“Addio alla Coppa del Mondo”: Leclerc sotto pressione nella lotta per il titolo – notizie sportive su hockey su ghiaccio, sport invernali e altro ancora

Charles Leclerc era troppo sotto pressione? Max Verstappen supera la stella Ferrari nella corsa al titolo. Dieci gare alla fine, ma anche se la macchina è migliore, le prospettive sono difficili.

Dopo il catastrofico fallimento di Charles Leclerc, la Ferrari è passata rapidamente alla modalità di attacco. “Non c’è motivo per cui non abbiamo vinto le ultime dieci gare. Sono molto positivo perché il pacchetto va bene”, ha detto Mattia Binotto, team boss della Scuderia.

Il fuoriclasse Leclerc ha perso ben 25 punti in classifica generale contro il campione del mondo di Formula 1 Max Verstappen, che ora ha 63 punti di vantaggio dopo 12 delle 22 gare, a causa del suo errore di domenica a Le Castellet, in Francia.

La Ferrari si complica la vita

Era già una decisione anticipata nella lotta per il titolo? “Addio al Gran Premio di Francia e forse al Mondiale”, ha scritto il quotidiano italiano “La Repubblica”. È un po’ troppo presto per questo, ma lo svizzero “Blick” ha spiegato brevemente il problema: “Rende più facile per il campione del mondo Max Verstappen vincere il suo secondo titolo mondiale nel 2022”. Mentre l’olandese sfruttava freddamente gli errori della competizione, la Ferrari si complicava la vita. O per un problema tecnico o per un errore di guida come domenica dello sfidante Leclerc, scattato in testa alla classifica.

Il 24enne monegasco non regge bene la pressione, l’ex campione del mondo Jacques Villeneuve ha giudicato nella colonna “Formule1.nl” e ha proseguito dicendo che affrontare situazioni difficili è stata “una grande differenza per Verstappen”: “Noi avere un campionato con due vetture relativamente potenti, ma una ha un grande vantaggio”. Anche l’ex campione tedesco Nico Rosberg ha scoperto su Sky che Leclerc “non avrebbe dovuto permettere” simili errori.

“Potenziale per il titolo”

Sebbene le ragioni fossero diverse, è stato il terzo fallimento stagionale di Leclerc a Le Castellet. “Le Ferrari sono più forti, quindi non è ancora finita”, ha detto Rosberg del duello per il titolo. Anche la scuderia italiana è convinta di questo. “Abbiamo del potenziale”, ha detto Binotto, che non vedeva motivo di criticare il suo pilota: “Sì, è stata colpa di Charles, potrebbe succedere, ma è un grande pilota”.

Leggi anche

Formula 1

Dovresti saperlo sul Gran Premio d’Ungheria

Il compagno di squadra Carlos Sainz, vincitore in Gran Bretagna, è saltato al fianco di Leclerc. “Quello che gli è successo può succedere a chiunque, incluso me o Max, perché guidiamo sempre al limite e premiamo. Sono sicuro che si riprenderà da quello”, ha detto lo spagnolo. Leclerc ha già la possibilità di fare meglio domenica al Gran Premio d’Ungheria di Budapest. L’ultima gara prima della pausa estiva di tre settimane è tutta per avvicinarsi a Verstappen. “Ho detto a Charles e Carlos che abbiamo un nuovo obiettivo, che è una doppia vittoria”, ha detto Binotto.

Ricordi dell’anno di gara 2018

Con queste sfide, in particolare alla Red Bull, l’Italia sta cercando di distrarre dalle proprie mancanze. Molte cose ci ricordano anche il 2018, quando Sebastian Vettel hanno le migliori possibilità di vincere il titolo alla Ferrari. Nella battaglia con la Mercedes, la Scuderia ha avuto per molto tempo una vettura migliore, ma non ha potuto utilizzarla a causa di incidenti, viaggi e altri errori. “Il mio più grande nemico sono me stesso”, disse Vettel di se stesso in quel momento. Ha dovuto cedere il titolo a Lewis Hamilton e ha perso la sua migliore occasione nella corsa rossa.

“Non è facile avere questo ritmo e queste prestazioni e affrontarle. È un lavoro duro e mi sento per l’intera squadra”, ha detto Hamilton della situazione alla Ferrari. Come sette volte campione del mondo, conosce meglio i suoi problemi.

A volte ci sono errori evidenti, a volte solo sfortuna: il 2018 e il 2022 sono simili per la Ferrari. Allora, le frecce d’argento lavoravano in modo più mirato e concentrato, ora la storia potrebbe ripetersi con la Red Bull. La Ferrari ha aspettato un campione del mondo di Formula 1 dalla vittoria di Kimi Raikkonen nel 2007. Gli ex campioni Fernando Alonso e Vettel hanno fallito nel loro tentativo di riportare alla squadra l’antica gloria di Schumacher. Leclerc, che ha subito ammesso i suoi errori in Francia, ora è più sfidato che mai. “Questo è inaccettabile e devo affrontarlo”, ha detto.

© dpa-infocom, dpa:220725-99-147260/2

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.