A Crisis Staff era chiaro che sarebbe stato ridicolo, non c’era la “e” dell’epidemiologia

L’epidemiologo Zoran Radovanovi ha affermato in Novi e H1 che non è un caso che Crisis Staff sia così passivo da aver perso ogni credibilità. Ed è chiaro a queste persone che sarà ridicolo se decideranno qualcosa, l’attuazione (dell’azione) viene evitata perché può far arrabbiare i cittadini, sono tutti potenziali elettori. conseguenze di passi sbagliati in passato. Ha commesso l’errore di lasciare che vari strambi parlassero di sciocchezze incomprensibili e confondessero le persone”, ha detto.

Ha aggiunto che abbiamo avuto una frenesia da parte dei membri del Crisis Staff, che stava consigliando ai suoi colleghi di astenersi vigorosamente da quell’atteggiamento, ma non lo stavano facendo e non era una buona strategia.

Dice di essersi dimesso ed è confuso da molto tempo.

“La lotta tra il virus e le persone va avanti da 18 mesi e le autorità sanitarie si comportano come un giudice fuori dal ring, un giornalista sportivo porterà più emozioni, come se lo Staff di Crisi e le autorità si schierassero”. con virus. È inspiegabile, siamo uno dei pochi paesi che ha passato il peggio al mondo intero: il Perù ha passato il peggio, quindi stiamo combattendo la Bulgaria, c’è la Macedonia”, ha detto.

Radovanovi afferma che se si progettano azioni e si prendono decisioni, allora deve esserci un meccanismo di controllo per attuare tali azioni e aggiunge che le abbiamo.

“Il problema è perché non si fa, il personale di crisi e le autorità sanitarie perdono la loro autorità, le persone si tolgono le mascherine, entrano negli autobus senza mascherine, le azioni vengono ignorate e minime. Dal momento che S. Infine George, abbiamo il modello svedese diluito alla maniera balcanica, applicato in modo incoerente, e che ha lasciato delle conseguenze. Il fatto è che all’inizio dell’estate, la quinta ondata deve essere prevista, dipende da noi qual è la scala. A gennaio abbiamo più vaccini di qualsiasi altro, di cui essere orgogliosi al mondo, e quindi nessuna spiegazione alle persone. Voglio che le persone del Ministero della Salute, del personale di crisi, vadano in ospedale a parlare con i medici che sono al limite e che hanno lasciato il sistema sanitario. “Il rischio più grande per gli operatori sanitari nella prima e nella seconda ondata, quando è ancora più caotico”, ha affermato Radovanovic.

Crede che non siamo vaccinati al 52 per cento, perché, come ha detto, la percentuale di vaccinati non può essere calcolata su una fascia di popolazione, ma sull’insieme.

“Poi eravamo sul quaranta per cento, la situazione era grave e non bastava. È un peccato, è una sconfitta per le nostre autorità sanitarie che non promuovono la vaccinazione, lasciamo sbocciare tutti i fiori e quando hai un approccio del genere, le erbacce dominano. Ha senso che le vaccinazioni diventino obbligatorie per alcune categorie di dipendenti, è un obbligo etico e professionale per gli operatori sanitari, in Crisis Staff, tra gli altri decisori, i criteri sono quelli che dicono i sondaggi dell’opinione pubblica”, ha affermato Radovanovic.

Ha detto che quando c’è una minaccia per la salute, quando c’è una pandemia, c’è l’obbligo per le autorità di agire e, se è inadeguato, c’è una questione di responsabilità e arriverà il momento in cui tali domande saranno ricevere una risposta. ha aperto.

“La costituzione è chiara, gli avvocati dicono che la Costituzione lo consente. Abbiamo le vaccinazioni obbligatorie, abbiamo 11 vaccini obbligatori, nel 2017 si è deciso di non ledere i diritti e le libertà dei cittadini, non i bianchi e neri. I rischi e i benefici sono valutati, l’articolo 20 della Costituzione dice che i diritti e le libertà possono essere limitati se giustificati, e lo regola la legge sulla protezione delle popolazioni dalle malattie infettive. A volte perdo la pazienza quando la legge è citata erroneamente. Dice che le autorità sanitarie possono ‘non fate niente perché non permettono la legge, l’11 novembre è stata varata la nuova legge è la stessa della vecchia, è inserita una sentenza e mezza, è entrato il Crisis Staff, fino ad allora è un ente illegale Ci sono più di 10 membri che immaginano una punizione, il servizio di ispezione è coinvolto, il motivo è che c’è poco supervisore dei servizi igienico-sanitari, ho l’autorità come ispettore dei servizi igienico-sanitari nel 1972 quando la situazione era at, può essere facilmente risolto amministrativamente se c’è una volontà”, conclude l’epidemiologo Zoran Radovanovi.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.