2022 Presidenza CELAC Pro Tempore

Alla XXI Riunione dei Ministri degli Esteri della CELAC, tenutasi a Buenos Aires lo scorso gennaio, dove la Repubblica Argentina è stata eletta alla guida della Presidenza Pro Tempore per il 2022, l’Anti-Corruption Office (OA), l’organo di governo sulle questioni di etica e integrità nell’opinione pubblica nazionale amministrazione, ha guidato tutta l’azione cooperativa regionale all’interno di questa comunità.

La priorità del Gruppo di lavoro è rafforzare i canali di dialogo e consenso esistenti e consolidare l’agenda anticorruzione a livello regionale. La disposizione dell’ordine del giorno della riunione riflette i progressi e lo sviluppo dei quattro assi tematici, concordati nell’ottobre 2021, durante la presidenza messicana.

L’apertura della conferenza è stata pronunciata da Félix Crous, presidente dell’OA, che ha sottolineato l’importanza che il CELAC sia ancora una volta uno spazio centrale per l’integrazione regionale e la cooperazione per i paesi dell’America Latina e dei Caraibi nella prevenzione e nella lotta alla corruzione. obiettivi presidenziali, definire la nostra agenda, sviluppare azioni congiunte, progettate all’interno del Gruppo, che consentano una cooperazione più efficiente per affrontare questi problemi.

In questo quadro, Crous ha spiegato che l’agenda proposta “riflette il costante impegno assunto dal nostro Paese per rafforzare gli approcci preventivi nella lotta alla corruzione. Pertanto, miriamo a definire azioni congiunte progettate in gruppi che consentano una cooperazione più efficiente. Ciò che è rilevante se guardiamo all’attuale contesto internazionale che ci colpisce tutti in modi diversi, violando i diritti e le speranze di milioni di persone”. Il presidente dell’OA ha anche affermato che “proponiamo di utilizzare la cooperazione internazionale in modo pratico ed efficiente, per la gestione dell’integrità dei paesi CELAC” per “contribuire al rafforzamento istituzionale e alla gestione basata sulla replica della strategia con risultati tangibili”.

Intanto il Segretario della Direzione Regionale del Ministero degli Affari Esteri e del Culto, Lisandro Basilico, ha rivelato: “il rafforzamento della CELAC ci propone di affrontare un’agenda più ambiziosa con esigenze di ripresa post-pandemia” e ha aggiunto che “questa sfida implica più cooperazione, più dialogo, con maggiori opportunità di sviluppo migliore per la nostra società”.

Nel primo panel sono state presentate presentazioni sull’Asse I: Etica e Integrità nel Servizio Pubblico, dove i delegati provenienti da Messico, Perù e Repubblica Dominicana hanno raccontato le loro esperienze nei rispettivi paesi; e Asse II: Integrità aziendale e partenariato pubblico-privato (APP), in cui sono intervenuti funzionari dell’Argentina e del Paraguay.

In rappresentanza dell’Argentina, Luis Villanueva, vicesegretario alla pianificazione della politica di trasparenza dell’OA, ha parlato del Registro di integrità e trasparenza per le società e le entità argentine (RITE) e ha affermato che “la principale fonte di ispirazione per questa iniziativa è il lavoro che il Messico sta facendo sulla sua integrità List? È un’iniziativa di politica pubblica. in cui le aziende forniscono spiegazioni sui loro piani di integrità, sui loro rapporti con il settore pubblico”. Il funzionario dell’OA ha anche spiegato che “la piattaforma RITE è educativa, ha due gambe principali: la forma e i materiali che sono in la cassetta degli attrezzi. Questo è uno spazio collettivo in cui forniamo informazioni. , materiali, conoscenze, in modo che le medie e piccole aziende, nonché le cooperative possano sviluppare programmi di integrità. Crediamo di contribuire alla democratizzazione delle politiche di integrità, condividendo le informazioni, quindi che il rapporto tra pubblico e privato diventi trasparente”.

Al secondo panel, la partecipazione relativa all’Asse III: Open Government e Open Data per la prevenzione e l’eradicazione della corruzione, in cui i delegati di Argentina, Repubblica Dominicana e Colombia hanno presentato buone pratiche sviluppate nei loro paesi; e Asse IV: Protezione degli informatori, dove i rappresentanti di Italia e Argentina condividono le loro esperienze.

In tema di Open Government e Open Data per conto dell’Argentina, il viceministro dei Servizi e dello Stato digitale, Ana Carina Rodríguez, ha parlato delle esperienze regionali e delle sfide dell’apertura e della lotta alla corruzione.

Infine, Omar Sosa, Direttore Nazionale di Investigation and Control di OA, ha presentato il Whistleblower Protection Scheme in Argentina, descrivendo in dettaglio i regolamenti e la loro attuazione. Nella sua spiegazione, Sosa ha spiegato in dettaglio come il sistema di protezione dei testimoni è regolamentato nel regno penale e federale nel nostro Paese e ha chiarito che “un informatore è inteso come un cittadino che notifica all’autorità competente un sospetto evento criminale”. . In questo quadro, Sosa ha affermato: “Gli informatori sono fondamentali per rilevare atti illeciti e punire i responsabili, dato che non solo possono fornire notifica della loro ubicazione, ma anche identificare autori e partecipanti e fornire prove per chiarimenti. Per questo motivo, è importante istituire sistemi che incoraggino la segnalazione di atti illeciti e proteggano gli informatori da ritorsioni o abusi o altre conseguenze derivanti dalla presentazione di una denuncia”. Infine, il funzionario dell’OA ha spiegato il meccanismo di protezione degli informatori nel nostro Paese e le sue tipologie: informatori anonimi, informatori protetti dall’identità e informatori che forniscono i propri dati di identità.

Successivamente, in occasione del terzo panel, sono stati discussi i documenti di lavoro del Gruppo concordati sotto la presidenza messicana nel 2021 e presentato un piano di lavoro per l’anno, tenendo conto della loro futura approvazione alla prossima Ministeriale che avrà luogo in Messico. .in uscita a novembre.

La cerimonia di chiusura è stata presieduta da Deborah Hafford, direttrice di OA Institutional Relations, che ha evidenziato “la necessità di convalidare la preparazione dei quattro risultati, concordati nel 2021, durante la Presidenza pro tempore del Messico”. Dopo aver condiviso il programma di lavoro per il 2022, il funzionario dell’OA ha chiesto che “ciascuno Stato membro agisca come un punto focale nel nostro Paese per raccogliere informazioni e consolidarle in questi documenti e giungere a una conclusione entro novembre, come data anticipata”.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.