Amicizia speciale: Todt e Michael Schumacher – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro ancora

Michael Schumacher è stato insignito del Premio di Stato della Renania settentrionale-Vestfalia. Jean Todt terrà un discorso. C’è una buona ragione per questo.

Ci sarà un altro momento emozionante. Come sempre quando si tratta di Michael Schumacher. La sua famiglia sarebbe stata lì e un luogo a pochi chilometri da Kerpen respirava il passato di Schumacher.

Kart, auto sportive, trofei, caschi e la maggior parte delle auto da corsa di Formula 1 che sono diventate leggenda Michael Schumacher. Michael Schumacher è stato insignito del Premio di Stato della Renania settentrionale-Vestfalia dal Primo Ministro Hendrik Wüst. Non ci sarà, Michael Schumacher è scomparso alla vista del pubblico da un incidente sugli sci alla fine del 2013.

Omaggio a Michael Schumacher

Un discorso di lode al Motorworld di Colonia, a soli 25 chilometri dall’ex casa di Schumacher, sarà tenuto questo mercoledì da Jean Todt, compagno, co-garante del successo, ma soprattutto grande amico del 53enne – e la sua famiglia. “Jean è una delle persone più forti che abbia mai incontrato e tutta la nostra famiglia è orgogliosa di averlo come amico”, ha detto Corinna Schumacher di Todt.

È iniziato quasi tre decenni fa. Nel 1994 Michael Schumacher e Jean Todt alloggiavano nello stesso hotel. Fu la gara di Spa-Francorchamps a diventare il primo anno titolato di Schumacher. Schumacher all’epoca guidava per la Benetton, mentre Todt lavorava già come capo squadra per la Ferrari.

E il francese aveva un solo obiettivo: trasformare una squadra letargica, che non aveva vinto un titolo dalla vittoria di Jody Scheckter nel 1979, in una squadra di nuovo successo. Ed era chiaro a Todt all’epoca che questo Michael Schumacher era l’unico pilota in grado di farlo. Anche un’azienda audace. “L’uomo che, attraverso le sue due vittorie con un’altra scuderia italiana in Formula 1, la Benetton, ha umiliato ancora di più l’ammiraglia fallita Ferrari – quest’uomo ora deve essere il salvatore?” La parola biografica “Michael Schumacher”.

Il profondo legame tra Todt e Schumacher

Leggi anche

Formula 1

Dovresti prestare attenzione a questo al Gran Premio d’Austria

Todt ha dovuto rassicurare anche uno scettico Tifosi dopo la firma del contratto intorno alla mezzanotte di un anno dopo l’incontro all’hotel di Spa dell’allora residenza di Schumacher a Monaco.

“Michael e Jean Todt hanno attraversato momenti difficili insieme prima che potessero godersi i bei momenti insieme”, ha detto il manager di Michael Schumacher, Sabine Kehm: “E poiché si sono supportati a vicenda nei momenti difficili, sono stati in grado di godersi i bei momenti per tutto il tempo. tempo. divertiti di più.

I primi anni di lavoro insieme furono tra i tempi piuttosto difficili. Solo nel 2000 sono iniziati tempi non solo buoni ma anche straordinari. “Il tempo con Michael sarà sempre ricordato come il migliore della mia vita. Ci amiamo perché abbiamo scritto storie fantastiche insieme”, ha detto Todt in un’intervista a “Sport Bild”.

Todt e Schumacher hanno celebrato la prima di un totale di cinque vittorie consecutive nel Campionato del Mondo sul podio di Suzuka quasi 22 anni fa. Emozionato, ebbro di gioia, euforico. Sulla strada per la cerimonia di premiazione, Todt Schumacher ha detto all’epoca che il loro rapporto professionale non sarebbe più stato lo stesso d’ora in poi. “Ho detto che qualunque cosa fosse successo, le cose sarebbero cambiate per sempre. Ed è così che è successo”.

La vita privata della leggenda della Formula 1 è protetta

Ciò che resta sono le profonde amicizie che si sono forgiate nel corso degli anni. Un’amicizia che resiste ad ogni prova di stress anche nei momenti difficili e continua. Insieme a Ross Brawn, con cui Schumacher aveva lavorato alla Benetton, alla Ferrari e poi tornato in Mercedes, Todt è stato uno dei primi ad arrivare a Grenoble quella sera dopo un incidente sugli sci del 29 dicembre 2013. Schumacher stava combattendo per la sua vita lì, dopo aver subito una lesione cerebrale, rimase gravemente traumatizzato quando cadde su una roccia, che ancora oggi si sta riprendendo.

Non si sa come fossero le reali condizioni di Schumacher. La famiglia ha protetto la vita privata della leggenda della Formula 1 come una volta proteggeva la sua famiglia. Todt visita regolarmente il suo amico Schumacher, è lì per la famiglia. “Dobbiamo accompagnarlo in questa lotta, sostenere sua moglie Corinna, che è una donna meravigliosa e si prende cura di lei e dei suoi figli. Dobbiamo aiutarli e rispettare il più possibile i loro desideri”, ha detto in un’intervista all’italiano quotidiano “La Repubblica”.

E quando Todt ha salutato come Presidente dell’International Automotive Association nel dicembre dello scorso anno, ha detto, con aria commossa: “Mi manca che Michael sia con noi stasera, perché fa parte della mia vita, lo sarà sempre”. Anche questo mercoledì, quando Todt farà un discorso di lode al suo migliore amico.

© dpa-infocom, dpa:220719-99-78544/2

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.