A proposito di Ponos, tabloid, deputati e Vucic

Sebbene parti dell’opposizione riunite attorno al Partito Libertà e Giustizia e al Partito popolare non abbiano ancora discusso la questione di un candidato congiunto per le elezioni presidenziali, l’informazione ufficiosa che potrebbe trattarsi di Zdravko Ponos è sufficiente per lanciare un attacco casuale da parte del governo e media filogovernativi.

Con il rinvio della nomina di un nuovo ambasciatore americano, la menzione del nome di Christopher Hill in Serbia ha iniziato a scivolare.

“Quando qualcuno decide di ritirare Christopher Hill e portarlo qui, allora c’è un grado abbastanza alto di certezza che non lascerà qui e Vucic rimarrà”, ha detto in precedenza a FoNet Zdravko Ponos, vicepresidente del Partito popolare.

E la valanga si mosse. Non appena sono emerse informazioni non ufficiali secondo cui Zdravko Ponos era un potenziale candidato dell’opposizione alle elezioni presidenziali, i suoi commenti sul diplomatico americano sono bastati a ispirare identici tabloid filogovernativi: l’opposizione sperava nell’aiuto occidentale per rovesciare Vucic. La tesi sulla distruzione della Serbia ha poi trovato posto tra le interrogazioni parlamentari.

“Chi attualmente critica di più il governo di Aleksandar Vučić e chiede sostegno agli stranieri?” Ovviamente Zdravko Ponos, che, come capo di stato maggiore generale, ha schiacciato l’esercito serbo ed era il più debole quando Ponos lo guidava”, ha affermato Uglesa Mrdic, membro del parlamento della lista “Aleksandar Vucic – per i nostri bambini”.

E poi la questione dell’intervento straniero e della situazione nell’esercito 15 anni fa si è aperta a Glasgow, subito dopo la storia del cambiamento climatico.

Pink: Dicono che sia l’unico in guerra con te…

Vučić: Che tipo di guerra?

Pink: Quindi questo è il titolo, l’ho appena letto…

Vucic: Sì, va bene. Se la gente sceglieva un uomo che si distingueva per le sue attività quando era Capo di Stato Maggiore Generale, ed era generalmente noto come rafforzasse il nostro esercito. Se le persone vogliono che facciano affidamento sul potere degli ambasciatori stranieri – per aiutarli a portare e rimuovere dal potere non so quando, mi congratulerò sicuramente.

“Un prerequisito per me per pensare più seriamente alla candidatura presidenziale della Serbia è che l’opposizione raggiunga un accordo su un’unica apparizione alle elezioni a tutti i livelli”. Se ciò accade, allora sono pronto a concordare sul fatto che il mio nome deve essere uno dei nomi il cui potenziale di successo deve essere misurato”, ha detto Ponos a proposito della sua possibile candidatura.

Quindi, l’accordo del partito di opposizione sul candidato alla presidenza non è stato raggiunto, ma il governo ha riconosciuto il candidato.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.