Ad alcuni piace la pizza con eidam, ma io non la sceglierei, dice il pizzaiolo che ha portato l’Italia a Brno | Società di notizie

La pizza lo ha affascinato per la prima volta all’età di tredici anni, a quarant’anni ha deciso di far conoscere a Brno il vero gusto della prelibatezza italiana con tutto. Petr Kolář ha ricostruito l’ex edificio non-stop in una deliziosa pizzeria, dove l’esperienza gastronomica si svolge sulle note della musica del sud.

Percorrendo la via Dukelská Brno la piccola La Cucina Nera è appena visibile, ma solo pochi passi nella giusta direzione ei passanti vengono attratti dal profumo della pizza appena sfornata. Petr Kolář ha portato gli italiani a Brno dopo essersi innamorato del piatto e averne appreso la preparazione durante una visita a una famosa pizzeria in Slovenia. “Il mio amico sloveno, pizzaiolo, ha studiato a Milano. E sono rimasto affascinato dall’approccio locale alla cucina. Voleva che tutto fosse fatto come dovrebbe essere. E questo pone molta enfasi sui dettagli”. spiegato.

Nel sud dell’Europa, quindi, servono cibo onesto ai clienti senza sostituti, cosa non comune in questo paese. “In Italia puoi venire in un vecchio ristorante dove puoi sederti a un tavolo con una tovaglia sporca, ma il personale ti porterà comunque cibo delizioso su un piatto.” ha spiegato Kolář.

La pizzeria, in origine grafico, gira l’Europa grazie alle gare di parapendio che allena. Amava l’Elba in Italia e ha anche assaggiato la prima pizza su una delle isole del Mediterraneo, che lo ha affascinato. “Ho una buona memoria gustativa e ricordo ancora quell’esperienza. A tredici anni avevo un ottimo margherita a Capri e so ancora che sapore hanno i pomodori sopra”. disse il padre dei gemelli di quarantaquattro anni.

Petr Kolář era abituato al parapendio, grazie al quale ha viaggiato in Europa

Poiché Kolář non aveva l’opportunità di ordinare una buona pizza nella metropoli della Moravia, iniziò a fare progetti per la propria attività con un vecchio amico. Hanno riparato un’ex casa da gioco, che era in cattive condizioni, e hanno aperto le sue porte ai clienti mesi prima dello scoppio della pandemia di coronavirus. Paradossalmente, hanno prosperato e hanno assunto nuovi dipendenti.

Kolář sente anche lodi per la sua pizza da nativi italiani. Ma i clienti non sono contenti che sia migliore di quello italiano. “Sono un po’ deluso da questo, e dico a persone del genere di non paragonarci alla pizza che prendono al resort. In Italia, devi prima andare nella pizzeria tradizionale per affondare. E poi ci saranno sorprese .”“spiegava la pizzeria, che si vedeva nel ristorante in un forno combinato con pietre rotanti.

La Nera Cucina dispone di un forno combinato a roccia rotante che utilizza gas e legna

Nella pizzeria di Brno fanno fino a trecento pietanze al giorno a legna e gas. Tuttavia, secondo Kolář, il processo di selezione degli ingredienti di qualità e il miglioramento dell’impasto richiede molto tempo. “Abbiamo provato un’ampia varietà di ingredienti da molti fornitori e così anche l’impasto. Abbiamo testato diverse versioni calde e fredde e valutato quale fosse la migliore,Ha spiegato che coltiva lui stesso erbe italiane.

Tuttavia, nonostante il suo amore per il cibo e il cibo di qualità, Kolář non ha una visione negativa della pizza eidam, che i commensali di pizzeria cechi incontrano spesso. “Immagino che a qualcuno piaccia la pizza con eidam, ma non la sceglierei. Nella Repubblica Ceca mi dà fastidio che la pizza sia trattata come un piatto semplice e facile da preparare. Non è così”, spiega la pizzeria, secondo la quale ogni impasto è buono da lavorare in due o tre giorni e la composizione va adattata alla stagione in corso.

La pizza Margherita e la pizza Nera sono apprezzate dai clienti

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.