Abitudini alimentari dannose per il cervello

Il cervello utilizza il 20 per cento dell’energia del corpo ed è il primo a soffrire quando l’energia del cibo è limitata.

Stai esagerando con lo zucchero

Se vuoi ottenere il massimo dal tuo cervello, presta attenzione a quanto zucchero metti nel tuo corpo. Potrebbe anche sembrare che tu stia mangiando qualcosa di sano e in realtà contiene zuccheri nascosti, quindi è importante leggere gli ingredienti sulla confezione.

“La funzione cerebrale dipende molto dai livelli di zucchero nel sangue, perché il glucosio è considerato il principale carburante per il cervello. Sebbene troppo zucchero non danneggi direttamente il cervello, può causare il rilascio di grandi quantità di insulina. L’insulina influisce sull’accesso di vari aminoacidi al cervello, inibendo più precisamente la consegna della maggior parte degli aminoacidi tranne il triptofano”, ha spiegato il dott. Dimitar Marinov.

Non mangi carboidrati

“Il glucosio non è l’unico carburante per il cervello, ma può anche bruciare chetoni. Una ridotta assunzione di carboidrati nel corpo provoca chetosi, una condizione in cui il fegato scompone le cellule adipose in acidi grassi e chetoni. Anche se la maggior parte degli appassionati di chetodieta giura che la combustione dei chetoni è più ottimale e migliora la funzione cerebrale, l’adattamento ad esso non avviene in un giorno”, ha affermato il dott. Marinov e prosegue spiegando:

“A meno che il tuo corpo non si adatti bene alla chetosi, interrompere l’assunzione di carboidrati può portare a livelli di zucchero nel sangue instabili e persino ipoglicemia quando si verificano confusione e persino perdita di coscienza a breve termine”.

Consumi troppo alcol

“Consumare più di quanto raccomandato, fino a due bevande alcoliche al giorno, può influenzare la normale funzione cerebrale.

“Troppo alcol può influenzare il livello dei neurotrasmettitori nel tuo corpo nel tempo. “Sono una specie di messaggero chimico che aiuta le cellule cerebrali a comunicare, anche se a volte consumano grandi quantità di alcol”, afferma la dott.ssa Melissa Mitri.

Saltare i pasti

“Quando salti un pasto, il corpo entra in una modalità compensatoria per cercare di creare abbastanza glucosio per il cervello e bilanciare correttamente lo zucchero nel sangue. Questo può manifestarsi nel corpo come bassi livelli di energia, ansia e incapacità di concentrazione”, afferma il dietista Liz Vajosnik e aggiunge:

Crede che dovresti fare colazione entro e non oltre un’ora dopo il risveglio, e poi mangiare un pasto equilibrato ogni tre o quattro ore durante il giorno.

Lavori e mangi allo stesso tempo

“Eseguire più attività durante un pasto significa che non sei consapevole del cibo che hai di fronte. Facendo multitasking durante un pasto, perdi facilmente la sensazione di sazietà, cioè non ti concentri sui segnali che il tuo corpo sta inviando te. Pertanto, la capacità del tuo cervello di registrare sentimenti di pienezza e soddisfazione per il cibo è disturbata”, afferma il dottor Vajosnik.

“I disturbi alimentari possono portare a sentimenti di insoddisfazione dopo il cibo che mangi, quindi è più probabile che tu mangi una varietà di snack”, spiega il medico.

Non stai assumendo abbastanza vitamina B12

“La vitamina B12 protegge le cellule nervose e aiuta a creare neurotrasmettitori che facilitano la comunicazione tra le cellule nervose. I sintomi della carenza di vitamina B12 includono scarsa memoria, confusione, depressione e demenza. “La carenza non trattata di questa vitamina può causare danni irreversibili ai nervi. riparata,” disse la dottoressa Elizabeth Ward.

Aggiunge che le persone che evitano tutti i cibi di origine animale o non ne mangiano abbastanza, possono facilmente sviluppare una carenza di vitamina B12, soprattutto dopo i 50 anni, scrive msn.com, riporta 24 sata.hr.

La tua dieta è ricca di grassi saturi

“Secondo me, una dieta ricca di grassi saturi è il più grande nemico del tuo cervello. “Una tale dieta può promuovere il declino cognitivo, nonché peggiorare il deterioramento cognitivo nelle persone che hanno già problemi mentali”, spiega la dott.ssa Sandra El Haj.

Inoltre, una dieta ricca di grassi saturi provoca diverse complicazioni che possono portare ad ansia, comportamento depressivo, omeostasi disturbata e aumento delle citochine infiammatorie. “Tutto ciò si traduce in uno squilibrio nella funzione mentale e cognitiva”, ha aggiunto il medico.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.