste sporche. A settembre, il governo siciliano ha impegnato due milioni di euro al governo della città per aiutare con i danni causati dalle ceneri.

A Vulcano, invece, non è emersa lavica. E la pressione all’interno della montagna aumenta, fino a quando, a un certo punto, ci sarà un’eruzione esplosiva. Questo fu l’ultimo caso di Vulcano nel 1888; le eruzioni durarono fino al 1890. A quel punto, gli isolani potevano essere salvati in barca; per una colonia di galeotti che dovette estrarre zolfo nel “Grande Cratere”, l’eruzione terminò fatalmente.

Le sette Isole Eolie o Eolie – Lipari, Vulcano, Salina, Stromboli, Panarea, Filicudi e Alicudi – hanno tutte origine da vulcani. Lipari, Vulcano e Stromboli, che eruttano più volte al giorno, sono ancora attivi. Come l’Etna in Sicilia, si trovano tettonicamente all’interfaccia dove si incontrano le placche africane ed eurasiatiche.

Per gli amanti della natura, l’arcipelago, con il suo paesaggio modellato dal vulcanismo, la ricca flora e il mare blu cobalto, è una delle mete più attraenti d’Italia. L’arcipelago prende il nome da Eolo, l’antico dio del vento; Nella mitologia romana Vulcano era considerata la bottega del dio del fuoco Vulcano. Lo Stromboli, alto 900 metri, nell’antichità era conosciuto anche come il “Faro del Mediterraneo” per via delle sue regolari eruzioni, visibili da lontano e che potevano essere utilizzate dai naviganti per l’orientamento notturno. (con dpa)

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.